domenica 1 aprile 2012

Possibile …

Montì, nell’ultima intervista in Cina, dichiara la sua ferma intenzione di reintrodurre la multa per tutti i clienti che non conservano lo scontrino fiscale per 200 cento metri dall’uscita dei luoghi dove hanno fatto acquisti, consumato beni, fruito servizi. La multa sarà fissa di euro 30,00. Saranno esonerati i clienti inferiori a 10 anni e tutti i consumatori di gelati da passeggio di qualsiasi età, per evitare che il gelato si possa squagliare durante l’accertamento fiscale …

Sì, è solo un pesce d’Aprile
In un paese dove gli imprenditori dichiarano (nel 2011) un reddito inferiore agli operai potrebbe essere un vero deterrente. Sì, è vero che possiamo sempre pretendere lo scontrino; ma con una scusa forte potremmo essere più coraggiosi e indiscreti con il nostro cordiale negoziante.
Eppure una volta questa multa fu introdotta, poi appena stava cominciando a creare dei problemi all’evasione fiscale fu tolta; si disse che furono multati dei bambini e per strani sensi di pietà lentamente i governi eliminarono la multa per i consumatori.
1 aprile 2012 francesco zaffuto
(immagine - un pesce d'aprile con un vago muso di spada)

5 commenti:

  1. che schifo! che mediocrita'! invece di capire come mai un imprenditore puo' dichiare meno di un operaio, ma questo non lo fo perche' andrebbe a colpire i riccchi suoi amici, si attacca allo scontrino. Come se il problema dell'Italia sta in quei 200 metri senza scontrino. Ma mi faccia un piacere sto professorere............ mi blocco altrimenti mi incazzo pure di domenica e non e' salutare per la mia pressione ciao

    RispondiElimina
  2. Caro Michele,
    questa volta il professore è innocente, è un mio pesce d'Aprile. Non ti arrabbiare con con me e buona domenica ... anche io vado a misurarmi la pressione ...

    RispondiElimina
  3. Speriamo che al tuo pescespada di aprile non abbocchi il prof.
    In effetti ha ragione Michele qui sopra: come è possibile che, da sempre, siano state accettate dichiarazioni dei redditi di commercianti artigiani professionisti a un livello che, oltre che ridicolo, è un'offesa alla logica e al buon senso? Un menomato mentale capirebbe che un commerciante (o uno degli altri citati) che gira in Maserati e dichiara 7000 euro annui di reddito lordo, esentato dai ticket sanitari e magari con un aiutino dal comune, è "probabilmente" non in regola con le tasse.
    Anziché controllarli con gli scontrini spiccioli, sarebbe sufficiente fare un riscontro tra il dichiarato e il tenore di vita. Ma è troppo logico e neanche troppo difficile da mettere in atto. Quindi continueremo a godere di pesci d'aprile per tutti i giorni dell'anno. In faccia.

    RispondiElimina
  4. Le tue parole sono pungenti come il pesce che hai disegnato.
    un abbraccio

    RispondiElimina
  5. Beh, io sono abboccata...
    L'unica cosa che mi lasciava perplessa era la gentilezza nel preoccuparsi che si sciogliesse il gelato :)))
    Grande Francesco!!!
    Ciao,
    Lara

    RispondiElimina

SI POSSONO INSERIRE RETTIFICHE E COMMENTI A QUESTO POST IMMEDIATAMENTE ED AUTOMATICAMENTE. CHI INSERISCE RETTIFICHE E COMMENTI LO FA SOTTO LA PROPRIA RESPONSABILITA’ – Il curatore di questo blog si riserva di cancellare rettifiche e commenti che possano contenere offese a terzi o appelli alla violenza. Grazie per ogni rettifica o commento che andate ad inserire. Quando posso e quando trovo qualche parola rispondo.

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.