martedì 3 dicembre 2013

8 dicembre

L’idea che un qualsiasi cittadino vagamente orientato verso una componente politica possa andare a votare per le primarie di una coalizione che sta scegliendo il leader è comprensibile. Ma l’idea che un qualsiasi cittadino possa andare a votare per il segretario di un partito mi pare un po’ bislacca.
Considerato che io non appartengo al PD, e che sono solo vagamente orientato a sinistra, non andrò a votare in queste primarie.
Il segretario di un partito dovrebbe  “in qualche modo”  dar conto dei propri atti agli iscritti del partito; e con loro dibattere e redigere un programma. Ma se il segretario è eletto da una base ben più ampia degli scritti potrà dire che il suo parere conta ben di più.
Ricordo vagamente una canzone di Gaber che diceva “democrazia è partecipazione”; individuare solo un uomo a cui affidare il destino non mi pare un buon esercizio.
Le personalità nella storia hanno avuto una loro incidenza, spesso grande, e raramente hanno lasciato dei bei ricordi. Occorre entrare nel merito delle cose da fare;   e occorrono tanti uomini liberi, responsabili e pensanti.
03/12/13 francesco zaffuto

Immagine – l’uomo del destino acquerello

8 commenti:

  1. Peccato che l'espressione:
    "tanti uomini liberi, responsabili e pensanti."
    Sia l'esatto contrario del termine generico "sinistra".

    RispondiElimina
    Risposte
    1. occorrono sia a sinistra che a destra, al centro, sopra e sotto

      Elimina
    2. Un uomo "libero, responsabile e pensante" non può aderire a nessuna ideologia per il semplice fatto che le ideologie rifiutano di mettersi alla prova rifugiandosi nella metafisica. Da cui per avere "fede", per "credere", devi sospendere la ragione, cioè smettere di pensare con la tua testa.

      Tanto per stare sul termine "sinistra", che si rifà alla disposizione dei deputati francesi immediatamente prima della rivoluzione, fino dai primordi ha significato genocidio, guerra e imperialismo. Tanto che gli ideali rivoluzionari di uguaglianza, fratellanza e libertà, sono stati esportati in tutta Europa sulla punta delle baionette napoleoniche.

      Arriverei a dire che "sinistra" e "destra" esistono proprio perché mancano uomini liberi e pensanti e abbondano masse di servi idioti (nel senso originale del termine).

      Elimina
    3. Abbiamo avuto anche una destra che ha aperto la strada al fascismo e un Mussolini che prima era socialista. Abbiamo avuto un Hitler che probabilmente era di destra. Abbiamo avuto uno Stalin che probabilmente era di sinistra e che non ha avuto scrupoli con lo sterminio nei gulag. Abbiamo avuto tante cose nella storia. Abbiamo avuto tanti poveri che hanno cercato un po' di giustizia e di libertà e si sono rifugiati dietro qualche bandiera, chiamarli idioti non ci aiuta a comprendere i nodi della storia.

      Elimina
  2. Fino che i politici non si mettono in testa!!! che l'Ital8ia è una, e che tutti loro devono fare l'interessa di questa Italia.
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sì, e sulle cose importanti trovare un qualche accordo

      Elimina
    2. I politici fanno gli interessi delle lobby, cioè dei gruppi di interesse, di cui sono espressione. L'accordo si trova sempre, basta dare tutto a tutti.
      Il problema attuale è che dando tutto a tutti ci siamo indebitati fino al collo.

      Elimina
    3. Ben venga la denuncia delle connivenze. Ma su alcune regole di convivenza l'accordo è necessario.

      Elimina

SI POSSONO INSERIRE RETTIFICHE E COMMENTI A QUESTO POST IMMEDIATAMENTE ED AUTOMATICAMENTE. CHI INSERISCE RETTIFICHE E COMMENTI LO FA SOTTO LA PROPRIA RESPONSABILITA’ – Il curatore di questo blog si riserva di cancellare rettifiche e commenti che possano contenere offese a terzi o appelli alla violenza. Grazie per ogni rettifica o commento che andate ad inserire. Quando posso e quando trovo qualche parola rispondo.

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.