venerdì 30 maggio 2014

banchieri in trasformazione

Con questa caricatura Honoré Daumier rappresentava il banchiere nel 1835.
C’è stata una evoluzione, anche perché essere grassi non è più “in”, ormai la razza padrona è tonificata e un po’ abbronzata.  Con il soprannome di  “il Magro” gli amici della Carige indicavano il loro “capo” in affari
 In questi anni di crisi si sono descritti  i complessi TITOLI DERIVATI come strumenti di un sistema di rapina per tanti risparmiatori;   alla Carige era tutto più semplice. Le tecniche non comportavano una particolare fatica: compravano un immobile e lo stesso giorno lo rivendevano alla banca Carige per un prezzo superiore a 15 volte; oppure compravano delle azioni di una società e li rivendevano dopo pochi giorni sempre alla banca Carige ad un prezzo superiore a 45 volte. Semplicità, amici potenti e trasferimenti in conti svizzeri.

Qui un vecchio post di lacrisi2009 dell’ottobre 2011 Ma una banca può fallire?

immagine da internet - al link - http://interestingpress.blogspot.it/2014/01/boiardi.html

lunedì 26 maggio 2014

è Renzi l’imperatore d’Europa


Tra le macerie elettorali di Francia e Gran Bretagna,
emerge un solo leader di riferimento  
è Renzi provvisoriamente l’imperatore d’Europa (con un indiscutibile 40%  in Italia che gli dà il ruolo di primo partito nella componente socialista del Parlamento europeo) .
La Merkel non ha perso in Germania, ma la sua politica ha perso in tutta l’Europa fino a determinare il più forte scossone politico antieuropeo, anche in Germania spuntano gli euroscettici al 7%.
Hollande messo alle corde dalla Le Pen che diventa primo partito
Cameron messo alle corde da un partito che addirittura propone l’uscita dall’Europa (molto più di un Salvini, visto che già nell’Euro gli inglesi non ci stanno) .
Rajoy in Spagna vince ma con un peso dimezzato (da 16 a 8 parlamentari europei).
Tsipras che vince in Grecia ma non sfonda con la sua presenza internazionalista in Italia (la lista di sostegno italiana raggiunge il fatidico 4%, grazie anche al mio voto ma è ben poca cosa).

Il nuovo Parlamento europeo,  che già istituzionalmente contava ben poco,  dovrà tenere conto delle componenti politiche che espressamente si dichiarano antieuropee. Può darsi che queste difficoltà possano portare verso scelte meglio ponderate, ma è meglio non farsi prendere da eccessi di ottimismo.
26/05/14 francesco zaffuto

Immagine – Napoleone Bonaparte e cavallo nel dipinto di David

domenica 25 maggio 2014

24 maggio un giorno pesante


24 maggio un giorno pesante per l’Europa, alla vigilia della tornata elettorale europea.
Ai confini dell’Europa, in Ucraina,  prove generali di guerra civile coinvolgono anche i giornalisti, forse è morto un giornalista italiano
Nel cuore dell’Europa a Bruxelles, un attentato contro il museo ebraico provoca tre morti
 Due fatti lontani ma che entrambi possono ferire l’Europa. Il fatto accaduto a Bruxelles è un atto antisemita che vuole fare precipitare l’Europa verso l’odio tra razze e popoli.  Quello che sta accadendo ogni giorno in Ucraina vuole fare precipitare l’Europa verso un confronto bellico con la Russia post sovietica.  Ambedue i pericoli sono allo stato embrionale e  tutte le malattie sono capaci di peggiorare se non vengono posti rimedi.
 L’Europa è una complessa convivenza di popoli con costumi, tradizioni e lingue diversi; a questa complessità si è aggiunta da più di venti anni una emigrazione con nuovi grandi insediamenti di parti di popoli orientali e dell’Africa ed alcune grandi città sono diventate metropoli multirazziali e multiculturali. Governare questa complessità è difficile ma solo dal governo di questa complessità può nascere veramente una grande Europa esempio del nuovo mondo.
 Il rapporto tra Russia ed Europa deve partire dalla considerazione che i russi sono una parte di Europa con cui necessariamente va trovato un accordo di pace e di convivenza.  Nelle prime cinquanta pagine di Guerra e Pace  Tolstoj ci presentava una aristocrazia russa che parlava in francese e che aveva il mito della cultura europea;  mentre la Francia rivoluzionaria,  moderna e napoleonica si preparava ad invadere la Russia. Quello accaduto più recentemente con l’ultima guerra mondiale ripeteva scenari antichi con nuove figure e ansie imperiali.
 L’Europa ha un solo destino quello di sapere operare nella convivenza tra i popoli altrimenti c’è solo il rovescio di questo destino, la distruzione.
 Spero che la giornata del 25 sia di buon auspicio per l'Europa.
25/05/14 francesco zaffuto

Immagine – Picasso  La Guerre et la Paix – 1952 - (sezione dell'opera riguardante la guerra) -  note sull’opera su http://levi.mi.it/html/index.php?sez=studenti&artID=808

sabato 24 maggio 2014

Silenzio elettorale per oggi niente insulti


Il silenzio elettorale di oggi è un proprio un riposo per le orecchie
e anche per il cervello che ha dovuto digerire e interpretare
una continua graticola di insulti.
Gli insulti non sono certo una novità per le campagne elettorali,
ma quest’ultima è riuscita a superare le precedenti.
Se si dice all’avversario che è un ebete è un insulto.
Se si dice all’avversario che è la stessa cosa di Hitler, pensate che non sia un insulto?
L’insulto è addirittura una tecnica, un po’ come dire: non pensate, ascoltate le vostre budella e votate.
L’effetto a volte può essere quello di allontanare dal voto, ma si vede che gli studi elettorali prevedono un buon risultato;  quello che conta è avvicinare gli arrabbiati e si presume che siano tanti.
Allora in questa giornata di silenzio
Pensate
Pensate
E poi fate quello che vi pare
Ma in tutta coscienza pensate


immagine dal chiostro del monastero di Santa Chiara a Napoli da http://engrammi.blogspot.it/2009/10/storia-del-silenzio-in-arte.html

giovedì 22 maggio 2014

Bambini e “grandi”

Quasi la meta' dei bambini e dei teen-ager (esattamente il 46% di quelli di 9-16anni) possiede uno smartphone, il 41% lo usa quotidianamente per navigare su internet, il 20% possiede un tablet e il 23% di questi lo usa per stare online ogni giorno. Quasi 3 giovani su 4 (72%) percepiscono il disagio di una eccessiva dipendenza dallo smartphone, dal dover essere sempre connessi e quindi 'presenti', anche se solo virtualmente …..
 Ma in quanto all’essere connessi con il mondo è solo una strana finzione, perché ci sono anche bambini che non hanno un pugno di riso per nutrirsi, ragazzini che stanno in mare sul mediterraneo nel tentativo di approdare in Sicilia e alcuni annegano. Ci sono tanti bambini e ragazzi, mancano i grandi, i saggi e i giusti ….

Immagine – sonno tecnologico – matita – francesco zaffuto 

martedì 20 maggio 2014

MA LO STATO NON è UNA CHIESA

L’otto per mille  alle chiese è in vigore da 30 anni ma il suo meccanismo applicativo suscita ancora delle perplessità.
 Ieri trovandomi nell’ufficio di un Caf ho sentito il consulente fiscale che diceva: “Ma lei non ha espresso nessuna volontà per l’otto per mille?”
Risposta del tartassato: “Sì, lo lascio allo Stato”.
E il consulente spiegava: “Guardi che se vuole lasciare l’8 per mille  allo Stato deve firmare nella casella Stato altrimenti viene distribuito in proporzione alle scelte espresse”.
  Infatti, l’ammontare della mancata scelta viene ridistribuita tra tutte le chiese in proporzione al quantitativo delle scelte espresse; ad eccezione  di due chiese Assemblea di Dio in Italia e Chiesa Apostolica in Italia che hanno rinunciato a questa ridistribuzione lasciando la quota allo Stato.   Nei fatti la ridistribuzione della quota non espressa va in gran parte alla Chiesa cattolica, detentrice dei 4/5 delle scelte espresse, e ad essa si aggiunge  anche la parte di contributi che provengono da chi non è tenuto a presentare la dichiarazione.
 In pratica lo Stato, sulla base della strana normativa dell’8 per mille,  si presenta  ai cittadini come se fosse una delle tante chiese; una chiesa laica.    Una contraddizione in termini, ma la logica non abita dalle nostre parti.
 Vediamo come ha impiegato la quota dell’8 per mille la chiesa-laica-Stato.  
“Lo Stato si aggiudica il 13,74% delle preferenze. Nonostante, però, sia previsto un impiego ben preciso di queste risorse (lotta alla fame nel mondo, calamità naturali, assistenza ai rifugiati e conservazione di beni culturali), la legge viene infatti puntualmente disattesa. Lo dimostrano i numeri: sempre per il 2013 lo Stato ha intascato 170 milioni di euro ma ne ha spesi poco più di 400 mila per opere umanitarie. In pratica appena lo 0,24% del totale. Pochi spiccioli, insomma, a fronte di un cospicuo tesoretto.”
Ci dà queste informazioni, più altre, il giornale online Cronache Laiche
Riepilogando, lo Stato, che non è una chiesa, si presenta nel prospettino dell’8 per mille come una chiesa e poi non fa quello promette di fare.
 La vecchia legge andrebbe riformata;  lo Stato va tolto da quel prospetto, la parte di 8 per mille non scelta va lasciata allo Stato come  globale risparmio di uscite, lo Stato ha obblighi di solidarietà sociale per tutte le sue entrate fiscali e non solo per l’8 per mille.  Lo Stato non è una Chiesa.
20/05/14 francesco zaffuto

Immagine – la pagina prospetto per l’indicazione dell’8 per mille del modello 730

sabato 17 maggio 2014

VERSO LE ELEZIONI EUROPEE



Immaginatevi di stare nella corsia di un ospedale che cura l’Economia e sentite parlare di voi  due medici: un medico-economista dice che la vostra l’uscita dall’Euro provocherà la vostra fine, l’altro medico-economista dice che continuare a stare nell’Euro provocherà sicuramente la vostra fine.
A parte l’uscita o meno dall’Euro, sicuramente volete lasciare quell’ospedale e liberarvi da quei due medici assatanati.
Ma l’economia è una scienza o un partito?
 Con gli scienziati abbiamo avuto qualche discreto risultato nelle conoscenze; con gli economisti, quando si vantano di essere scienziati, navighiamo in una grande confusione mentale.
 L’economia dipende dal comportamento umano, dalla sua storia passata e dalle innumerevoli contraddizioni del presente, e può portarci ad un imprevedibile futuro; possiamo a mala pena individuare qualche connessione con esperienze passate.
 L’economia non può prescindere da ciò che si vuole realizzare, perché solo partendo da quella considerazione si possono cercare gli strumenti adatti. 
Dopo la seconda guerra mondiale si è voluta l’unione europea per costruire una entità sovranazionale di pace e di collaborazione tra le diverse nazioni e il mercato comune fu visto come uno strumento necessario per  consolidare quell’entità.  Le diverse nazioni hanno partecipato all’unione europea  con i loro governi e con le loro identità nazionali e gli organismi europei di rappresentanza sono stati più virtuali che reali. L’autorità del Parlamento europeo è stata in qualche modo subordinata alle decisioni dei singoli governi e non si è definita una cittadinanza europea; pur essendo in presenza di queste debolezze solidali si è voluta creare una moneta europea.  L’Euro invece di misurare la solidarietà europea è diventato il misuratore delle debolezze e delle forze dei singoli paesi. 
 Per fare una unità europea solidale occorre considerare che un cittadino disoccupato europeo è un dato drammatico per l’Europa e non importa che quel cittadino sia spagnolo, greco, tedesco, francese, inglese …
 Per l’Europa non si tratta di rattoppare ma di ricominciare partendo da quel cittadino europeo disoccupato, cittadino visto nel consesso umano globale che è il mondo.
 Un’Europa unita e capace di superare le appartenenze può essere elemento di stabilizzazione per la convivenza mondiale ed anche motivo di ispirazione e speranza.  Dalla globalizzazione terreno di espropriazione dei grandi speculatori della finanza occorre passare a una mondializzazione solidale. Il problema può sembrare enorme , ma il problema esiste.  Occorrerà passare dal produrre ricchezza e prodotti al produrre benessere.  Questa faticosa Europa nata da due tremende guerre può dare il suo contributo. Sono necessarie idee e speranze.
 In queste elezioni europee ci sono due novità che vengono dai paesi che più hanno sofferto la crisi economica: il movimento 5 stelle e la lista Tsipras,  auguro a questi due movimenti un grande successo. Gli altri in qualche modo c’erano già stati in Europa ed auguro a loro un attento ripensamento sugli errori commessi.
 Personalmente voterò per la Lista Tsipras, voglio riconoscere a questo movimento di avere salvato l’Europa nel momento in cui l’Europa stessa stava affondando la Grecia.  
 Saranno tantissimi quelli che non andranno a votare, non c’è da meravigliarsi perché il dato dell’astensione è stato alto anche per gli altri momenti elettorali nazionali; la politica è lontana come la solidarietà, occorre ricominciare a parlare di solidarietà e forse si può costruire una buona politica.

17/05/2014 francesco zaffuto

domenica 11 maggio 2014

Il 4% va all’esame della Corte


Il Tribunale di Venezia ha rinviato alla Corte Costituzionale la legge elettorale per le europee per la soglia di sbarramento del 4% sulla base di un ricorso presentato dall’avvocato Felice Besostri; il Tribunale ha ritenuto che non sia manifestatamente infondata la questione di costituzionalità per la legge elettorale italiana per le elezioni europee, per quanto riguarda gli articoli 1, 3 e 48 della Costituzione.
 C’è già un precedente, la Corte Costituzionale tedesca ha dichiarato incostituzionale lo sbarramento al 3 per cento.
In che tempi deciderà la Corte? E’ molto probabile dopo le stesse elezioni.
Il limite del 4% nel nostro paese è stato introdotto con la scusa che il Parlamento italiano vota la fiducia al Governo e che i piccoli partiti, in base a un luogo comune diffuso, possono ostacolare la governabilità. Questa stessa giustificazione per le elezioni europee non ha nessuna valenza perché nel Parlamento europeo non si vota alcuna fiducia.
 Più volte su questo blog ho cercato di demistificare il ruolo del limite per lo stesso Parlamento italiano; la stragrande maggioranza delle crisi di governo si sono prodotte dentro gli stessi grandi partiti, in passato si determinavano dentro la Democrazia Cristiana per opera delle sue correnti interne, e nel passato più prossimo si sono determinate per litigi interni nel PdL e nel PD.  Questo quesito alla Corte cade anche in un momento particolare, mentre sta posteggiata una legge elettorale che addirittura vuole aumentare il limite per il Parlamento italiano , la risposta della Corte verrebbe ad assumere un rilievo molto interessante.
11/05/14 francesco zaffuto


Immagine – aula del Parlamento europeo

venerdì 9 maggio 2014

L’EXPO e la bella figura

L’EXPO è una di quelle manifestazioni che si accolgono anche  per fare Bella figura
Nel 1989 a Parigi realizzarono,  in concomitanza con l’EXPO,  la Tour Eiffel;  e nella passata edizione a Milano del 1906 venne realizzato l'Acquario Civico.
Ora per il 2015, a Milano, ecco i preparativi per  fare una bella figura.
8 maggio 208 - A distanza di poco più di un mese dall'arresto di Antonio Rognoni, ex dg di Infrastrutture Lombarde,  in carcere sono finiti:   il «responsabile dell'Ufficio contratti», Angelo Paris, e con lui anche due vecchi protagonisti della stagione di Tangentopoli, l'ex esponente del Pci Primo Greganti e Gianstefano Frigerio, ex Dc e ex deputato di Forza Italia, i quali assieme all'ex senatore di Forza Italia, Luigi Grillo, avrebbero creato una «saldatura» tra imprese, cooperative e tutti gli schieramenti politici, da destra a sinistra fino alla Lega, per condizionare e assegnare appalti in cambio di tangenti. Per la notizia un link…
Quando ci dicono che le aziende estere non vogliono venire ad investire in Italia perché c’è l’articolo 18 che impedisce i licenziamenti, siamo sicuri che i motivi non siano altri? Quanto pagare in tangenti e quanto può durare un processo se si vuole ricorrere alla giustizia ….

Immagine – la locandina EXPO del 1889 a Parigi - http://it.wikipedia.org/wiki/File:Paris_1889_plakat.jpg

lunedì 5 maggio 2014

Questo nuovo blog

Questo blog crisidopolacrisi nasce oggi 05/05/2014 dalla eredita del precedente blog lacrisi2009 http://www.lacrisi2009.com/ che si è trasferito qui per intero con tutti i post e tutti i suoi commenti. Il blog lacrisi2009 continua come blog di collegamento (fino a che google lo lascia in vita perché non ho rinnovato l'abbonamento).
A questo titolo
crisidopolacrisi
ci pensavo da un po’ perché purtroppo è così:
ci sono timidi segnali economici di ripresa dalla crisi e la crisi incombe,
la disoccupazione resta a livelli altissimi,
i poveri aumentano e i ricchi diventano più ricchi restando in pochi,
alle porte e via mare i migranti da mondi disperati,
ai confini guerre civili di appartenenza,
negli stadi guerre incivili di appartenenza,
tutti sparano sulla politica pur avendo bisogno della politica,
il non fare sembra fare,
e il fare pare inutile.
Ma se si toglie la speranza …
… non va tolta la speranza
Un saluto ad amici e passanti di lacrisi2009 e un saluto agli amici e ai passanti che sono arrivati su questo blog.
05/05/2014 francesco zaffuto

Immagine – valigia per un viaggio – di Liborio Mastrosimone http://libomast-digiart.blogspot.it/