lunedì 13 luglio 2009

OBAMA - AFRICA - G8


13/07/09
Secondo i dati di un rapporto della Bank of England “Financial Stability Review “ gli stanziamenti di USA, paesi dell’area euro e Gran Bretagna, per fronteggiare la crisi sono stati 14.800 miliardi di dollari. Il G8 per gli aiuti in Africa ha stanziato 20 miliardi di dollari (solo lo 0,14%, per chi è in procinto di morire di fame, ed in tre anni). Non si capisce neanche bene se trattasi di somme nuove o di somme che includono aiuti promessi precedentemente e mai effettuati.Obama, durante il recente viaggio in Africa, ha indicato agli africani di liberarsi dalla politica corrotta, molto giusto; ma molti leader africani non fanno altro che imitare i comportamenti di americani ed europei: il godimento, il grande lusso, la gratificazione del potere, l’indifferenza per chi è debole e sfortunato.
Obama per tanti africani è la figura mitica del riscatto della negritudine, può mettere in moto dei sogni ma i sogni dovranno essere accompagnati da alcune realizzazioni; se non saranno accompagnati da qualche realizzazione possono portare a nuovi deserti depressivi.
La crisi mondiale si può superare mettendo in moto il continente Africano. Molto possono fare gli Usa ma molto deve fare l’Europa, con stanziamenti ed idee che superino la carità. E’ soprattutto l’Europa, per la sua vicinanza al continente africano, che è direttamente interessata dallo sviluppo dell’Africa: una grande potenzialità umana che potrà diventare un grande mercato capace di spingere la vecchia Europa.
L’Europa al posto di scacciare i rifugiati, dovrebbe fare un piano ordinato di accoglienza, un patto di formazione lavoro per qualche anno e un piano di ritorno in Africa dopo avere imparato un mestiere. Chi dall’Africa arriva in Europa invece o viene scacciato o viene inserito in attività di lavoro che non hanno alcun carattere di formazione o viene utilizzato per le sue caratteristiche fisiche per fare il guardiano e il buttafuori.
In Africa pare che ci siano sostanzialmente due problemi: l’urgenza e il futuro. L’urgenza per le persone che in questo momento periscono per fame va affrontata sul piano internazionale con immediatezza e non con piani triennali. Il futuro va affrontato rendendo autonome le nuove generazioni di africani e investendo soprattutto in formazione. Rendere autonoma l’Africa e gli africani significa investire in cultura umanistica e tecnologica per le nuove generazioni di africani. Imparare tecnologie per l’uso delle acque e diventare dei buoni agricoltori è la strada maestra per liberarsi in futuro dalla fame e anche dalla stessa carità.
francesco zaffuto
un interessante articolo sulle reazioni in Africa al G8


http://www.unimondo.org/Notizie/Il-G8-visto-dall-Africa
un post di questo blog
blog interessanti sull'Africa
.
(immagine – “uomo con poche cose da vendere” acquarello © francesco zaffuto link Uomo con poche cose)

Nessun commento:

Posta un commento

SI POSSONO INSERIRE RETTIFICHE E COMMENTI A QUESTO POST IMMEDIATAMENTE ED AUTOMATICAMENTE. CHI INSERISCE RETTIFICHE E COMMENTI LO FA SOTTO LA PROPRIA RESPONSABILITA’ – Il curatore di questo blog si riserva di cancellare rettifiche e commenti che possano contenere offese a terzi o appelli alla violenza. Grazie per ogni rettifica o commento che andate ad inserire. Quando posso e quando trovo qualche parola rispondo.

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.