venerdì 20 aprile 2018

martedì 17 aprile 2018

Parbleu, quello che ha detto Macron a Strasburgo


 Parbleu o anche alla faccia del caciocavallo. Macron, dopo aver deciso solo con USA e UK di bombardare in Siria, è andato a parlare a Strasburgo della necessità di migliorare la democrazia europea.
  In Europa "la risposta è l'autorità della democrazia non la democrazia autoritaria". Così il presidente francese Emmanuel Macron alla plenaria a Strasburgo dove ha messo in guardia contro il "fascino illiberale e gli egoismi nazionali. Dobbiamo edificare una nuova sovranità europea per dare una risposta chiara agli europei". … continua su

Quegli inglesi fuggiti dalla Brexit


Chi sono questi inglesi alla ricerca dell'Europa? Con la Brexit, nel 2016, 'il numero di cittadini che hanno acquisito la cittadinanza di un altro Stato membro dell'Unione europea è aumentato del  165%.


domenica 15 aprile 2018

quando si dice di non pensare (Berlusconi)


Berlusconi Silvio: “In certi momenti è meglio non pensare... e non dire nulla”.
Che ci possa essere un momento di dire e non dire può essere disdicevole o meno ma può esistere; ma che sia meglio evitare di pensare dà la misura di quanto il pensiero alberga nel personaggio.
Certo il motivo della frase di Berlusconi era quello di dare una stoccata a Salvini; ma quello che è riuscito a “dire” Berlusconi fa accapponare la pelle: la rinuncia alla facoltà pensante.
Il contesto dai giornali:
 Già, ma come la mettiamo con Salvini? Che ne pensa di quella posizione del leghista così dura e pura? Pausa imbarazzata. “In certi momenti è meglio non pensare... e non dire nulla”.



immagine: una pittura di Bacon

sabato 14 aprile 2018

Ricordiamoci di quello che accadde in Iraq

Siria, vescovo di Aleppo: “Stanno facendo come in Iraq. Armi chimiche un pretesto”
“Sia fatta luce su tutto ed emerga la verità non come hanno fatto con l’Iraq in cui hanno distrutto il Paese dicendo che c’erano le armi chimiche. Così come hanno fatto con l’ Iraq lo stanno facendo ora con la Siria. La gente lo ha capito, non è stupida”.. Lo ha detto il vescovo caldeo di Aleppo e presidente della Caritas siriana, mons. Antoine Audo, intervistato da Antonio Soviero, manifestando forti dubbi sul fatto che il regime di Damasco abbia usato armi chimiche a Douma, nel Ghouta est. “Come è possibile che Assad – ha aggiunto mons. Audo – abbia usato armi chimiche per difendersi ? Non è logico. Gli americani e i russi usano la Siria come pretesto per farsi la guerra e difendere i loro interessi internazionali”.
NOTIZIA Riportata da

PRIVACY de che!? Top secret sui debitori di Montepaschi


PRIVACY de che!? Se siamo su Facebook si può passare sopra la privacy come un carro armato. Se si tratta di tutelare privacy di quelli che hanno messo a k.o. la più grande banca allora massima tutela …
 ed è la Monte dei Paschi salvata con i soldi pubblici. I dirigenti dell’istituto, costretti a rispondere alle domande dei piccoli azionisti, si trincerano dietro la legge sulla privacy per non fare i nomi, e ammettono a denti stretti che il gruppo Mps “vanta crediti nei confronti di 13 partiti politici per complessivi 10 milioni di euro, di cui 9,7 milioni non performing”.
Inoltre c’è il lungo elenco delle personalità pubbliche e dei loro congiunti che hanno ricevuto soldi da Mps per una cifra superiore di quasi 7 volte a quella dei partiti......

venerdì 13 aprile 2018

OCSE, che non è un partito comunista, ci dice fate la Patrimoniale


OCSE, che non è un partito comunista, dice all’Italia che per arginare le forti diseguaglianze economiche e sociali può istituire una IMPOSTA PATRIMONIALE.
Queste due parole IMPOSTA PATRIMONIALE, durante la recente campagna elettorale italiana sono state demonizzate da Di Maio, da Renzi, da Salvini, Da Berlusconi, da Meloni. Solo il buon BERSANI ha avuto la pazienza di spiegare in una trasmissione televisiva dinanzi alla Gruber la necessità e la fattibilità di un’IMPOSTA PATRIMONIALE per arginare le disuguaglianze sociali.  
Ora arriva l’OCSE il centro di studi internazionali dei paesi capitalisti aperti al mercato mondiale che dice all’Italia che una patrimoniale non è il demonio comunista ma un modo per adeguare un sistema fiscale assurdo che grava soprattutto sui redditi da lavoro.

L'Ocse, nel rapporto "The Role and Design of net wealth taxes", indica l'Italia (insieme ad altri tre Paesi) come una nazione dove la disuguaglianza sociale è aumentata di più e dove la concentrazione di ricchezza verso l'alto è diventata sempre più evidente negli ultimi dieci anni di crisi. Una crisi quasi ininterrotta. Tant'è che i livelli pre-crisi non sono stati ancora recuperati. Il 43% della ricchezza - è scritto nel Rapporto - è appannaggio del 10% più ricco della popolazione". Quindi, conclude l'Ocse, "uno dei modi per ridurre più velocemente i divari di ricchezza è l'imposizione della tassa patrimoniale".

Scrive  l'Ocse che : "oltre alle considerazioni fiscali, potrebbe esserci anche una maggiore giustificazione per un'imposta patrimoniale netta in un Paese che mostra alti livelli di disuguaglianza della ricchezza come un modo per ridurre i divari a un ritmo più veloce". Analizzando l'andamento negli ultimi anni della distribuzione del reddito e della ricchezza a livello internazionale, l'organizzazione sottolinea quindi che "dopo la crisi, sono proseguite le tendenze verso una maggiore disuguaglianza di ricchezza". Che, come sostengono in molti vanno eliminate. In ogni caso, sottolinea l'Ocse, le ragioni di una patrimoniale "non possono essere valutate singolarmente ma dipendono dal sistema fiscale complessivo e dallo scenario complessivo economico e sociale del paese". 

NIENTE di prescrittivo da parte dell’OCSE  ma almeno la classe politica si deve mettere urgentemente a studiare su come modificare il Fisco in Italia,  e per un buon sistema fiscale ci deve essere ben equilibrato tra:
imposte sul reddito, imposte sul patrimonio ed imposte sui consumi.





Immagine sede OCSE di Parigi da


giovedì 12 aprile 2018

Non si scherza con il fuoco della guerra

Come gesto di pietà per le vittime di un bombardamento con armi chimiche Trump + Macron + May sono pronti ad ordinare un bombardamento sulla Siria.
Come gesto di responsabilità per frenare il terrorismo già da tempo Putin interviene con bombardamenti in Siria.
Come gesto di responsabilità per salvare la sua  nazione Assad da anni bombarda il suo stesso popolo.
Come gesto di responsabilità per salvare l’Islam Erdogan e gli iraniani intervengono in azioni di guerra in Siria.
Come gesto di responsabilità per salvare le ragioni di Israele, il governo israeliano si prepara ad un intervento in Siria.
Tutti questi gesti di responsabilità portano ad una guerra che si può allargare con conseguenze catastrofiche.
La responsabilità prima di USA e Russia è quella di parlarsi con il tavolo di mediazione dell’ONU; e l’Europa dovrebbe energicamente invitarli a farlo e con urgenza. Il parteggiare da parte degli europei per USA o per la Russia, nella questione siriana,  non aiuta minimamente la pace.
L’Italia deve avere come riferimento l’art. 11 della sua Costituzione  e il ruolo dell’ONU come organismo di dialogo tra le superpotenze e tra tutte le nazioni aderenti.  La pace si può trovare solo iniziando un percorso di pace.

Immagine da http://www.rainews.it/dl/rainews/articoli/Siria-opzioni-militari-e-possibili-obiettivi-di-Trump-e0888528-4dd4-4e9f-8c82-d8b184d87d2d.html

mercoledì 4 aprile 2018

Il salvataggio delle banche fa aumentare ancora il debito pubblico


Per Eurostat “gli interventi del Governo relativi alla liquidazione” delle due banche Popolare di Vicenza e Veneto banca “devono essere classificati sulla base del loro impatto netto”. Quando all’impatto sul deficit 2017 “i flussi totali attesi in uscita possono essere stimati a 14,7 miliardi di euro, mentre il totale delle somme recuperate è atteso a 10 miliardi di euro. Come risultato dovrebbe essere dunque registrato nei conti un impatto negativo sul deficit per 4,7 miliardi”, intorno a 0,3 punti percentuali di pil in più rispetto alla stima del marzo. Quanto al debito pubblico, tenendo conto delle garanzie da 6,4 miliardi e dei 4,8 miliardi pagati cash a Intesa San Paolo, l’effetto “sia diretto che indiretto è pari a 11, 2 miliardi”.


Potremmo dire questa è una necessità eccezionale; ed invece questa è solo l’ultima perché ci sono stati gli interventi per salvare più di una volta il Monte dei Paschi di Siena e gli interventi per salvare Banca Etruria ed altre banche toscane in crisi. Forse il complesso delle operazioni di salvataggio ha fatto aumentare il debito pubblico di circa trenta miliardi di euro.
Che lo Stato intervenga per salvare il sistema bancario nazionale è doveroso ed anche estremamente necessario, ma un intervento di tale portata doveva portare ad una vera e propria messa in sicurezza degli istituti salvati operando un processo di nazionalizzazione. Se dei banchieri privati hanno fallito, e fallito per mancanza di correttezza nella gestione bancaria, lo Stato  con il suo intervento non può regalare soldi ai privati, deve necessariamente nazionalizzare parti del settore bancario.  
 Il liberismo esasperato nel settore bancario ha nei fatti strozzato i paesi europei in difficoltà e sta cominciando a strozzare l’intera idea di Europa. La gestione del credito a breve termine e del credito a lungo termine deve essere improntata a rigore, le banche private debbono rispondere a regole ben definite e quando sono in difficoltà la nazionalizzazione deve essere vista come una operazione doverosa.


Altri link  su banche e salvataggi

Salvataggi – Europa - Bail In e Conti Correnti




Banche piccole o grandi


Banche il costo dei manager

La poca vigilanza della Banca d’Italia

martedì 3 aprile 2018

Redditi 2016: tanti poveri e pochi ricchi


Secondo i dati del Mef riguardo ai redditi degli italiani del 2016 si persenta questo scenario:
-reddito complessivo totale dichiarato dagli italiani ammonta a circa 843 miliardi di euro (+10 miliardi rispetto al 2015)
-reddito medio di 20.940 euro;
-oltre 10 milioni di persone in Italia hanno un'imposta netta pari a zero;
-il 45% dei contribuenti italiani dichiara fino a 15.000 euro
-lo 0,1% dichiara redditi per oltre 300.000;
-redditi da lavoro dipendente e da pensione rappresentano circa l'82% del reddito complessivo dichiarato; il reddito da pensione, rappresenta circa il 30% del totale del reddito complessivo.
Il reddito medio complessivo più elevato è in Lombardia  24.750 euro,
il più basso in Calabria 14.950 euro.

lunedì 2 aprile 2018

Per questa volta l’immondizia spaziale non ci ha rotto la testa


La stazione spaziale cinese è caduta nell’oceano Pacifico. Allarme rientrato, per questa volta non ci è caduta in testa, si tira un sospiro di sollievo e nel contempo si dice che le probabilità di colpirci erano molto scarse.  Consolante, ma il quantitativo d’immondizia che siamo come esseri umani riusciti a produrre e che naviga nello spazio è enorme.  Siamo stati capaci di riempire d’immondizia la terra e il cielo, questo è l’aspetto più contraddittorio di quello che chiamiamo progresso tecnologico. Abbiamo bisogno non di cancellare i progressi tecnologici, ma di gestirli con ordine e calma. Non ci possono essere nazioni, e addirittura enti privati,  che fanno a gara per inviare le loro navicelle nello spazio, sarà necessario un ordine mondiale per la ricerca spaziale.
Link – il satellite cinese di Pasqua 2018
immagine – detriti spaziali visti dal polo – foto da:

domenica 1 aprile 2018

giovedì 29 marzo 2018

A Parigi ritorna il fantasma dell’antisemitismo


Un’anziana donna ebrea,  Mireille Knoll di 85 anni, superstite ai rastrellamenti della Shoah nel luglio 1942, è stata ritrovata morta nell'incendio del suo appartamento a Parigi; sul corpo dell'anziana sono state trovate 12 ferite da coltello. Secondo le fonti della procura di Parigi, due sospetti sono stati incriminati per omicidio volontario a carattere antisemita. La Procura ha fatto sapere di aver aperto un'inchiesta "per assassinio collegato all'appartenenza della vittima a una religione" e per furto aggravato. 
 Se sarà provato in questo crimine  il movente dell’antisemitismo è come se i fantasmi del passato avessero la capacità di uccidere ancora.
 I fantasmi del passato hanno qualcosa in comune con i nostri orrendi fantasmi, usavano una pratica terribile: la colpa di tutto il malessere sociale che li circondava veniva addossato a qualcuno che potesse diventare bersaglio. Tutto il malessere sociale che serpeggiava in Europa nel 1942 venne addossato agli ebrei. Oggi il processo potrebbe ripetersi se si dà la colpa genericamente agli ebrei di quello che accade in Palestina. Quando le colpe, che sono sempre individuali, vengono date a interi popoli o a razze o a religioni si comincia ad innestare il perverso fantasma omicida.





Immagine da

lunedì 26 marzo 2018

Il (possibile governo) e l’urgenza


Continuano tutte le ipotesi giornalistiche su un possibile Governo che ci stordiscono la mente giornalmente. Continuano le ipotesi di aggiustare reciprocamente i  programmi dei vincitori delle elezioni. Ma una cosa è certa, esiste un’urgenza: un reddito minimo di sopravvivenza per chi versa in condizione di disoccupazione.
Durante la campagna elettorale chi ha posto il problema con una certa forza è stato il Movimento 5stelle, chiamandolo reddito di cittadinanza.
 Ora, indipendentemente da ogni possibile denominazione,  si tratta di un’urgenza, di un s.o.s.  nazionale sociale, e se non sarà data una risposta cadranno tutte percentuali elettorali delle ultime elezione. E può cadere anche la speranza di poter risolvere con il voto le questioni sociali.
 Renzi ed il PD non sono caduti in disgrazia elettorale per strane motivazioni, ma perché non sono riusciti a rispondere al problema cruciale del paese: lavoro e sostegno economico ai disoccupati.

domenica 25 marzo 2018

140 milioni di migranti climatici entro il 2050


Più di 140 milioni di persone potrebbero emigrare entro il 2050 per sfuggire agli effetti dei cambiamenti climatici. Tra questi effetti, il calo della produzione agricola, la scarsità d'acqua e l'innalzamento del livello del mare.  Nel rapporto della Banca Mondiale sarebbero: 86 milioni i 'migranti climatici' dell'Africa sub-sahariana, 40 milioni dell'Asia meridionale e 17 milioni dell'America Latina. Il cambiamento climatico  sta diventando una minaccia economica, sociale ed esistenziale.

Sito archeologico di Barad bombadato


Aerei da guerra turchi hanno bombardato e distrutto l’importante sito archeologico di Barad, a sud di Afrin e non lontano da Aleppo.
Continua su

http://www.fides.org/it/news/63939-ASIA_SIRIA_Fonti_siriane_i_raid_aerei_turchi_hanno_distrutto_siti_archeologici_cristiani

 

http://www.rightsreporter.org/turchia-come-isis-distrutto-sito-archeologico-cristiano-in-siria-la-vergogna-continua/


Ricordando Palmira

sabato 24 marzo 2018

un fiume di giovani in marcia contro le armi


un fiume di giovani in marcia contro le armi per le strade di Washington
continua su …

Morta la nigeriana respinta alla frontiera francese


Nigeriana di 31 anni incinta e malata, soccorsa dai volontari di Rainbow4Africa, è morta all’ospedale Sant’Anna di Torino dopo il parto cesareo. Il 9 febbraio, gli agenti francesi l’hanno respinta con il marito alla frontiera italiana mentre cercava di raggiungere Oltralpe la sorella su un pullman. L’hanno lasciata alla stazione di Bardonecchia, nella notte….
La notizia si aggiunge a quella della guida alpina francese che rischia una condanna fino a cinque anni per aver soccorso un’altra migrante incinta che rischiava di morire per il freddo … 
La Francia nei fatti chiude anche ai casi pietosi…
 L’Italia si è fatta carico per anni di salvare in mare i migranti…
A che punto è la UE?
In ottobre 2017 si era aperto uno spiraglio possibile per l’assunzione di responsabilità europea.
Il nuovo regolamento europeo è stato approvato nella commissione Ue con 43 voti a favore e 16 contrari, in base al quale tutti i paesi dell’Unione dovranno accettare i ricollocamenti, sparirà l’obbligo di domanda di asilo nel paese di approdo e chi non accetterà queste condizioni si vedrà decurtare i fondi comunitari.  MA …INTANTO
la riforma però non entra subito in vigore: ora le linee guida dovranno essere confermate dall’assemblea di Strasburgo e recepite dai singoli governi.

https://www.possibile.com/riforma-dublino-parlamento-approva-posizione-svolta-lasilo-europeo/


E in Libia accade quello che accade ….

L'isola di plastica - proporzioni di un disastro


L'ammasso tra California e Hawaii contiene 80mila tonnellate di plastica: 16 volte più di quanto si pensasse fino a ieri. I dati su Scientific Reports
E quel che accade quando la plastica affonda o si degrada, e viene ingerita dai pesci o dal plankton ed entra nella catena alimentare resta ancora in buona parte da determinare.
Continua su …

un video sull’isola di plastica

venerdì 23 marzo 2018

Ci può cadere addosso a Pasqua la spazzatura che viaggia nello spazio


la Tiangong 1 (satellite spaziale cinese) potrebbe cadere sul nostro paese intorno a Pasqua. "A sud dell'Emilia Romagna, tra il 28 marzo e il 4 aprile".   "La finestra temporale e le traiettorie di impatto al suolo potranno essere definite con maggiore precisione nelle 36 ore precedenti il rientro",
Nel frattempo, la Protezione civile rende noto che è stato istituito il tavolo tecnico di lavoro, previsto in circostanze del genere
Si legge sul sito della protezione civile -  Si consiglia, comunque, di stare lontani dalle finestre e porte vetrate  ed altro
Continua su …

giovedì 22 marzo 2018

Tacere sui paragoni con i fatti della Diaz


 Il sostituto procuratore generale di Genova, durante un dibattito dedicato a Regeni, ha osato paragonare l’atteggiamento protettivo dell’Italia nei confronti dei vertici della Polizia con quello dell’Egitto.  “I nostri torturatori sono ai vertici della polizia, come possiamo chiedere all’Egitto di consegnarci i loro torturatori?”
Pronta la reazione del capo della Polizia Gabrielli che ha definito le parole del Procuratore “oltraggiose”.
Ma le parole sono sempre solo parole e i fatti sono fatti: dopo le condanne definitive, al posto delle rimozioni, in alcuni casi, ci sono state delle promozioni. E le parole con cui la Cassazione concluse i procedimenti erano gravissime
Il 2 ottobre 2012 furono pubblicate le motivazioni della Cassazione. In queste i giudici hanno scritto che la condotta violenta della polizia nell'irruzione alla scuola Diaz ha "gettato discredito sulla Nazione agli occhi del mondo intero".

martedì 20 marzo 2018

Su facebook siamo ospiti ben schedati


La libertà su internet è una debole libertà virtuale:  gli spazi di parola dei blog e su facebook che abbiamo possono essere cancellati; e con l’ultima notizia su facebook  apprendiamo di essere ospiti ben schedati.
Continua su