giovedì 12 giugno 2014

il mondo non è tutto nel pallone


Inizia oggi il campionato del mondo del pallone, ma non tutti i brasiliani sono nel pallone, le proteste si sono fatte sentire per tutto l’anno e fino alla vigilia del campionato  e forse continueranno per tutta la sua durata. Circa 160 mila poliziotti saranno dispiegati nelle 12 città brasiliane
“Secondo alcuni le risorse impiegate per i Mondiali sarebbero dovute essere utilizzate per la salute e l’istruzione”, si difende la presidente Dilma Rousseff. “Ascolto e rispetto queste opinioni ma non sono d’accordo. È un falso dilemma”.
Il presidente del Brasile, un tempo comunista, ha sposato la vecchia logica del potere imperiale “panem et circenses”. 
 In Italia, Monti seppe dire no alle olimpiadi nel 2020 a Roma un lusso che non potevamo permetterci, va dato atto che fu una scelta ponderata.

Oggi siamo pronti a sederci dinanzi alla TV, auguri alla nazionale per la vincita del campionato,  ma evitiamo di addormentarci … sì, la terra è sferica ma il mondo non è tutto nel pallone.
12/06/14 francesco zaffuto