mercoledì 9 luglio 2014

manca il coraggio per la Pace


Per fare la pace ci vuole coraggio, molto di più che per fare la guerra. Ci vuole coraggio per dire sì all’incontro e no allo scontro; sì al dialogo e no alla violenza; sì al negoziato e no alle ostilità; sì al rispetto dei patti e no alle provocazioni; sì alla sincerità e no alla doppiezza. Per tutto questo ci vuole coraggio, grande forza d’animo.

(dal discorso di Papa Francesco tenuto alla presenza dei presidenti dello stato di Israele Shimon Peres e dell’Autorità nazionale palestinese, Abu Mazen, insieme al patriarca di Costantinopoli Bartolomeo I e del custode di Terra Santa Pizzaballa.)
Tutto il testo integrale su

E’ più facile la guerra perché quando si inizia un tentativo di pace chi lo ha iniziato comincia ad avere contro di sé una parte dei propri connazionali, di amici e di parenti; diventa sempre più facile gridare alla vendetta e alla guerra
Dopo l’importante passo verso la pace di Papa Francesco,  dei primi di giugno,  chi voleva la guerra ha scatenato atti che per la loro crudezza avrebbero portato a vendette e ritorsioni



e oggi siamo tornati nel pieno di una guerra che dura da 66 anni


OCCORRE ripartire da quelle parole di Papa Francesco, ma non sarà facile.