mercoledì 4 febbraio 2015

Era meglio dire: “siamo per la vita”

La Giordania ha reagito alle raccapriccianti immagini del rogo in cui è stato ucciso un suo pilota dallo Stato islamico (Isis) nella maniera «terribile» che aveva annunciato: due jihadisti condannati a morte sono stati immediatamente giustiziati. Tra questi, Sajida al Rishawi, l'attentatrice kamikaze irachena che era stata chiesta dall'Isis per uno scambio di prigionieri con il pilota, Maaz al Kassasbeh.
Era meglio dire: siamo per la vita, siamo contro la vostra visione di morte e di vendetta, siamo per il riconoscimento dell’essere umano, e chi crede in Dio deve rispettare l’uomo che Dio ha creato e chi non crede in Dio deve rispettare l’uomo come suo simile, è solo da questo rispetto che può nascere un mondo migliore.
04/01/15 francesco zaffuto

Immagine – tristezza di Charlie Brown