giovedì 13 giugno 2013

piazza Taksim


un’altra piazza per ricordare chi siamo e se vogliamo qualcosa.
Piazza Taksim pare volere ricordare le parole libertà e laicità,
due parole che hanno costruito la civiltà.
Civiltà che deve essere capace di rispettare tutte le fedi e anche il non credere,
essere diversi come uomini e nel contempo uguali.
I giovani di piazza Taksim sono vicini ai giovani dell’Europa più di tanti governanti europei che per motivi di interessi economici sono capaci di barattare le parole laicità e libertà.
 Il governo Turco deve rispettare questi giovani e le loro due parole, va tenuta alta la solidarietà internazionale per evitare che possa generarsi un’ondata di repressione.

13/06/13 francesco zaffuto


3 commenti:

  1. Caro Francesco, purtroppo diventa sempre più difficile per poter conservare quella libertà.
    Tomaso

    RispondiElimina
  2. la protesta viene umiliata ovunque e quello che più rammarica e' la somiglianza tra i meccanismi di rifiuto del dialogo da parte di chi comanda, non facciamo gran differenza.

    RispondiElimina
  3. E la Bonino, ad usare un eufemismo, ha capito una volta di più fischi per fiaschi!

    RispondiElimina

SI POSSONO INSERIRE RETTIFICHE E COMMENTI A QUESTO POST IMMEDIATAMENTE ED AUTOMATICAMENTE. CHI INSERISCE RETTIFICHE E COMMENTI LO FA SOTTO LA PROPRIA RESPONSABILITA’ – Il curatore di questo blog si riserva di cancellare rettifiche e commenti che possano contenere offese a terzi o appelli alla violenza. Grazie per ogni rettifica o commento che andate ad inserire. Quando posso e quando trovo qualche parola rispondo.

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.