giovedì 13 giugno 2013

piazza Taksim


un’altra piazza per ricordare chi siamo e se vogliamo qualcosa.
Piazza Taksim pare volere ricordare le parole libertà e laicità,
due parole che hanno costruito la civiltà.
Civiltà che deve essere capace di rispettare tutte le fedi e anche il non credere,
essere diversi come uomini e nel contempo uguali.
I giovani di piazza Taksim sono vicini ai giovani dell’Europa più di tanti governanti europei che per motivi di interessi economici sono capaci di barattare le parole laicità e libertà.
 Il governo Turco deve rispettare questi giovani e le loro due parole, va tenuta alta la solidarietà internazionale per evitare che possa generarsi un’ondata di repressione.

13/06/13 francesco zaffuto