domenica 3 aprile 2011

INTERNET, GIORNALI, BARZELLETTE E STRATEGIE


01/04/11 - Il presidente del Consiglio riceve in veste ufficiale i sindaci delle province di Napoli, Salerno e Caserta che chiedono lo stop agli abbattimenti delle case abusive ed ha "assunto l'impegno a varare nel prossimo Consiglio dei ministri un decreto legge che sospenda immediatamente gli abbattimenti e conceda un congruo tempo per una serena valutazione del problema in vista di una sua definitiva soluzione". Lo sostiene una nota diffusa dal sindaco di Gragnano (Napoli), Annarita Patriarca.

POI PER CONCLUDERE ALLA GRANDE IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DECIDE DI RACCONTARE AI SINDACI UNA BARZELLETTA (ma tra gli onorabili spettatori ce ne è uno che con il telefonino lo immortala e lo consegna alla storia)

02/04/11 Il filmato della barzelletta è inserito su internet da Repubblica, 4 minuti show con applauso finale. Ecco il link


03/04/11 – I due grandi giornali Corriere della sera e Repubblica, nella loro versione cartacea, non riportano alcuna notizia sulla barzelletta e sullo show di Berlusconi che invece naviga su internet. Il fatto quotidiano gli dedica il fondo di prima pagina. Il grande giornalismo si arroga il diritto di informare o non informare i lettori della carta stampata che in qualche modo diventano diversi dai lettori di internet.

Non mi scandalizzo per la barzelletta di Berlusconi e per le parolacce annesse; poteva essere raccontata in una trattoria o ad un gruppo di amici, ma la scelta di raccontarla alla fine di una riunione di sindaci pone qualche problema: 1) Il premier ha problemi di valutazione a causa della sua età 2) Il premier lo fa perché fa quello che gli pare 3) Il premier lo fa per una precisa scelta strategica vincente Nel primo caso si pone un rischio per il paese, nel secondo caso si pone un rischio per il paese e anche per quelli che si sentono al sicuro per aver venduto l’anima a Berlusconi, nel terzo caso si pone un problema per il paese e per Bersani che deve attrezzarsi meglio.

03/04/11 francesco zaffuto


Immagine – mano che ride - fotocomposizione © liborio mastrosimone http://libomast1949.blogspot.com/

nota descrittiva dell'immagine per disabili visivi

una mano aperta su fondo nero, nel palmo della mano una bocca che ride

11 commenti:

  1. Sono senza parole (per la stomachevole scena della barzelletta). Quanto alla distinzione stampa/internet quest'ultimo viene considerato uno strumento di serie b dove si può pubblicare di tutto e dove le notizie sono rapidamente divorate da quelle successive, non nell'arco di un giorno, ma di ore se non minuti.

    RispondiElimina
  2. ad Ambra,
    sì, internet uno strumento di serie B per la stampa, ma che in certi momenti diventa molto importante.

    RispondiElimina
  3. racconta barzellette così tutti compresi i giornali parleranno delle sue barzellette e non dei vergognosi provvedimenti presi o non presi del suo governo
    un saluto

    RispondiElimina
  4. A Ernest
    sta affilando la sua strategia, con il suo ripetere bunga bunga e barzellette vuole anche far diminuire il peso dei suoi capi d'accusa agli occhi degli elettori. Questa pare l'ipotesi più accreditata che presuppone un quantitativo di elettori disposti a bere tutto. Ma non sono da escludere neanche le altre due ipotesi.

    RispondiElimina
  5. Il vero disgusto viene dalle risate di chi gli sta intorno. E' evidente che nonostante lo sdegno che suscita in noi, la sua strategia funziona e funzionerà. Mi sento come se mi avessero dato un pugno in testa.
    Ciao Francesco,
    Lara

    RispondiElimina
  6. a Lara,
    risate in fascia tricolore. Io sono rimasto particolarmente colpito dal silenzio del Corriere della sera, come se fosse una notizia a cui non conferire alcun peso.
    ciao

    RispondiElimina
  7. La barzelletta mi era nota. Divertente. Io sono col Corriere. Basta dargli peso. La cosa assurda è come dice Lara che tutti intorno ridevano. Lacchè? Come dire mettiamo Alfano a ministro della Giustizia... che ne capisce lui di giustizia... appunto!
    Buona settimana
    Paolo

    RispondiElimina
  8. a Paolo,
    sul non dare peso sono d'accordo con te. Ma il dare la notizia fa parte di un dovere deontologico del giornalista, il Corriere doveva dare la notizia nelle sue ben 40 pagine di carta che io compro, non necessariamente in prima pagina; ci sono tanti cittadini che non vanno su internet.
    ciao

    RispondiElimina
  9. secondo me la sua strategia non funzionera'affatto , ci sono tante persone disgustate anche fra chi lo osannava, comportandosi cosi' non fa che peggiorare la sua situazione , c'e' un limite a tutto!!

    RispondiElimina
  10. Solita barzeletta da bar;ma purtroppo i problemi del Paese sono reali .Saluti a presto

    RispondiElimina
  11. ad Amalia e a Cavaliere oscuro del web,
    i problemi reali del paese non si possono risolvere con una barzelletta e finalmente arriva Amalia che con la sua augurale premonizione pone il possibile limite.
    Spero proprio che la caduta possa cominciare a partire da Milano.
    saluti

    RispondiElimina

SI POSSONO INSERIRE RETTIFICHE E COMMENTI A QUESTO POST IMMEDIATAMENTE ED AUTOMATICAMENTE. CHI INSERISCE RETTIFICHE E COMMENTI LO FA SOTTO LA PROPRIA RESPONSABILITA’ – Il curatore di questo blog si riserva di cancellare rettifiche e commenti che possano contenere offese a terzi o appelli alla violenza. Grazie per ogni rettifica o commento che andate ad inserire. Quando posso e quando trovo qualche parola rispondo.

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.