martedì 26 aprile 2011

NON ROTTAMATE IL PRIMO MAGGIO

Nella Roma vaticana il primo Maggio si santificherà papa Wojtyla. In diverse città il Primo Maggio i negozi rimarranno aperti; perfino nella Firenze di sinistra il rottamatore Renzi rottama la festa dei lavoratori.
Ai lavoratori del primo maggio 2011 pare restare ben poco
Il segretario della CGIL Camusso si è espressa accoratamente in difesa della ricorrenza, vedi al link:
http://www.cgil.it/DettaglioDocumento.aspx?ID=16289
Ma già da tempo la CGIL ha trasformato il primo maggio in un solo megaconcerto Rock.
Chissà se nel 2012 rimarrà qualcosa?
Il 1 maggio voleva ricordare le battaglie operaie e in particolare quella del limite orario di otto ore.
La prima strofa del canto delle mondine diceva:


Se otto ore vi sembran poche,

provate voi a lavorar

e troverete la differenza

di lavorar e di comandar.


Oggi in tante parti del mondo le otto ore vengono superate normalmente. Nel nostro paese sono superate spesso con la pratica diffusa dello straordinario

Data la diffusa pratica della dimenticanza mi limito in questo post a ricordare qualcosa su questa ricorrenza.


L'origine della festa risale ad una manifestazione organizzata negli Stati Uniti dai Cavalieri del lavoro (Knights of Labor, associazione fondata nel 1869) a New York il 5 settembre 1882. Due anni dopo, nel 1884, in un'analoga manifestazione i Cavalieri del lavoro approvarono una risoluzione affinché l'evento avesse una cadenza annuale. Altre organizzazioni sindacali affiliate all'Internazionale dei lavoratori - vicine ai movimenti socialisti ed anarchici - suggerirono come data della festività il primo maggio.
Ma a far cadere definitivamente la scelta su questa data furono i gravi incidenti accaduti nei primi giorni di maggio del 1886 a Chicago (USA) e conosciuti come rivolta di Haymarket. Questi fatti ebbero il loro culmine il 4 maggio quando la polizia sparò sui manifestanti provocando numerose vittime.
L'allora presidente Grover Cleveland ritenne che la festa del primo maggio avrebbe potuto costituire un'opportunità per commemorare questo episodio. Successivamente, temendo che la commemorazione potesse risultare troppo a favore del nascente socialismo, stornò l'oggetto della festività sull'antica organizzazione dei Cavalieri del lavoro.
La data del primo maggio fu adottata in Canada nel 1894 sebbene il concetto di festa del lavoro sia in questo caso riferito a precedenti marce di lavoratori tenute a Toronto e Ottawa nel 1872.
In Europa la festività del primo maggio fu ufficializzata dai delegati socialisti della Seconda Internazionale a Parigi nel 1889.
In Italia la festività fu soppressa durante il ventennio fascista - che la sostituì con il 21 aprile in Natali di Roma - venne ripristinata nel 1945.


Nel 1947 la ricorrenza venne funestata a Portella della Ginestra (PA) quando, la banda di Salvatore Giuliano sparò su un corteo di circa duemila lavoratori in festa, uccidendone undici e ferendone una cinquantina. Fonte http://it.wikipedia.org/wiki/Festa_del_lavoro

Per un più dettagliato resoconto della strage di Portella della Ginestra si può consultare il seguente link
http://www.centroimpastato.it/publ/online/portella_narcomafie.php3






L’internazionale (il testo originale francese con traduzione)
http://it.wikipedia.org/wiki/L


Buon Primo Maggio a tutti i lavoratori, a tutti i lavoratori precari, a tutti i disoccupati, a tutti i migranti.
Immagine - G. Pellizza da Volpedo, Il Quarto Stato, 1910

15 commenti:

  1. Una ricorrenza sofferta, sotto molti aspetti.

    RispondiElimina
  2. Mi unisco a te nell'augurare a tutti un Buon Primo Maggio, con la speranza continua che la gente apra gli occhi e che l'appello della Camusso venga ascoltato e recepito.
    Ciao Francesco,
    Lara

    RispondiElimina
  3. Vogliono far sparire la memoria e il ricordo delle lotte per i diritti.Segnalo questo post nella mia rubrica Saluti a presto

    RispondiElimina
  4. Accidenti quanto hai ragione.
    Mi si arrovella lo stomaco.
    Ho in bozze un post con "Il 4° stato" di Pelizza e le mondine....lo pubblicherò ugualmente...NON PENSARE CHE ABBIA COPIATO DI QUI...eh!
    Piacere di conoscerti e...GRAZIE CAVALIERE!

    RispondiElimina
  5. a Sandra,
    capita di pensare le stesse cose,
    ed è un piacere.
    ciao

    RispondiElimina
  6. Le stanno a provà tutte :(

    RispondiElimina
  7. Purtroppo la festa sta seguendo la strada di molti diritti per cui si era combattutto in passato..

    RispondiElimina
  8. Purtroppo la festa del 1 maggio sta seguendo la strada di molti diritti per cui si è combattuto in passato..

    RispondiElimina
  9. intanto oltre ai diritti hanno fatto sparire il lavoro, questo è il vero scippo

    RispondiElimina
  10. Spero non ti dispiaccia, ma metto un link a questo tuo post.
    Ciao Francesco,
    Lara

    RispondiElimina
  11. I lavoratori stanno perdendo ogni diritto conquistato a costo di sudore e sangue nel corso degli anni. Tutto cancellato in un attimo con un colpo di spugna. Governatori e sindacati due facce della stessa medaglia spesa per distruggere chi si sveglia alle 6 del mattino compiendo le fatiche di Ercole ogni giorno. Salvaguardiamo invece il posto agli onorevoli ed ai loro portaborse. Loro si che non sono fannulloni!

    RispondiElimina
  12. Ciao, Francesco. Grazie e auguri a te.

    RispondiElimina
  13. Sono belli quei versi della canzone delle mondine e quanto tristemente attuali.

    RispondiElimina

SI POSSONO INSERIRE RETTIFICHE E COMMENTI A QUESTO POST IMMEDIATAMENTE ED AUTOMATICAMENTE. CHI INSERISCE RETTIFICHE E COMMENTI LO FA SOTTO LA PROPRIA RESPONSABILITA’ – Il curatore di questo blog si riserva di cancellare rettifiche e commenti che possano contenere offese a terzi o appelli alla violenza. Grazie per ogni rettifica o commento che andate ad inserire. Quando posso e quando trovo qualche parola rispondo.

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.