giovedì 30 gennaio 2014

il senso di un'imposta

 Leggo sul pacchetto di sigarette poggiato sul mio tavolo “il fumo uccide”. La scritta è stata posta su quel pacchetto con una legge dello Stato, quindi lo Stato si fa carico di consigliarmi di non fumare o di fumare il meno possibile.    Pare che siano state inventate delle sigarette elettroniche che,  se si diffondono e si sostituiscono al tabacco bruciato e aspirato,  potrebbero eliminare o diminuire di molto gli effetti negativi. Logica vorrebbe che lo Stato, lo stesso che stampiglia la scritta “il fumo uccide”, favorisca l’uso delle sigarette non dannose; si apprende invece che lo Stato intende applicare un’imposta sulle sigarette non dannose rendendole uguali a quelle dannose .
 Il senso dell’imposta sui vizi è sempre quello di fare cassa, ma in questo caso si potrebbe fare una qualche distinzione.
30/01/14 francesco zaffuto
Link sull’argomento

immagine – una sigaretta elettronica

2 commenti:

  1. Lo so che la parola è trita e ritrita ma la dico lo stesso: ipocrisia. Ipocrisia della più bassa lega. E poi sarei curioso di sapere quanto costano allo Stato i danni derivanti dal fumo

    RispondiElimina
  2. C aro Francesco, purtroppo devo dire la verità! lo stato è un sanguisuga!!! e non finisce mai di sorprendere per mettere i difficoltà i propri cittadini.
    Tomaso

    RispondiElimina

SI POSSONO INSERIRE RETTIFICHE E COMMENTI A QUESTO POST IMMEDIATAMENTE ED AUTOMATICAMENTE. CHI INSERISCE RETTIFICHE E COMMENTI LO FA SOTTO LA PROPRIA RESPONSABILITA’ – Il curatore di questo blog si riserva di cancellare rettifiche e commenti che possano contenere offese a terzi o appelli alla violenza. Grazie per ogni rettifica o commento che andate ad inserire. Quando posso e quando trovo qualche parola rispondo.