venerdì 10 gennaio 2014

LA GUERRA DEI CASSONETTI

In Italia ci sono comuni virtuosi che hanno avviato la raccolta differenziata dei rifiuti;  ed esistono anche cittadini, residenti di comuni virtuosi,  che la propria immondizia indifferenziata la trasferiscono nei cassonetti di altri comuni vicini.
Ed ecco  che può accadere LA GUERRA DEI CASSONETTI .
In un comune del bresciano, Nuvolera accade che:

«Abbiamo affidato a un’agenzia investigativa il compito di sorvegliare i cassonetti più “caldi” e di effettuare accertamenti videofotografici – riferisce il sindaco Luciana Sgotti-. Sulla base dei referti, il comando della Polizia locale ha redatto i verbali. In questi giorni, sono state notificate a cittadini non residenti, per conferimento abusivo di rifiuti, ben trenta contravvenzioni. Si tratta, lo ricordo, di sanzioni pesanti: cinquecento euro. I controlli proseguiranno nelle prossime settimane – promette il primo cittadino – e saranno estesi alle zone più periferiche del territorio comunale».

Continuate per la notizia del 2014 su

Non è una novità perché atti di questa guerra li possiamo trovare anche nel 2013

Potrebbe essere il caso di cominciare ad obbligare ad essere virtuosi tutti i Comuni d’Italia e tutti i cittadini italiani.
10/01/14 francesco zaffuto


Immagini – cassonetti di spazzatura 

5 commenti:

  1. Assolutamente d'accordo, non sai quanto sono d'accordo. Anche perché vedo la differenza fra qui, Milano, e il paesello.

    RispondiElimina
  2. E pensare che i rifiuti sono considerati l'oro del nostro secolo... tanto redditizi da scomodare le mafie. Redditizi anche per i comuni che hanno alzato la tassa in modo indegno.
    Che tempi stiamo vivendo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. diciamo che navighiamo nella monnezza

      Elimina
    2. E pensare che non hai capito niente.

      I rifiuti costano, costa anche dividerli e riciclarli, oppure bruciarli.
      La ragione per il recupero è appunto recuperare una parte delle risorse spese per la produzione del bene e la sua distruzione.
      Ma non è che un televisore costa 100 farlo, 10 smaltirlo e produce 200 quando si recuperano i materiali, magari produce 1. Oro de che. I rifiuti, nella migliore delle ipotesi, possono tornare utili come la cacca, che si usa per concimare e per produrre gas da bruciare per riscaldamento o produzione di energia. Ma una bistecca costa molto ma molto di più della cacca che ne risulta e anche lo stoccaggio e la movimentazione della cacca ha un costo.

      Le mafie non si interessano dei rifiuti. Quello che fanno è coinvolgere delle aziende compiacenti oppure creare società ad arte che forniscono alle aziende clienti tutti i documenti relativi al corretto smaltimento e poi, invece di procedere effettivamente allo smaltimento, occultano i rifiuti ovunque possono. L'interesse dalla mafia consiste nel fatto che l'azienda cliente paga per lo smaltimento che però non viene effettuato.

      E finisco dicendo che questo post è leggermente demenziale, considerato che ci sono capoluoghi di provincia in Italia dove non c'è l'acqua potabile, nonostante l'amministrazione sia pesantemente indebitata. Epperò i "comuni virtuosi".

      Elimina
  3. Certo che la supponenza di questo lettore, Lorenzo, che imperversa nella rete, è un vero capolavoro. E' in grado di muovere delle critiche più o meno sensate sempre e ovunque, quale che sia l'argomento di cui trattasi.
    Grande Francesco che lasci comunque i suoi commenti.
    "Non ragioniam di lor, ma guarda e passa"

    RispondiElimina

SI POSSONO INSERIRE RETTIFICHE E COMMENTI A QUESTO POST IMMEDIATAMENTE ED AUTOMATICAMENTE. CHI INSERISCE RETTIFICHE E COMMENTI LO FA SOTTO LA PROPRIA RESPONSABILITA’ – Il curatore di questo blog si riserva di cancellare rettifiche e commenti che possano contenere offese a terzi o appelli alla violenza. Grazie per ogni rettifica o commento che andate ad inserire. Quando posso e quando trovo qualche parola rispondo.