martedì 4 febbraio 2014

IL NASO di Casini e quello degli altri

Casini con il suo naso ha ben fiutato che non ci sta più spazio al centro e scivola veloce a destra.  Con il decollo della  “nuova probabile legge elettorale”  e con  “il previsto premio di maggioranza”, Casini e il suo gruppo rischiano di scomparire; si tratta di sceglie tra il vecchio Padre padrone ( Berlusconi, che anche per l’età e per gli ultimi disagi è destinato a scomparire) e il nuovo Principe (che mostra di lasciare poco spazio ad altri leader).

 Ma ci sono anche altri nasi:
 quello di Berlusconi che fiuta una grande coalizione che lo può riportare in auge;
quello di Grillo che fiuta  il suo possibile inserimento nel bipolarismo innestando il  “NOI e LORO” ed alza i toni dello scontro;
quello di Renzi che fiuta se stesso e gli italiani che desiderano un nuovo leader, ma nella sua coalizione (al momento) trova appena se stesso.

Agli italiani pare che il naso sia scomparso e vaga solitario, chissà se lo troveranno in una pagnotta di pane come accadde 
una mattina  a Ivàn Jakovlèviè.