giovedì 28 ottobre 2010

E’ vero o sono balle??????



E’ vero o sono balle??????

Sui mestieri che nessuno vuol fare.

In una condizione come quella italiana con un 11% di disoccupazione reale stimato dalla Banca d’Italia, con migliaia di cassaintegrati, con lavoratori che stazionano in disoccupazione per periodi superiori all’anno, sentire giornali che parlano di mestieri che nessuno vuole fare diventa un mistero.
Ecco i link delle notizie diffuse in ottobre dai due più grandi quotidiani d’Italia.
http://www.repubblica.it/economia/2010/10/24/news/sarti_cuochi_falegnami_i_mestieri_introvabili_che_i_giovani_snobbano-8379586/
http://www.corriere.it/economia/10_ottobre_23/mestieri-introvabili-studio_12d15cc0-deda-11df-99d6-00144f02aabc.shtml
Nessuno vuole fare il panettiere, nessuno il gelataio, nessuno il tapparellista, nessuno il falegname ecc...
E’ vero o siamo di fronte al solito luogo comune colpevolizzante?
Se al primo annuncio per fare il gelataio correte e presentarvi, il colloquio prevedibilmente sarà questo.
Per quanto tempo l’hai fatto il gelataio e dove?
Mai.
Non hai esperienza nel settore!?
E che è, si nasce gelatai? Posso imparare, guardò un po’ e imparo.
Ti pare facile imparare, fare i gelati è complesso. Che scuole hai fatto?
Sono laureato il lettere classiche.
Ma non se ne parla proprio, il gelataio non è mestiere tuo.
Ma sé ho imparato il greco che sarà mai?
A questo punto non puoi insistere perché ci vai a litigare di brutto.
In Itala è così: la separazione tra la testa e le mani è netta.
Se chiedi per un mestiere ti dicono che ci vuole un lungo apprendistato o un corso triennale. TRRRRRIENNALE!?!?!? Sì, triennale per qualsiasi mestiere, quanto una laurea breve.
Negli anni sessanta dopo una settimana di apprendista dal barbiere ti consegnavano il rasoio, il primo cliente riportava qualche piccolo taglio ma poi filava tutto liscio come l’olio; oggi la forbice per tagliare un capello te la danno dopo tre anni e devi imparare tutta la storia delle parrucche nei secoli; se poi devi mettere un po’ di sale nel brodo e fare il cuoco almeno cinque anni e un master.
Poi abbiamo gli articoli dei giornali sui mestieri che nessuno vuol fare, sulle dichiarazioni di Tremonti e Brunetta, su i fannulloni e i bamboccioni.
Basta, con questo maledetto imbroglio. A scuola, a tutti i liceali, specie a quelli del classico, insegniamo un mestiere in modo che alla fine dei cinque anni, oltre alla maturità classica ricevano la qualifica di gelataio o panettiere. A scuola, in tutti i professionali, insegniamo un po’ di storia e filosofia, in modo che gli operai non si facciano prendere in giro dal sindacalista o dal Marchionne di turno.
La nostra testa e tutta l’intelligenza dell’uomo non si sarebbe mai sviluppata senza le mani, e le nostre mani non funzionano senza una testa che li guida, neanche per farsi una sega.
Siamo un paese dove la maggior parte delle famiglie disprezza l’educazione al lavoro manuale per i propri figli; per lo stesso meccanismo di disprezzo chi si occupa di lavoro manuale cerca di infiorare ogni mestiere con orpelli vari fino a fare diventare un ciclo di apprendistato una specie di laurea.
Diamoci una regolata perché con le questioni del lavoro e con la vita dei giovani non si scherza. I contratti di apprendistato debbono essere intensivi e brevi e poi si deve passare all’assunzione; gli stessi corsi professionali non possono avere durate di lauree; deve essere data l’opportunità di riuscire ad ottenere una o più qualifiche in tempi brevi; il resto della professionalità la si acquisisce lavorando e ricevendo una prima retribuzione; questo è necessario se si vuole parlare di flessibilità, gli attuali ritmi di apprendistato e di corsi professionali stanno introducendo una rigidità esasperante e sono un proficuo business per chi tiene i corsi.
29/10/10 francesco zaffuto
.
(immagine “l’oracolo” fotocomposizione © liborio mastrosimone http://libomast1949.blogspot.com/)

Nota descrittiva dell'immagine per disabili visiviSi tratta di tre figure umane antropomorfe, al primo istante potrebbero ricordare la rappresentazione di non vedo, non sento, non parlo. Ma le tre figure sono uguali nell’atteggiamento e nella proporzione, stanno tutte con le gambe divaricate e le braccia a penzoloni, solo una porta il suo volto dentro un quadrato nero: è l’oracolo, è come gli altri, ma chiuso dentro in quel quadrato pensa di vedere più cose.

3 commenti:

  1. Draghi ha parlato di 'scoraggiati', riferito ai cinquantenni rimasti senza lavoro e scoraggiati da un mercato che li rifiuta, ancorché carichi di esperienza voglia e bisogno di lavorare.
    Puoi capire se fa ponti d'oro al giovane che vuole entrare nel mondo del lavoro.
    L'esempio del dialogo col gelataio è emblematico, e vale per tutte le categorie della manualità applicata.
    Poveri i giovani e poveri i non ancora vecchi, ma già da buttare!

    RispondiElimina
  2. spesso gli scoraggiati sono laureati, e poi ci sono i terribili casi limite
    http://www.bergamosera.com/cms/2010/10/28/disoccupata-di-33-anni-si-getta-dal-quarto-piano/

    RispondiElimina
  3. E che dire anche dei laureati che fanno pratica, di fatto lavorano, negli studi professionali per qualche anno a zero euro?

    RispondiElimina

SI POSSONO INSERIRE RETTIFICHE E COMMENTI A QUESTO POST IMMEDIATAMENTE ED AUTOMATICAMENTE. CHI INSERISCE RETTIFICHE E COMMENTI LO FA SOTTO LA PROPRIA RESPONSABILITA’ – Il curatore di questo blog si riserva di cancellare rettifiche e commenti che possano contenere offese a terzi o appelli alla violenza. Grazie per ogni rettifica o commento che andate ad inserire. Quando posso e quando trovo qualche parola rispondo.