venerdì 8 ottobre 2010

Sto con Feltri, solo per oggi


Oggi sto con Feltri. Terribile ma può capitare anche questo.
Ma cosa cercavano i magistrati che hanno disposto la perquisizione alla sede de Il Giornale e personale a Sallusti e Porro? Armi e droga non mi pare.
Pare cercassero un dossier che avrebbe potuto determinare un possibile dossieraggio. Ma quale sarebbe il reato di dossieraggio?
Per la mia limitata preparazione giuridica ricordo che a mezzo stampa si possono commettere i reati di: diffamazione, notizie false e tendenziose, falso ideologico, procurato allarme, aggiotaggio a mezzo stampa e... mi pare di avere finito; chiedo aiuto a qualche blog che si occupa di argomenti giuridici. Ma in ogni caso, trattasi di reati tutti che si realizzano con l’effettiva pubblicazione di un articolo; fino a quando l’articolo non c’è non esiste neanche il reato. Dossieraggio non significa nulla, esistono pezzi di carta, appunti, qualche file, indirizzi di informatori, e il reato non è neanche ipotizzabile. Anch’io ho un link che riguarda una ditta dal nome Marcegaglia, eccolo, spero continui ad essere attivo

Può darsi che Sallusti, Porro e Feltri si preparassero ad ampliare l’argomento riportato nel link, e che fossero venuti in possesso di qualche prova o presunta tale. Sorge allora un interrogativo più complesso: i magistrati stavano cercando prove che potessero riguardare una ditta Marcegaglia? Forse daranno qualche spiegazione nei prossimi giorni.

Non voglio paragonare Feltri, Sallusti e Porro a i giornalisti del Washington Post Bob Woodward e Carl Bernstein, ma se la magistratura americana si fosse comportata allo stesso modo forse non ci sarebbe stato il caso Watergate http://it.wikipedia.org/wiki/Scandalo_Watergate
Riguardo poi al dossieraggio sui casi Boffo e Fini, saranno stati sicuramente spiacevoli i contorni, gli aggettivi, i titoli a caratteri cubitali, ma il documento di Boffo faceva riferimento ad un atto giudiziario e la casa a Montecarlo abitata dal cognato di Fini esiste.
Porro, Sallusti e Feltri sono degli antipaticoni, la Marcegaglia è più carina e parla in modo meno greve di Berlusconi, viene voglia di essere partigiani; ma la partigianeria sulle questioni di libertà di stampa va messa da parte. La libertà di stampa è il punto più delicato di una democrazia e va difesa senza dubbi.
Se poi vogliamo veramente essere partigiani, diciamo pure che Berlusconi e Marcegaglia sono ambedue padroni e forse e meglio stare con gli opera Fiom che manifesteranno a Roma il 16 Ottobre.
08/10/10 francesco zaffuto
.
(immagine - il complesso edilizio del Watergate - l'immagine fu esibita come prova al processo)