giovedì 24 novembre 2011

Speculazione a go go


I titoli di debito tedeschi sono considerati i migliori (con una distanza di spread di 500 rispetto a quelli italiani), ma ieri 23 novembre non sono stati comprati
Sui 6 miliardi di titoli che la Germania sperava di piazzare, ne sono stati raccolti solo 3,6. La Bundesbank, la Banca centrale di Berlino, è dovuta intervenire per completare l’operazione.
La goccia che fece traboccare il vaso e mette a dura prova la forza dell’euro. L’asta di bond a dieci anni, l’ultima del 2011, lanciata Mercoledì dalla Germania, si è tradotta in un flop. La domanda è stata estremamente bassa, al punto che Berlino non è riuscita a collocare che 3,6 miliardi di euro, rispetto all’offerta di 6 miliardi di euro. http://www.forexinfo.it/Germania-asta-flop-di-Bund-La
Chi continua a parlare di “attesa per giudizio dei mercati” cosa potrà dire?
I mercati rivelano solo che sono in preda ad ondate speculative, hanno giudicato i titoli italiani come se fossero una schifezza, ma con il 7% di rendimento sono disposti a comprarli; hanno giudicato come migliori i titoli tedeschi e non corrono a comprarli. Alla faccia del caciocavallo!!! Questi dovrebbero essere quelli che giudicano?
Al freno sul debito pubblico occorre arrivarci non tanto per “il giudizio dei mercati” ma perché l’espansione del debito è stato un comportamento balordo, tutto basato sull’idea di una crescita che doveva continuare all’infinito con contraddizioni da scaricare sulle generazioni future, una sorta dei “chi vivrà vedrà” i cui nodi sono venuti al pettine. Sono le regole del capitalismo che vanno modificate; le grandi banche e i fondi pensione non possono essere nelle mani di speculatori privati a go go.
24/11/11 francesco zaffuto
Post per argomento collegato - IL MISTERO DEL DEBITO
Immagine – due bicchieri con wisky

7 commenti:

  1. Se intanto a livello comunitario si mettessero già un po' d'accordo su qualcosa, qualche freno alla speculazione magari arriverebbe pure così!

    RispondiElimina
  2. ahah forte George Best, io invece vorrei essere Cantona che ritira i soldi dalla banca!

    RispondiElimina
  3. pensa in mano a chi sta il nostro futuro. Oltre ai nostri soldi, il lavoro, la fiducia. Mi chiedo: quando ne verremo fuori?

    RispondiElimina
  4. Grande chiarezza, amico, grande chiarezza.
    Fai conto che stia brindando con te alla consapevolezza che ci stanno lasciando in mutande..
    ..penso che anche Best si farebbe un bicchierino.

    RispondiElimina
  5. Io, da profano, penso che questa sia la conseguenza di aver voluto un'unità monetaria prima ancora che ce ne fosse una politica, che ancora non c'è. Il tutto condito dall'idea balzana che i mercati si regolamentassero da soli.

    RispondiElimina
  6. A Roby Bulgaro
    ... da profano hai parecchio ragione ....

    RispondiElimina

SI POSSONO INSERIRE RETTIFICHE E COMMENTI A QUESTO POST IMMEDIATAMENTE ED AUTOMATICAMENTE. CHI INSERISCE RETTIFICHE E COMMENTI LO FA SOTTO LA PROPRIA RESPONSABILITA’ – Il curatore di questo blog si riserva di cancellare rettifiche e commenti che possano contenere offese a terzi o appelli alla violenza. Grazie per ogni rettifica o commento che andate ad inserire. Quando posso e quando trovo qualche parola rispondo.