mercoledì 21 gennaio 2015

Ciò che è scritto si può leggere

Il leader della Lega si può arrabbiare, lo faccia pure; ma ciò che è scritto nella Costituzione si può leggere prima di cominciare a raccogliere delle firme per un referendum. Ecco l’articolo 75 della Costituzione relativo al referendum
Art. 75.
È indetto referendum popolare per deliberare l'abrogazione, totale o parziale, di una legge o di un atto avente valore di legge, quando lo richiedono cinquecentomila elettori o cinque Consigli regionali.
Non è ammesso il referendum per le leggi tributarie e di bilancio, di amnistia e di indulto, di autorizzazione a ratificare trattati internazionali.
Hanno diritto di partecipare al referendum tutti i cittadini chiamati ad eleggere la Camera dei deputati.
La proposta soggetta a referendum è approvata se ha partecipato alla votazione la maggioranza degli aventi diritto, e se è raggiunta la maggioranza dei voti validamente espressi.
La legge determina le modalità di attuazione del referendum.

La Legge Fornero,  che ha fatto dei disastri in materia di pensione è una legge di bilancio, sicuramente odiosa e ingiusta per tante persone, ma nel suo istituirsi una legge di bilancio prevede contropartite in materia di cassa, non può essere cancellata senza istituire un’altra legge per pareggiare la cassa. Il referendum nella nostra Costituzione è solo abrogativo e cancellare una legge di bilancio senza istituire una contropartita di cassa non è possibile. In ogni caso un referendum su leggi di bilancio è chiaramente escluso per quanto dice l’articolo 75. La Corte costituzionale deve applicare gli articoli della Costituzione. Faccia Salvini le necessarie alleanze in Parlamento per modificare quella legge e non si lamenti della fine della democrazia, era già previsto dalla stessa democrazia costituzionale come sarebbero andate le cose. Se poi la raccolta delle firme è stata fatta per una grande campagna pubblicitaria, allora è un’altra cosa.

21/01/15 francesco zaffuto

2 commenti:

  1. Abbastanza probabile che si tratti di una campagna pubblicitaria sui generis.

    RispondiElimina
  2. Non sanno nemmeno presentare un referendum... della serie: casi disperati.
    Speriamo sia stata una trovata propagandistica.

    RispondiElimina

SI POSSONO INSERIRE RETTIFICHE E COMMENTI A QUESTO POST IMMEDIATAMENTE ED AUTOMATICAMENTE. CHI INSERISCE RETTIFICHE E COMMENTI LO FA SOTTO LA PROPRIA RESPONSABILITA’ – Il curatore di questo blog si riserva di cancellare rettifiche e commenti che possano contenere offese a terzi o appelli alla violenza. Grazie per ogni rettifica o commento che andate ad inserire. Quando posso e quando trovo qualche parola rispondo.