sabato 14 marzo 2015

ATTENZIONE siete in prossimità di una “buona scuola”


Nel disegno di legge sono messi insieme: il problema urgente delle assunzioni del personale precario con una riforma generale di tutto l'impianto scolastico. In pratica il Governo dice: se volete che si assumano i precari voi Parlamentari mi dovete dare il via alla riforma di tutta la scuola.
E nella “buona scuola” ci stanno cose bellissime: una carta di credito a tutti i docenti di 500 euro da spendere per attività culturali (acquisto libri, spettacoli teatrali, ecc ….), ci saranno anche premi per il merito dei docenti circa 200 milioni di euro (ovviamente il merito dei docenti sarà individuato dal Dirigente scolastico); e nessuna preoccupazione per i vecchi scatti di anzianità che non vengono toccati.
Arriveranno anche tanti soldi alla scuola pubblica dai privati: si potrà donare il 5 per mille alle scuole; i privati potranno fare donazioni alle scuole e poi potranno portarsi in detrazione dalle imposte quello che hanno donato (dal 50 al 65%).
Arriveranno soldi anche alle scuole private: 400 euro di detrazioni fiscali per le famiglie che iscrivono i figli alle scuole private.

Chi reggerà la nuova buona scuola? I Dirigenti scolastici, e sembra che il disegno di legge sia stato scritto di loro pugno: leggiamo ….


Art 2
Comma 1
… è rafforzata la funzione del Dirigente scolastico per garantire una immediata e celere gestione delle risorse umane, finanziarie, ….
Comma 9
Il Piano triennale è elaborato dal Dirigente scolastico, sentito il Collegio dei docenti e il Consiglio d’istituto, nonché i principali attori economici, sociali e culturali del territorio.
Comma11
I dirigenti scolastici, una volta definito il Piano triennale dell’offerta formativa, scelgono il personale da assegnare ai posti dell’organico dei docenti, con le modalità di cui all’art. 7

Art 3
Comma 2
Il dirigente scolastico può individuare percorsi formativi e iniziative dirette a garantire un maggiore coinvolgimento degli studenti nonché una valorizzazione del merito scolastico e dei talenti,  …

Art 4
Comma 8
Il Dirigente scolastico individua le imprese e gli enti pubblici e privati disponibili alla attivazione dei percorsi di cui ai commi precedenti e stipula apposite convenzioni …

Art 6
Comma 1  (ndr. gli insegnanti possono fare qualsiasi cosa ordinerà il dirigente in base al Piano triennale)
L’organico dei docenti è finalizzato alle esigenze curricolari, extracurricolari, educative ed organizzative che le istituzioni scolastiche esprimono con i piani triennali…


Art 7
Comma 1
Nell’ambito dell’autonomia della istituzione scolastica, il Dirigente scolastico ne assicura il buon andamento. A tale scopo, svolge compiti di gestione direzionale, organizzativa e di coordinamento  ed è responsabile delle scelte didattiche, formative e della valorizzazione delle risorse umane e del merito dei docenti.

Potete leggere l’intero art. 7 su

troverete che il Dirigente conferisce gli incarichi triennali agli insegnati iscritti agli albi territoriali secondo i criteri del Piano, sono fatti salvi gli insegnanti che al momento dell’entrata in vigore della legge sono di ruolo nella scuola, ma se vanno in soprannumero anche loro diventeranno trasportabili secondo le esigenze dei dirigenti scolastici.


1 commento:

  1. Non sono in grado di fare delle valutazioni. mi pare però che la responsabilità del Dirigente sia molto ampia, tenendo conto che forse la sua formazione non è così specifica. Non sarebbe stato meglio affiancarlo a un team di docenti nelle sue scelte'

    RispondiElimina

SI POSSONO INSERIRE RETTIFICHE E COMMENTI A QUESTO POST IMMEDIATAMENTE ED AUTOMATICAMENTE. CHI INSERISCE RETTIFICHE E COMMENTI LO FA SOTTO LA PROPRIA RESPONSABILITA’ – Il curatore di questo blog si riserva di cancellare rettifiche e commenti che possano contenere offese a terzi o appelli alla violenza. Grazie per ogni rettifica o commento che andate ad inserire. Quando posso e quando trovo qualche parola rispondo.

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.