venerdì 6 marzo 2015

Una lettera per Raif

Care e cari membri di Avaaz,

hanno frustato mio marito pubblicamente, mani e piedi legati, il volto contorto dal dolore. Il solo ricordo è insopportabile. E non gli è bastato, ora pare che lo vogliano addirittura uccidere. Ma potete aiutarmi a salvarlo.

Mi chiamo Ensaf Haidar. L’anno scorso l’Arabia Saudita ha condannato mio marito Raif a 10 anni di prigione e 1000 frustate per aver “insultato l’Islam”. Quello che ha fatto è stato semplicemente aver espresso le sue ideee sul suo blog. Raif è un uomo buono, un padre affettuoso. Ci manca, e ora io e le nostre tre bambine temiamo per la sua vita. 

Ma ora la Germiania potrebbe aiutarci a liberarlo: tra 48 ore il Ministro dell’Economia sarà in Arabia: se userà la sua influenza per difendere i diritti di Raif, può convincere i leader sauditi a ripensare la pena.

Ho chiesto di personaal Ministro di aiutarci. Ma la mia voce da sola non basta. Per questo vi chiedo di aiutarmi a farlo diventare un appello mondiale per la liberazione di Raif. Unitevi a me e condividete questo appello con tutti:

https://secure.avaaz.org/it/free_raif_badawi_loc/?tCfjVab

Pochi anni fa Raif ha creato il blog “Liberali dell’Arabia Saudita”. Voleva scrivere di politica e religione, affrontare i problemi della società e della politica. Ma secondo il sistema giuridico saudita ha offeso l’Islam, un’accusa che prevede pene durissime. La condanna di Raif non ha colpito solo lui: la sua flagellazione pubblica è un avvertimento molto chiaro a chiunque vuole esprimere le proprie idee. 

Io e Raif ci siamo conosciuti 15 anni fa. Due anni dopo ci siamo sposati, poco dopo abbiamo avuto la nostra prima bambina. Quando sono iniziati i problemi con la giustizia nel 2008, ci ha chiesto di lasciare il Paese: siamo andate in Egitto, poi in Libano e ora siamo in Canada, dove ci è stato dato asilo politico. Ma ora non sopportiamo più di essere lontane senza poter fare niente, vogliamo che Raif torni da noi! 

Tante persone nel nostro Paese chiedono oggi delle riforme, e l’attenzione internazionale per l’appello per Raif sta crescendo. Il Ministro tedesco, Sigmar Gabriel, ha detto che parlerà anche di diritti umani durante la sua visita. Vi chiedo di unirvi al mio appello: abbiamo una possibilità di liberare mio marito: 

https://secure.avaaz.org/it/free_raif_badawi_loc/?tCfjVab

Vi ringrazio infinitamente, 

Ensaf, insieme a tutto il team di Avaaz

Per maggiori informazioni: 

Raif Badawi: dopo le frustrate, il blogger saudita ora rischia la pena di morte. L'appello lanciato dalla moglie (Huffington Post)
http://www.huffingtonpost.it/2015/03/01/raif-badawi_n_6779034.html

Arabia Saudita, 10 anni di prigione e mille frustate a un blogger. "Liberatelo!" (Redattore sociale)
http://www.redattoresociale.it/Notiziario/Articolo/478543/Arabia-Saudita-10-anni-di-prigione-e-mille-frustate-a-un-blogger-Liberatelo

Je suis Raif, l'Europa chiede la libertà per il blogger saudita condannato a 1000 frustate (Tiscali cronaca)
http://notizie.tiscali.it/articoli/cronaca/15/02/20/raif-liberta-blogger-saudita.html

Arabia Saudita, il buco nero dei diritti umani tra decapitazioni e frustate «Stessi metodi del Califfato» (Corriere Sociale)
http://sociale.corriere.it/arabia-saudita-il-buco-nero-dei-diritti-umani-tra-decapitazioni-e-frustate-stessi-metodi-del-califfato/

Non una frustata di più. Libertà per Raif Badawi e per gli altri prigionieri di coscienza. A Roma, l'ottavo giovedì di fronte all'Ambasciata dell'Arabia Saudita (Amnesty International)
http://sociale.corriere.it/arabia-saudita-il-buco-nero-dei-diritti-umani-tra-decapitazioni-e-frustat...

Nessun commento:

Posta un commento

SI POSSONO INSERIRE RETTIFICHE E COMMENTI A QUESTO POST IMMEDIATAMENTE ED AUTOMATICAMENTE. CHI INSERISCE RETTIFICHE E COMMENTI LO FA SOTTO LA PROPRIA RESPONSABILITA’ – Il curatore di questo blog si riserva di cancellare rettifiche e commenti che possano contenere offese a terzi o appelli alla violenza. Grazie per ogni rettifica o commento che andate ad inserire. Quando posso e quando trovo qualche parola rispondo.

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.