domenica 23 ottobre 2011

Censimento 6.1. un’ora sola ti vorrei


Molti di noi sono alle prese con le domande sul censimento, tutto sommato prevedono delle risposte semplici; ma quando si arriva alle poche domande sull’occupazione non si capisce più il senso e il motivo delle domande stesse.

La domanda 6.1 chiede: Nella settimana precedente la data del censimento (dal 2 all’8 ottobre) ha svolto almeno un’ora di lavoro? Sì o No

Un’ora?

Pare proprio di sì, perché ti dicono che puoi saltare il resto delle domande e andare a rispondere alle quelle sul trasporto da casa al lavoro.

Ti sorge qualche perplessità su quell’ora di lavoro?

Bene, vai a leggere sulla guida al punto 6.1

http://censimentopopolazione.istat.it/_res/doc/pdf/Guida_Compilazione_Questionario_Completa.pdf

e scopri che può essere anche un’ora di un lavoro saltuario, anche un’ora di lavoro in nero senza contratto, anche se non ancora pagata, anche se sei solo un tirocinante, anche se trattasi di un’ora che hai svolto nella panetteria di tuo padre come coadiuvante pur di non farlo brontolare.

Non so come saranno disposti i dati statistici, ma presumo che per quella sola ora di lavoro, sarai considerato miracolosamente occupato.

Sorgono allora altre domande.

Perché spendere tanti soldi e tanta fatica per avere dei dati così poco rilevanti ai fini della conoscenza del nostro paese? Non si poteva cogliere l’occasione del censimento per fare qualche domanda più circostanziata sul lavoro?

23/10/11 francesco zaffuto

11 commenti:

  1. Il censimento non serve a noi, serve a loro. Il censimento, in sé, è un crudele turpiloquio dello Stato nei confronti dei suoi cittadini. Solo per questo dovremmo rifiutarci di compilarlo.
    Un caro saluto.

    RispondiElimina
  2. Avevo già compilato il cartaceo, arrivato alla fine mi sono accorto d'avere sballato buona parte del 'questionario', forse per la troppa concentrazione sulle risposte.
    Indubbiamente è stato più semplice compilare il 730.
    Per non cancellare, mi sono affidato all'online, in una mezz'oretta l'ho compilato e inoltrato. A metà percorso ho avuto un dubbio, ho chiamato il numero verde, ho atteso in linea 40' (diconsi quaranta secondi), ho avuto il chiarimento e... lo ritroverò nel 2021.
    Se tutto va bene...
    Ho fatto il lavoro il 20, per essere in regola nel caso il 21 davvero finisse il mondo.
    Con la burocrazia che abbiamo ho voluto evitare di essere perseguitato anche... dopo.
    Saluti cari.

    RispondiElimina
  3. Chissà tra coloro che hanno ideato queste illuminanti domande, amerebbero sentirsi rispondere:

    Per un'ora di lavoro non sò cosa farei,
    per poter lavorare non sò cosa darei...
    Chiudo gli occhi, senza fatigà
    le serate non finiscono mai,
    sole nero, mare di lacca,
    non vorrei restare nella cacca.
    Un ricordo niente più...
    e per un'ora di lavoro venderei anche mia nonna
    e per un'ora di lavoro venderei anche il cane
    Per un'ora di lavoro non sò cosa farei,
    per poter lavorare non sò cosa darei...
    Chiudo gli occhi, e vorrei
    non nei sogni ma così come è,
    sole nero, mare di fogna,
    che risveglio ora che nuoto nella rogna.
    Aspettare e sapere che ormai
    io per un'ora di lavoro venderei anche l'anima (la dignità l'ho già data)
    Chiudo gli occhi, penso al lavoro,
    i ricordi non finiscono mai,
    sole nero, mare marrone,
    come il vento è svanito oramai...
    Non rimane che dire "Vorrei"
    e per un'ora di lavoro voterei anche berlusconi
    e per un'ora di lavoro voterei anche scilipoti
    Per un'ora di lavoro non sò cosa farei,
    per poter lavorare non sò cosa darei...

    sarebbe cosa giusta e buona cantare:

    Un'ora solo ti vorrei
    per dirti quello che non sai
    e in quest'ora ti direi
    io vado all'Estero
    e non ve vedo più

    RispondiElimina
  4. No, per il lavoro fanno indagini a campione, nel senso che si prendono i campionati del lavoro e quelli che un lavoro lo vincono sono anche estratti per rispondere alle domande, del resto chi un lavoro non ce l'ha che cazzo di domande gli fai? non sa nulla di lavoro, è inutile intervistarlo!

    RispondiElimina
  5. a Riverinflood
    ci minacciano anche con una ammenda
    a gattonero
    la tua disavventura e simile alla mia, anch'io sono passato alla versione online
    ad anonimo
    illuminante sfogo in versi

    RispondiElimina
  6. Vero. Ho assistito alla rabbiosa (code interminabili) consegna dei formulari compilati alla posta e ho ascoltato chiacchiere e commenti intorno a me. Più d'uno affermava che non si capiva niente e aveva risposto a caso. Forse mi è nata qualche perplessità sull'attendibilità dei risultati che ci verranno presentati. Poveri noi.

    RispondiElimina
  7. Pensa invece chi non lavora.
    La risposta per loro è che non hanno svolto quell'ora di lavoro non perché licenziati, ma perché non studiano, non lavorano e non seguono corsi professionali: in pratica, hanno scelto loro.
    Non è che hanno perso il lavoro: è che non hanno voglia di fare un cazzo!

    RispondiElimina
  8. a BastianContario
    il test del censimento prevede per loro la domanda finale 6.6 e possono porre la crocetta su
    x altra condizione.
    Un po' come dire "chi se ne frega"

    RispondiElimina
  9. Spero che chi abbia lavorato poche ore abbiamo messo ZERO ORE!

    RispondiElimina
  10. Mi sono posto anch'io domande analoghe.

    RispondiElimina

SI POSSONO INSERIRE RETTIFICHE E COMMENTI A QUESTO POST IMMEDIATAMENTE ED AUTOMATICAMENTE. CHI INSERISCE RETTIFICHE E COMMENTI LO FA SOTTO LA PROPRIA RESPONSABILITA’ – Il curatore di questo blog si riserva di cancellare rettifiche e commenti che possano contenere offese a terzi o appelli alla violenza. Grazie per ogni rettifica o commento che andate ad inserire. Quando posso e quando trovo qualche parola rispondo.

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.