lunedì 31 ottobre 2011

La sorte


Per alcuni giorni non sarò vicino a questo blog, me ne vado in ospedale. Niente di grave, intervento di routine, sono io che ho una gran fifa, gli ospedali non mi piacciono, sono luoghi dove si soffre, si muore, ma dove non si può fumare.
Vi lascio il primo atto di una commedia (o se si vuole dramma) che ho da poco finito di scrivere e che porta come titolo “La sorte”; se qualcuno legge questo primo atto forse rintraccerà i tratti di qualche personaggio politico dei nostri tempi, ma ciò è un dato incidentale come la sorte del resto.
Questo primo atto lo trovate a questo link La sorte
Per il secondo atto, al mio ritorno dall’ospedale
31/10/11 francesco zaffuto

18 commenti:

  1. Auguri Francesco
    per una pronta guarigione

    RispondiElimina
  2. Il mio pensiero più forte e più affettuoso ti accompagni e ti protegga. Ci sono passato, e la fifa è inevitabile. Ciao, caro amico!

    RispondiElimina
  3. Il primo atto lo leggo dopo.
    Il secondo al tuo rientro.
    Per ora, se non sei allergico ai gatti, mi accovaccio in fondo al letto, e aspetto.
    Non avere timori, quelli che ti manipoleranno sono esseri umani.
    Come noi.
    Distruggili!!!

    RispondiElimina
  4. In bocca al lupo!Ci sentiamo presto!! ^_^

    RispondiElimina
  5. In bocca al lupo!
    Che tutte le energie positive del mondo ti proteggano.
    Ciao

    RispondiElimina
  6. In bocca al lupo Francesco caro!
    Un abbraccio "scacciafifa" e a prestissimo ;))
    Namastè

    RispondiElimina
  7. andrà tutto bene, vedrai: prendi il tuo soggiorno in ospedale come una missione da reporter, indaga e osserva, ci racconterai la tua opinione sul servizio sanitario nazionale nella tua regione.
    ti aiuterà a far passare quel tempo metafisico che vive in un ospedale e ci porterà la tua preziosa opinione su quei luoghi, sul personale che ci lavora, su quanti farmaci dovrai portarti da casa, ecc.
    se invece vai in una clinica privata scopri perché quella struttura prende più soldi di un ospedale pubblico ;)
    sta tranquillo e torna presto, un abbraccio laura

    RispondiElimina
  8. In bocca al lupo,Francesco.A presto rileggerti !

    RispondiElimina
  9. Auguri Francesco...hai ragione a non farti piacere gli ospedali. Ma, d'altra parte vedi che sono utili a "metterci una pezza" come si dice dalle mie parti. Sicuramente leggerò la tua fatica letteraria....a presto!!

    RispondiElimina
  10. Auguri, vedrai che tutto andrà a posto. Adesso vado a vedere questo primo atto.

    RispondiElimina
  11. Francesco, torna presto! Ti aspetto con ansia. Sta' tranquillo, te lo dice una che come paziente è davvero poco paziente! Un abbraccio!

    RispondiElimina
  12. dunque: intanto: tanti cari auguroni, non so quale intervento farai, ma sono sicurissima che andrà tutto benissimo,
    secondo: vivila come un'interessante esperienza, osserva e registra mentalmente tutto, potrà tornarti molto utile, osserva te stesso e gli altri.....
    un abbraccio.....

    RispondiElimina
  13. Auguroni Francesco! Per quanto mi riguarda, ho abbastanza fiducia nella strumentazione tecnologica ospedaliera e quindi io mi fido a che la tecnica venga applicata bene e ci risolva il problema. Ho già dato una prima occhiata al primo atto di "La sorte", mi sembra abbia un buon ritmo, ma ritornerò per leggerlo con la lentezza che mi fa gustare di più la lettura. A presto, Nou.

    RispondiElimina
  14. Non è un bel soggiorno l'ospedale. Ma insomma serve e ci aiuta. Ad esso si può sopravvivere. Purtroppo ho sempre bazzicato abbastanza negli ospedali, io ci resisto estraniandomi dal mondo circostante e divorando libri.
    In bocca al lupo (crepi) e torna presto.

    RispondiElimina
  15. Giusto quello che dice Ambra..però sbrigati a fare questa cosa e scappare di nuovo fra noi..
    Un caro saluto, amico.

    RispondiElimina
  16. Ciao Francesco, in bocca al lupo! Al tuo ritorno ci ritroverai tutti ansiosi di conoscere il secondo atto e di fare nostre le tue riflessioni di questi giorni.

    Un abbraccio!

    RispondiElimina

SI POSSONO INSERIRE RETTIFICHE E COMMENTI A QUESTO POST IMMEDIATAMENTE ED AUTOMATICAMENTE. CHI INSERISCE RETTIFICHE E COMMENTI LO FA SOTTO LA PROPRIA RESPONSABILITA’ – Il curatore di questo blog si riserva di cancellare rettifiche e commenti che possano contenere offese a terzi o appelli alla violenza. Grazie per ogni rettifica o commento che andate ad inserire. Quando posso e quando trovo qualche parola rispondo.