domenica 2 settembre 2012

Immigrati irregolari negata la salute in Spagna


Gli “immigrati irregolari” in Spagna non avranno più l’assistenza sanitaria; è il passo di Rajoy per tenere il passo della Spagna con l’Euro.
“Immigrati irregolari”, queste le due parole per evitare quelle di “poveri disperati”.
La crisi ci abituerà al cinismo? In Italia ci avevano provato a cancellare l’assistenza agli immigrati, non ci sono riusciti; speriamo che dopo la scelta spagnola non ripensano a questa svolta cinica nella politica della salute. (f.z.)
immagine - un dipinto di Antonio Pilato sulla barca degli immigrati - una povera ragazza che arriva dal mare tenta di poggiare i piedi per terra avvolta in un liso mantello

7 commenti:

  1. Stiamo tornando al medioevo, si ergono le mura intorno ai propri possedimenti e si alza il ponte levatoio per non far entrare gli estranei.

    RispondiElimina
  2. .... Ambra, ciao innanzitutto, ma dal medioevo volevo dire, non siamo mai usciti, ragioniamo proprio come fosse l'era dell'inquisizione
    abbiamo ancora le classi...

    RispondiElimina
  3. Un irregolare si reca in ospedale se sta proprio male, proprio perchè irregolare.
    Troveranno i cadaveri per strada e passeranno i carri attrezzati ad uopo.
    L'han voluto quello di destra?
    cristiana

    RispondiElimina
  4. Un governo più spietato di quelli greci!

    RispondiElimina
  5. E' sconcertante, siamo tutti folli, tutti folli...

    RispondiElimina
  6. speriamo invece che siano gli spagnoli a ripensarci.....

    RispondiElimina
  7. Anch'io spero, come Amalia, che siano gli spagnoli a rimediare il terribile provvedimento.

    RispondiElimina

SI POSSONO INSERIRE RETTIFICHE E COMMENTI A QUESTO POST IMMEDIATAMENTE ED AUTOMATICAMENTE. CHI INSERISCE RETTIFICHE E COMMENTI LO FA SOTTO LA PROPRIA RESPONSABILITA’ – Il curatore di questo blog si riserva di cancellare rettifiche e commenti che possano contenere offese a terzi o appelli alla violenza. Grazie per ogni rettifica o commento che andate ad inserire. Quando posso e quando trovo qualche parola rispondo.