mercoledì 13 febbraio 2013

Né carne né pesce


Né carne né pesce. Ma che cosa sono, polpette vegetali? Neanche quello.
E allora cosa sono?
Sono:  Finmeccanica, Eni, MPS
Non sono proprio pubbliche, sono S.p.A. ma non sono private, lo Stato ci sta dentro con una percentuale di controllo ma anche i privati hanno delle belle fette di pacchetto azionario. Sono di pubblico interesse, ma dal punto di vista giuridico private, danno pure utili  agli azionisti; l’amministratore viene nominato per indicazioni di politici o del Governo, ma poi è libero di fare quello che gli pare, proprio tutto.
Ma un nome per definirli meglio ci può essere?

Al momento  si possono chiamare “indiziati” di reato, per tangenti; ma niente di cui preoccuparsi si tratta delle solite tangenti.

 Tangenti solo per necessità,  per far fare affari all’Italia all’estero;  sai com’è all’estero, sono un po’ corrotti e per il bene dell’Italia devi fare un contratto con gli algerini per il petrolio, oppure devi fare un contratto con gli indiani per vendergli qualche elicottero fabbricato in Italia, oppure ti devi ricomprare una banca italiana che era stata momentaneamente venduta agli spagnoli; sei come  costretto a pagare tangenti. Poi ci sono le correnti meteorologiche  e capita che il vento sposti qualcuna delle tangenti pagate fin sull’Italia. Non vado oltre perché di queste variazioni meteorologiche  se ne deve occupare la magistratura.
  Ma non sarebbe il caso di definire meglio cosa è carne e cosa è pesce. Non sarebbe il caso di fare una chiara distinzione tra ciò che è pubblico e ciò che è privato.  Le aziende pubbliche debbono essere fatte ricadere sotto una piena responsabilità pubblica. Il funzionario che dirige un’azienda pubblica deve essere assoggettato a controlli, a pene più severe in quanto funzionario pubblico e deve ricevere paghe che non superano limiti ben determinati; deve accettare una Regola, magari un po’ francescana.
 Un’azienda pubblica potrebbe anche rivestire la foggia di S.p.A, ma con il maggiore azionista Stato e una miriade di piccoli azionisti privati risparmiatori e investitori, e con un preciso impedimento statutario che evita l’accumulo di fette di controllo privato. E se lo Stato vuole passare la mano ai privati in una di quelle aziende,  allora deve totalmente cessare di occuparsene e lasciarla anche fallire. Non si possono avere aziende che sono private per gli utili e pubbliche per costi e guai.
 13/02/13 francesco zaffuto
Immagine – delle polpette di ceci che sicuramente sono di più chiara definizione di Finmeccanica http://www.cookaround.com/yabbse1/blog.php?u=23765&blogcategoryid=9254