sabato 23 febbraio 2013

e ora silenzio e prendete un bloc notes


E ora silenzio e prendete un bloc notes, perché qualcuno di Voi andrà veramente in Parlamento e qualcosa la dovrà pur fare. Lasciate da parte le agende, i programmi, tutte le promesse elettorali e prendete un modesto bloc notes perché basta per l’elenco delle cose che sono necessarie da fare con urgenza. 
 Se siete  nuovi Eletti, dovete chiedere dove sono i servizi igenici, il bar, la fotocopiatrice, ed evitare di perdervi tra i corridoi.  Potete chiedere ai Parlamentari vecchi qualcosa su stanze e commissioni, fatelo pure e vedrete che in qualche modo anche l’esperienza può servire in Parlamento.
 Poi le cose più importanti da inserire in bloc notes.
 Dovete eleggere un Presidente della Camera e un Presidente del Senato capaci di non farvi litigare inutilmente.
 Dovete andare a riferire al Presidente della Repubblica sulle Vostre intenzioni per  il nuovo Governo .  
 Dimenticatevi di quella stupida parola “inciucio”, cercate un’altra parola dall’abbondante dizionario della lingua italiana,  e ricordatevi che un Governo gli italiani lo pretendono e non hanno nessuna intenzione di essere scaraventati in un nuova  campagna elettorale dopo pochi mesi.  Chi avrà vinto queste elezioni ha il diritto ed anche l’onere di formare il Governo. Sì, è vero che direte tutti di essere i vincitori morali;  ma noi cittadini con le vittorie morali non possiamo farci neanche un brodino.  
 Allora, visto che la Costituzione lo prevede, occorre dare una fiducia iniziale a un Governo; chiamatela come volete: tecnica, politica, concordata, scordata, ma ci deve essere; poi legge per legge voterete secondo la Vostra coscienza.  E la vostra coscienza in bloc notes dovrà fare i conti con gli italiani che cercano un lavoro e che hanno problemi di sopravvivenza.
23/02/12 francesco zaffuto
Post collegato - Il mio voto bizzarro
Immagine – un modestissimo bloc notes