domenica 19 settembre 2010

GELMINI - OPS


GELMINI – OPS


secondo Wikipedia - OPS può significare =

Oh Per favore Scusami - Abbreviazione utilizzata per ammettere un proprio errore e chiederne immediatamente scusa
o anche
Offerta pubblica di sottoscrizione - per emissione di nuove azioni di una nuova società
Ops – asteroide del sistema solare
OPS - codice aeroportuale IATA - Brasile
Ops - nome latino di Abbondanza, figura della mitologia romana
OPS - abbreviazione aeronautica di Operations – Operazioni

Sicuramente la lettera della GELMINI inviata a al Direttore Regionale scolastico è un OPS, che genere di OPS non è facile da capire; ma la GELMINI dà indicazioni operative e forse solo invita a togliere la “Stella delle Alpi” dalla scuola di Adro, pare dica che ciò serve anche ad evitare strumentalizzazioni. Il testo integrale non viene riportato dalla stampa.Comunque, bene Ministro Gelmini, una volta tanto; ma poteva agire più velocemente e limitarsi a un toglietele punto e basta; è normale che un fatto di tal genere possa generare legittime proteste, altro che strumentalizzazioni.

Un parlamentare di Fini aggiunge una precisazione, (in questo periodo i finiparlamentari sono spinosi) : "A questo punto spero almeno che le spese per la 'deleghistizzazione' del Polo scolastico - i simboli leghisti sono e vanno tolti ovunque - non finiscano a carico dei cittadini di Adro, ma degli amministratori che hanno prodotto, con una scelta sconclusionata, anche un danno erariale per il comune".
http://www.agi.it/news/notizie/201009181655-cro-rt10151-scuola_della_vedova_fli_bene_gelmini_su_adro
18/09/10 francesco zaffuto
ultima modifica ore 9,30 - 19/09/10

(per evitare di esporre immagini della Gelmini di cui non dispongo in copyright - uso in modo forse inappropriato questa immagine di - Donna 3 tutta geneticamente modificata - fotocomposizione © liborio mastrosimone http://libomast1949.blogspot.com/)

4 commenti:

  1. lo scandalo della scuola di Adro ha una portata che travalica il senso immediato dell'esposizione di simboli, la logica che sottende quest'azione non viene modificata dalla, tardiva, prebenda di marystar Gelmini. L'esagerazione non è episodica e la linea culturale viene scoperta e svelata, da una pesantezza che non doveva essere esposta, ma semmai gradualmente centellinata. Non è il progetto ad essere criticato, anzi, ma la pesantezza appunto. La critica di Gelmini Star, non è contenutistica, ma formale. Un osso gettato agli oppositori che sembrano aver trovato esagerato l'atteggiamento del sindaco di Adro. La sconfitta culturale sulla scuola però non viaggia sull'esagerazione e sull'ostentazione ma sulla normalità della dismissione della scuola pubblica e dell'espulsione dei precari, Sulla menzogna assoluta secondo la quale sarebbe stato pretesto ed astuzia di precedenti, fantomatici, governi , l'assunzione di tale massa di precari, inutile e dannosa. Ed ancora sulla revisione storica e sulla modificazione dei contenuti. Sul revisionismo e sulla industrializzazione del rapporto, cioè sulla sua finalizzazione d'uso, non più istruzione quindi ma formazione...se mai ti sia capitato di partecipare a focus formativi o motivazionali, saprai bene che il messaggio che passa è terrificante...ed assolutamente privato di ogni senso pedagocico, per esaltarne unicamente l'aspetto funzionale e sistemico

    RispondiElimina
  2. Ma dai, povera Gelmini...sempre a dovere inseguire questi comunistoidi infiltrati nel mondo della scuola che non capiscono la differenza fra un antico simbolo camuno ed uno di partito...! Ora la si costringe persino ad intervenire contro gli amici leghisti...lei che nemmeno sa cosa sia stà rosa camuna... :-))

    A parte gli scherzi trovo gustosissima la composizione ortofrutticola che hai scelto in alternativa a Mariastella!

    E naturalmente complimenti al grande Liborio Mastrosimone.

    Abbracci ;)
    Namastè

    RispondiElimina
  3. Evidentemente è più facile IMPORRE a un milione di insegnanti, di ruolo e precari, uno sconquassamento totale della scuola, che IMPORRE a un emerito imbecille il rispetto delle regole della società.
    Quelle stesse regole che consentono a lui e ai suoi simili di ingrassare a dismisura, sputando letteralmente nel truogolo che li alimenta.
    Poi guardi in sù, e ti trovi MINISTRO della Repubblica il creatore e il fomentatore di questi elementi da circo...

    RispondiElimina
  4. Caro Giandiego,
    Moratti e Gelmini hanno di fatto aumentato i numeri del precariato. La Moratti, ricordo bene perchè all'epoca mi occupavo del sindacato scuola, fece il completamento a 18 di tutte le cattedre distruggendo la continuità didattica e diede la possibilità di sfondare con altre 6 ore aggiuntive agli insegnanti di ruolo (meccanismi che hanno determinato lentamente negli anni successivi la scomparsa di cattedre a tutta birra). La Gelmini con l'aumento del numero numero degli alunni per classe determina una nuova scomparsa di cattedre. Di conseguenza i precari, pur nello stesso numero di prima, sono di fatto aumentati. Ma in ogni caso, cosa c'è di strano se un laureato spera di entrare almeno nell'insegnamento, visto che nell'impiego pubblico è privato non ci sta alcuna possibilità perchè tutto è occupato da ignoranti e raccomandati. Un giovane laureato con il dottorato di ricerca che si suicida a Palermo non è solo un fatto emblematico perchè dalla cronaca possiamo risalire nel passato prossimo anche ad altri casi di disperazione.
    Se vogliono portare il paese alla disperazione per fare accettare la precarizzazione diffusa e la depressione dei salari lo dicano pure manifestando apertamente il loro essere "cinici". Ma forse la parola "cinismo" esprime in qualche modo una dignità di pensiero. Forse sono solo esseri non pensanti, transgenici; ancora più preoccupante.

    RispondiElimina

SI POSSONO INSERIRE RETTIFICHE E COMMENTI A QUESTO POST IMMEDIATAMENTE ED AUTOMATICAMENTE. CHI INSERISCE RETTIFICHE E COMMENTI LO FA SOTTO LA PROPRIA RESPONSABILITA’ – Il curatore di questo blog si riserva di cancellare rettifiche e commenti che possano contenere offese a terzi o appelli alla violenza. Grazie per ogni rettifica o commento che andate ad inserire. Quando posso e quando trovo qualche parola rispondo.