martedì 4 novembre 2014

Operatori del mondo lavoro

Non è possibile associare ai contenuti di questo post alcuna immagine
Operatori del mondo lavoro
“C'è l'idea di fare del mondo del lavoro il luogo dello scontro. L'idea di mettere gli uni contro gli altri gli operatori del mondo del lavoro. È una delle idee - aggiunge - che ha bloccato l'Italia in questi anni. Dividendo magari l'Italia del lavoro e quella dei padroni. Io sono qui a dire che non c'è una doppia Italia. C'è un'Italia una e indivisibile.
Sono frasi pronunciate a Brescia, nella giornata del 3 novembre 2014,  da Matteo Renzi  Presidente del Consiglio e Segretario del più grande partito della sinistra.
Se quello che viene prodotto non viene venduto operaio e imprenditore si possono trovare nella stessa barca e arrivare ambedue alla disperazione.
Si può negare che un imprenditore sia anche un lavoratore? Certo che no, ma c’è una piccola differenza: l’operaio lavora per il salario e l’imprenditore lavora per il profitto. Se il salario cresce il profitto può anche diminuire.
 Non c’è più il padrone?  Diciamo che esistono più figure:
abbiamo ancora qualche imprenditore che è il padrone in toto di una fabbrica;
abbiamo manager (amministratori delegati e quadri di alto livello) che guadagnano più dei padroni e comandano più dei padroni;
abbiamo azionisti che controllano attraverso i pacchetti azionari tante società e riescono a nominare gli amministratori che vogliono,  e abbiamo tantissimi piccoli azionisti che pensano di essere padroni e che si possono ritrovare con azioni che valgono meno di un pugno di mosche;
abbiamo finanziatori (spesso banche) che possono togliere il finanziamento da un momento all’altro e lasciare le aziende in grave difficoltà;
abbiamo finanzieri che trasferiscono ricchezze ogni giorno in base ad uno scostamento di borsa determinando disastri, e abbiamo anche quelli che si trasferiscono  in paradisi fiscali;
abbiamo anche usurai collusi con la mafia;
abbiamo imprenditori che pagano le tasse e i contributi e imprenditori che evadono,  tra gli evasori stessi abbiamo quelli che evadono per sopravvivere e quelli che evadono per aumentare le proprie ricchezze.
Tra gli operai è più semplice: ci sono quelli che guadagnano un po’ di più e quelli che guadagnano poco ma trattasi sempre di salario. Ma la distinzione più grossa è tra quelli che il lavoro ce l’hanno e quelli che non ce l’hanno. Tra quelli che possono percepire un minimo di cassa integrazione e quelli che non percepiscono nulla. Poi ci sono quelli che non sono mai riusciti a trovare un lavoro, quelli che sono disoccupati da giorni e quelli che lo sono da anni, e infine ci sono quelli che se ne sono andati.
La situazione nel mondo del lavoro è complessa, le differenze esistono, gli appelli retorici  non portano da nessuna parte, e non è fondando una nuova ideologia panpatriottica  che si può uscire da questa crisi.
 Si può concordare Presidente con la sua idea di modificare l’IRAP togliendo il peso del costo del lavoro, è una buona scelta; ma Lei si è giocato diversi miliardi per l’operazione 80 euro ed è pronto a giocarsi altri miliardi con il bonus bebè (operazioni elettorali), in pratica ha speso tutti i soldi che potevano servire per fare un primo passo per un welfare generalizzato. Di che cosa sta parlando Presidente quando dice di commuoversi per i disoccupati?

04/11/2014 francesco zaffuto

Nessun commento:

Posta un commento

SI POSSONO INSERIRE RETTIFICHE E COMMENTI A QUESTO POST IMMEDIATAMENTE ED AUTOMATICAMENTE. CHI INSERISCE RETTIFICHE E COMMENTI LO FA SOTTO LA PROPRIA RESPONSABILITA’ – Il curatore di questo blog si riserva di cancellare rettifiche e commenti che possano contenere offese a terzi o appelli alla violenza. Grazie per ogni rettifica o commento che andate ad inserire. Quando posso e quando trovo qualche parola rispondo.

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.