sabato 15 gennaio 2011

IL RISUTATO SALVIFICO del Referendum Fiat

Hanno partecipato al referendum Fiat 5.119 lavoratori, oltre il 94,2% degli aventi diritto.
Il sì ha vinto con 2.735 voti, pari al 54,05%.
I no sono stati invece in 2.325 (45,95%)
le schede nulle e bianche sono state solo 59.
Nel conteggio complessivo dei soli operai, il sì ha prevalso per soli 9 voti.
Il sì è stato decisivo nel seggio 5, quello dei 449 impiegati.


Fonte notizia (
http://www.corriere.it/economia/11_gennaio_14/fiat-referendum-risultati_b0c4ce0a-2023-11e0-aeb3-00144f02aabc.shtml)

LA FIAT è salva

Marchionne non dovrà più prendere la sua valigia di cartone ed emigrare in Canada.
Il popolo italiano dopo la parentesi Fiat potrà riprendere a parlare esclusivamente di Berlusconi.
Il PD prenderà coraggio per dire che le primarie non vanno fatte perché spaccano i....
Fassino, che aveva detto che avrebbe votato sì, potrà diventare sindaco di Torino.
Il primo maggio sarà la festa del Papa.
(ma non è finita qui, perché molti hanno votato sì con l’amaro in bocca)15/01/11 francesco zaffuto
.
immagine – uomo avvolto ad una ruota dentata con un fiore rosso in bocca
.
post collegati
Urgente per FIAT Marchionne
FIAT tempi moderni

9 commenti:

  1. Secondo me stavolta, considerando l'orrendo ricatto messo in atto da Marchionne e C., è stata sì una sconfitta numerica, ma molti - come scrivi tu - hanno votato con l'amaro in bocca.
    Ora si tratterebbe solo di non dimenticare questo grave insulto ai lavoratori, ma di aspettare il momento giusto per risollevarsi.
    Non si piega la testa per sempre!
    Lara

    RispondiElimina
  2. @Lara
    Non si piega la testa per sempre!
    Mi piace ripetere questa frase
    ciao

    RispondiElimina
  3. Francesco che tristezza! Mi ripeto, anni di conquiste gettati così alle ortiche. Che fine stanno facendo i diritti civili? E i sindacati cosa sono diventati? Propaggini del potere? Asserviti alle corporazioni?

    RispondiElimina
  4. @ I am,
    spero che qualcosa rimanga. Era una partita difficilissima e sono stati proprio tanti quelli che hanno detto di no.

    RispondiElimina
  5. Ormai si va avanti a cicli. Facci caso: se c'è uno tsumani subito dopo ne arriva un altro; cade un aereo e poco dopo ne cade un altro; sparisce una ragazzina e, appena ritrovato il corpo, ne sparisce un'altra...
    Adesso è il tempo delle vittorie/sconfitte risicate; dove per tre voti di differenza si parla di vittoria, dove per quattrocento voti si canta al successo.
    Solo nel calcio un gol fa la differenza netta tra vittoria e sconfitta; ed è uno sport ufficialmente pallonaro.
    Ufficiosamente pallonari sono anche questi risultati, eppure confermano la guida di un Paese e la svendita di decenni di conquiste operaie.
    In entrambi i casi sono risultati deprimenti.

    RispondiElimina
  6. La pace cartaginese è raggiunta.

    Per un punto Mar…. perse la cappa.
    Marchionne e i suoi compari al governo a mio avviso hanno perso, sono riusciti solo a picconare e non a sgretolare gli operai.

    Le nuove norme introdotte, in tema di lavoro nelle catene di montaggio, creano troppi vincoli per chi svolge questa attività usurante quindi a lungo termine non porterà nessun vantaggio a FIAT.
    Purtroppo, FIAT agonizzerà come il governo Berlusconi, le spese le pagheranno i lavoratori.
    Ripeto condividendo il pensiero di Ciccio e Lara
    Non si piega la testa per sempre!
    Libomast

    RispondiElimina
  7. @ a gattonero e libomast
    come darti torto se si pensa che nel 2011 siamo costretti a difendere quelle poche cose che si pensava definitivamente conquistate, il fatto stesso che sia svolto un referendume di quel tipo è una sconfitta.
    Se consideriamo che tutte le contraddizioni rimangono in piedi, come dice Liborio, questo risultato di una metà di operai che rimane in piedi nel dire no anche a rischio della disoccupazione, è un risultato che non chiude le speranze per il futuro.

    RispondiElimina
  8. 2.325 contro gli altri dipendenti di Mirafiori, contro una casta politica che ha attraversato tutto lo schieramento politico affaristico parlamentare, contro un governo incapace di pretendere l'unica cosa che avrebbe per lo meno dovuto chiedere: Il piano industriale.
    Intanto noi paghiamo a Marchionne (impariamo anche a usare il linguaggio giusto) un anno di cassa integrazione dello stabilimento di Mirafiori.

    RispondiElimina
  9. a @ loris
    un anno per poter pensare una strategia a danno dei suoi dipendenti

    RispondiElimina

SI POSSONO INSERIRE RETTIFICHE E COMMENTI A QUESTO POST IMMEDIATAMENTE ED AUTOMATICAMENTE. CHI INSERISCE RETTIFICHE E COMMENTI LO FA SOTTO LA PROPRIA RESPONSABILITA’ – Il curatore di questo blog si riserva di cancellare rettifiche e commenti che possano contenere offese a terzi o appelli alla violenza. Grazie per ogni rettifica o commento che andate ad inserire. Quando posso e quando trovo qualche parola rispondo.