venerdì 23 marzo 2012

Thriller sul C/C


La vicenda che mi ha turbato è di pochi giorni fa ed è accaduta a Bergamo, ne ha dato notizia il giornale locale “Eco di Bergamo” http://www.ecodibergamo.it/stories/Cronaca/613543/ ed è stata ripresa da diversi notiziari TV. In breve, a una famiglia arriva una fattura ENEL di ben 65 mila euro, indubbiamente un errore, ma l’ENEL insiste per essere pagata tramite l’addebito sul c/c bancario; la banca questa volta è stata attenta e non ha addebitato la cifra stratosferica al cliente. Certo dopo alcuni giorni si è venuti a capo dell’errore, ma si tratta di un errore da brivido. Se pensiamo che la maggior parte di noi ha aderito alla domiciliazione bancaria delle bollette, gas, luce e varie (pratica comoda ma!?!?); siamo sempre dentro la possibilità che un errore possa sbancarci tutto il conto corrente. Mi figuro cosa possa accadere in una condizione meno eclatante di quella accaduta a Bergamo: arriva una bolletta ENEL di euro 2.500, la mia banca non pensa a un errore, non si tratta di 65 mila euro, magari pensa che è tutto regolare e me l’addebita, quanto basta per aver messo K.O. il mio c/c . Sto cominciando a pensare, ma quella comodità quanto mi pesa? E’ una comodità per me o per altri?
23/03/12 francesco zaffuto
Immagine - Diabolik