lunedì 23 gennaio 2012

Come dire e pensare 18.000 miliardi di dollari


Provate a dire e pensare 18.000 miliardi di dollari. Tutto il prodotto interno lordo degli USA nel 2010 era solo 14.850 miliardi di dollari; ma 18.000 miliardi di dollari sono depositati nelle banche offshore (si badi bene – banche svizzere escluse)
Trovate informazione per i 18.000 su:
Per chi non ha voglia di leggerlo in inglese, la traduzione è su:
Se c’è una cosa che non manca nel mondo sono i soldi, ed è per troppi soldi che ci stiamo tutti rovinando. I mercati sono solo il giudizio di questi soldi. Il problema è: come neutralizzarli per gli effetti destabilizzanti.
Pur vivendo nella nostra miseria, più o meno discreta, facciamoci venire qualche idea.
Intanto quando questa massa monetaria si muove per fare contratti finanziari deve pagare un’imposta sulle transazioni (magari ben più elevata di quella che prevedeva l’economista Tobin).
Alle banche nazionali vanno proibite le attività con le banche offshare.
Quando i proprietari di questi soldi si muovono per godere delle proprie ricchezze vanno colpiti con tassazioni elevate nell’acquisto di beni di lusso.
Chi ha altre idee le metta giù.
A qualcuno verrà in mente: la rivoluzione. Sì, c’è pure quella, ma attenzione: chi ha 18.000 miliardi di dollari può promuovere 18.000 false rivoluzioni, e pagare centinaia di migliaia di politici. Ma un nuovo sentire della coscienza universale dell’umanità può cambiare tante cose. Questa ricchezza non è sopportabile in un modo dove si muore ancora per fame.
23/01/12 francesco zaffuto
Immagine – un mucchio di dollari