sabato 23 marzo 2013

Bersani e l’altare del sacrificio


Si è fatto consegnare un mandato per formare il Governo e dovrà trovare i numeri in Senato.
Come potrà fare con un Movimento 5 stelle che gli ha già negato un appoggio e con un PdL che continua a corteggiarlo con la sirena del governassimo e della responsabilità?  Se mantiene la caratterizzazione del suo progetto di centrosinistra il rischio di non farcela è prevalente; se accetta il corteggiamento del PdL deve tradire tutte le sue premesse e il suo stesso progetto.
 Con la messa a k.o. di Bersani si apriranno nuovi scenari, e questi nuovi scenari non sembrano andare verso un’alleanza tra PD e M5S per un governo affidato a una personalità garante scelta di comune accordo (scelta che si auspicava in vista di un rinnovamento); bensì, verso una coalizione mostruosa e senza precedenti PD – PdL  guidata da un “rappezzatore” della Repubblica (… forse Renzi).
 Grillo con la sua scelta di cinico purismo e di incapacità di comprendere gli obbligatori passaggi della Costituzione, consigliato di malo modo da professori universitari “geniali”, sta determinando nei fatti un arretramento dello scenario politico italiano in un momento di grande risveglio e speranza praticabili.  L’obbiettivo finale di Grillo, come si evince dal suo stesso libro a tre bocche (Grillo, Casaleggio, Fo), era lo sputtanamento dell’inciucio e il tanto peggio tanto meglio in vista di un glorioso futuro monocolore M5S “rivoluzionario”; nei fatti l’inciucio storico verrà posto in essere con la sua rinuncia.
23/03/13 – francesco zaffuto
Immagine – San Sebastiano del pittore olandese Gerrit van Honthorst,



5 commenti:

  1. Attendiamo il miracolo caro Francesco...
    Tomaso

    RispondiElimina
  2. spero proprio che,eventualmente Renzi non si presti mai a rappezzamenti mostruosi, sarebbe una grande delusione.......

    RispondiElimina
  3. Ciao Francesco,
    sempre più esterefatta e sempre più angosciata seguo giorno per giorno, minuto per minuto, ciò che accade. Il bello è che questo paese che è sempre stato più di destra che di sinistra, questa volta avrebbe, sulla carta , possibilità ampie di spostamento a sinistra, almeno nei principi fondamentali... e invece, se va avanti così, la certezza è quella di scivolare a destra come non mai...
    Bersani, che non è mai stato il mio riferimento, ha tutta la mia comprensione adesso (lasciamo stare i gravi errori accumulati da lui e dal PD nel recente passato) e non riesco proprio a immaginare che cosa potrebbe inventarsi.
    E il fatto che tutti (Grillo per primo - follia senza spiegazioni) lo
    spingono nelle braccia del PDL, oltre che il voltastomaco e la rabbia, mi spaventa davvero,
    Ciao, ciao, Floriana

    RispondiElimina
  4. Mi interessa di più che si faccia - come dovrebbe essere nelle cose - chiarezza sugli intendimenti politici di ogni attuale blocco. Mi auguro in ogni caso che il PD avvii una profonda, costruttiva riflessione di ordine culturale.

    RispondiElimina
  5. Di fatto l'inciucio verrà posto in essere a causa dei suoi no, ma la gente se ne ricorderà o consegneremo veramente il paese a Grillo chiavi in mano? Il monocolore non è mai il massimo per una democrazia.

    RispondiElimina

SI POSSONO INSERIRE RETTIFICHE E COMMENTI A QUESTO POST IMMEDIATAMENTE ED AUTOMATICAMENTE. CHI INSERISCE RETTIFICHE E COMMENTI LO FA SOTTO LA PROPRIA RESPONSABILITA’ – Il curatore di questo blog si riserva di cancellare rettifiche e commenti che possano contenere offese a terzi o appelli alla violenza. Grazie per ogni rettifica o commento che andate ad inserire. Quando posso e quando trovo qualche parola rispondo.

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.