mercoledì 9 ottobre 2013

lettera a Barroso

Oggi il Presidente della Commissione europea Barroso si recherà a Lampedusa
gli invio questa lettera che annegherà nel grande mare del web.

Signor Presidente Barroso,
fa bene a venire in questo angolo della Sicilia anche se con tanto ritardo, ma sono proprio tanti  questi morti per smuovere il cuore dell’Europa. 
 Si ricordi Presidente che lei non è un capo spirituale che con la parola può elevare una preghiera al cielo, lei è un capo materiale a cui si chiedono provvedimenti.  
 Ha chiesto, Presidente,  cosa sono disposti a fare gli altri capi europei? Perché non è proprio giusto poi tra qualche che mese venire a dire “non hanno voluto”.
 La Sicilia, signor Presidente, è il sud dell’Europa ed anche il nord dell’Africa, l’Europa è il nord di questo mondo, e tanti disgraziati vedono in questo nord una speranza. 
 Avete fatto nella Commissione europea, signor  Presidente, l’elenco dei problemi? Perché questo elenco si può fare anche senza recarsi a Lampedusa:
come impedire che anneghino,
come non fare ricadere su Lampedusa, sulla Sicilia e sull’Italia tutto l’onere dell’accoglienza,  
come impedire le partenze e il ruolo criminale che svolgono gli scafisti,  
e soprattutto come impedire che diventino disperati nei loro paesi.
 Necessitano:
 finanziamenti,
una unità di intenti dal punto di vista giuridico per l’emigrazione,
una unità di intenti nella politica estera da attuare con le nazioni dell’Africa.
 Distinti saluti
09/10/2013 francesco zaffuto

Immagine – uno striscione  tenuto da lampedusani con su scritto  “basta parole, fermate questa mattanza” da http://notizie.it.msn.com/topnews/letta-mercoledi-barroso-a-lampedusa