domenica 11 novembre 2012

La legge elettorale è possibile ma …


 Una legge elettorale da approvare a ridosso delle elezioni con i diversi gruppi e partiti che ragionano con il “mi tiro i conti su cosa mi conviene”;  forse non sarà approvata  e se approvata servirà solo ad un aggiustamento provvisorio di convenienza.
 La legge elettorale è la legge più importante per l’impalcatura dello Stato, e deve essere capace di garantire: la rappresentatività delle maggioranze e delle minoranze, la governabilità, e l’alternanza. E’ una alchimia difficile ma tecnicamente possibile. Il discorso che segue diciamo che è genericamente rivolto agli uomini di buona volontà ....
Il Parlamento in una democrazia deve essere inclusivo di tutto il dibattito delle idee e non esclusivo; se la legge elettorale porta ad escludere (con meccanismi tipo la soglia del 4 o 5 per cento) si viene a creare un dibattito extraparlamentare che lo Stato non riesce a recepire con le sue istituzioni, un pericoloso impoverimento per la stessa democrazia che può arrivare a ribaltare la democrazia stessa. Tutte le minoranze è necessario che possano esprimersi con una rappresentanza, ma la loro rappresentanza non deve impedire la necessaria governabilità.  Per affrontare questo problema si può fare ricorso al duplice aspetto della rappresentatività: l’aspetto territoriale e l’aspetto complessivo nazionale, in modo che siano eletti uomini portatori di un legame con un territorio specifico  e uomini che sono portatori di un legame con movimenti di idee che si esprimono complessivamente nel paese.
 Questo duplice criterio della rappresentatività è necessario perché basta pensare che attualmente,  prevalendo il criterio territoriale,  con un quantitativo di appena 50 mila voti si può diventare deputato mentre un movimento che raccoglie più di 500 mila voti su base nazionale rimane escluso.
 Per evitare l’eccessiva frantumazione in gruppi e movimenti si può fare ricorso per l’elezione di 2 terzi del Parlamento alla rappresentatività territoriale con il criterio uninominale con ballottaggio in ogni singolo collegio elettorale;  e l’elezione di  1 terzo del Parlamento per la rappresentatività nazionale con criterio proporzionale.  
 Con questo duplice ed onesto meccanismo si verrebbe ad assicurare  la governabilità perché la maggioranza sarebbe alimentata dai voti espressi territorialmente ed anche da quelli proporzionali e nel contempo si garantirebbe la presenza in Parlamento di tutte le espressione di idee e movimenti.
 La cosiddetta preferenza si esprimerebbe in modo inequivocabile con la preferenza unica nel collegio uninominale e con la conferma nel ballottaggio;  e sulle liste nazionali si può garantire la doppia preferenza all’interno della lista votata per evitare la concentrazione di voti solo su pochi leader.
 Se poi, con la dovuta calma,  si passasse anche ad una riforma costituzionale per stabilire UNA SOLA CAMERA di soli 300 deputati potremmo dire bene, molto bene. Se i 300 non trovassero l’accordo per governare, subito a casa (senza prebende e pensioni) e nuove elezioni;  tanto, pagando solo trecento e a un prezzo inferiore, veniamo ad avere i soldi per convocare tutte le elezioni necessarie. Troppo semplice!?
11/11/12 francesco zaffuto
Immagine – Diogene con la lanterna  cerca l’uomo – nel dipinto di Tischdein

11 commenti:

  1. Io sono per il sistema alla francese. Mi sono accorto tardi del suo valore. Da giovanotto lo ritenevo (ma conta anche come sono ritagliati i collegi) un modo di strapotere dei gollisti.

    RispondiElimina
  2. La soluzione francese comporta l'elezione del presidente, assicura un governo per una legislatura. Se si sceglie questa strada occorre sempre una riforma costituzionale. In ogni caso assicurare l'elezione di un Parlamento rappresentativo è necessario anche in un sistema presidenziale, alla fine le leggi debbono essere approvate da un Parlamento. ciao

    RispondiElimina
  3. Io non ne capisco tanto ma credo che siamo in Italia e non si metteranno mai d'accordo!!!
    Tomaso

    RispondiElimina
  4. Niente più di Diogene che cerca l'uomo è immagine più appropriata per questo post.

    RispondiElimina
  5. Io sono per la democrazia diretta e partecipativa di tutti i cittadini.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche una democrazia diretta e partecipativa dovrà per forza essere coordinata, ed è meglio che sia coordinata da un Parlamento dignitoso e rispettoso della democrazia; altrimenti si rischia che l'organo Esecutivo Governo possa avere un incontrollato potere.

      Elimina
    2. sn daccordo democrazia è dare la possibilità al cittadino di scegliere il proprio candidato e nn il porcellum kè cè lo impone

      Elimina
  6. Sembra tanto necessaria e tanto urgente...tutti lo urlano da tempo . Ma ancora non si fa. "STRANO" davvero. O , anche, no.
    .....
    Francesco, sei di nuovo dei nostri a Milano?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Arrivare a pochi mesi delle elezioni dove ognuno si tira i conti non è buona cosa.
      ... Sandra, per l'incontro blogger avevo già preso un impegno per il 25, se riesco a spostare mi prenoto.

      Elimina
  7. si troppo semplice!
    si potrebbe fare
    ma troppi interessi ruotano attorno
    difficilmente si accorderanno
    sti parolai della politica
    pensano solo al loro tornaconto
    buoan serata
    ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi conforta il tuo "si potrebbe fare". A volte mi sembra di parlare da solo come un matto. ciao

      Elimina

SI POSSONO INSERIRE RETTIFICHE E COMMENTI A QUESTO POST IMMEDIATAMENTE ED AUTOMATICAMENTE. CHI INSERISCE RETTIFICHE E COMMENTI LO FA SOTTO LA PROPRIA RESPONSABILITA’ – Il curatore di questo blog si riserva di cancellare rettifiche e commenti che possano contenere offese a terzi o appelli alla violenza. Grazie per ogni rettifica o commento che andate ad inserire. Quando posso e quando trovo qualche parola rispondo.