lunedì 13 febbraio 2012

La notte della Grecia


Questa notte il Parlamento greco ha votato sì al nuovo piano di tagli richiesti da Bruxelles. A favore delle misure presentate dal governo Papademos hanno votato 199 parlamentari, 74 i voti contrari. Oltre 41 deputati sono stati espulsi dai partiti della coalizione di governo per non aver appoggiato il piano.

Contro le misure di austerità si sono radunate, per tutta la giornata e la notte, all’esterno del Parlamento migliaia di persone, proteste e scontri sono proseguiti per tutta la notte, una ventina di edifici della capitale greca sono stati incendiati.
Ecco alcune delle misure di austerità:

licenziamento di 15 mila dipendenti pubblici entro l’anno (150.000 entro il 2015),
diminuzione di oltre il 20% del salario minimo garantito (da 751 euro a 600 euro),
riduzione della spesa per i farmaci di 1,1 miliardi di euro,
tagli alle pensioni.
Le misure serviranno a sboccare i 130 miliardi di Euro di aiuti della UE, ma questi aiuti nei fatti serviranno a pagare parte del debito greco, di conseguenza torneranno alle banche tedesche, francesi e di altri paesi che hanno crediti con la Grecia. Nei fatti sono aiuti che salvano le banche europee. Il piano è stato approvato per scongiurare una catastrofe ancora più grave, il cosiddetto default della Grecia. La strada poteva essere diversa, ed è ancora diversa per la Grecia e per l’Europa, mettere sotto controllo i mercati e il capitale finanziario, affidarsi alle energie dei popoli e del lavoro.
13/02/12 francesco zaffuto
Post collegato
Immagine – Atene, orologio romano e Acropoli di notte
Annotazione
tra l'altro la Grecia continuerà a pagare a Germania e Francia la vendita di armi http://www.facebook.com/groups/asinistra.blog/doc/249881418424479/

6 commenti:

  1. Certo lo hanno propagandato come inevitabile
    questo salvataggio,
    ma è la volontà del popolo che deve determinare
    le sorti di una nazione,in Islanda è stato
    possibile il popolo ha prevalso su qualsiasi
    pretesa internazionale, riusciremo a prendere
    esempio? Io mi auguro di si!
    un caro saluto

    RispondiElimina
  2. E' come i condannati a morte negli Stati Uniti: se sono malati la sentenza viene sospesa e l'esecuzione rimandata, fino a che non siano guariti.
    La Grecia (e, ahimè, anche noi) è malata, e le si fanno le flebo, non per farla guarire, ma per mantenerla in vita in attesa che maturi la botta finale.
    Che con questi interventi non è lontana.
    Ciao.

    RispondiElimina
  3. Sì, la strada poteva essere diversa. Può ancora esserlo, per la Grecia, ma con una soluzione islandese, credo.

    RispondiElimina
  4. Il IV Reich impone con vassalli francesi e oscuri incapucciati a stelle e strisce. L'union jack attende i brandelli come gli sciacalli

    RispondiElimina
  5. Penso che i greci percorreranno una strada diversa, non possono farcela a vivere come ha dettato la Germania. Sono giustamente molto arrabbiati. Da quel che ho sentito, il direttorio ha approfittato della loro debolezza o mal governo, imponendo loro l'acquisto di due sottomarini sgangherati e armamenti vari: veri avvoltoi.

    RispondiElimina
  6. Sull'argomento, ho di recente postato.
    Riporto per chi fosse interessato il link:

    http://ideologiaverde.blogspot.com/2012/02/dalla-grecia-alleuropa-un-panorama.html

    RispondiElimina

SI POSSONO INSERIRE RETTIFICHE E COMMENTI A QUESTO POST IMMEDIATAMENTE ED AUTOMATICAMENTE. CHI INSERISCE RETTIFICHE E COMMENTI LO FA SOTTO LA PROPRIA RESPONSABILITA’ – Il curatore di questo blog si riserva di cancellare rettifiche e commenti che possano contenere offese a terzi o appelli alla violenza. Grazie per ogni rettifica o commento che andate ad inserire. Quando posso e quando trovo qualche parola rispondo.

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.