sabato 4 febbraio 2012

Qualche rimedio: lettera a Monti


Questa lettera che segue l’ho inviata al presidente Monti sul suo spazio facebook
ora giace tra i 2.200 commenti.
Giorni addietro si è sollevato un vespaio su una sua frase sul posto fisso. Poi lei ha voluto meglio precisare che parlava della forzata condizione di flessibilità a cui i giovani debbono abituarsi. Intanto il suo ministro del lavoro insieme ai sindacati e alla Confindustria continua a consultarsi e a studiare.
Eppure la soluzione esiste:
se la flessibilità è un bene, allora in quanto bene va pagata.
Chi dà una disponibilità al lavoro e si inserisce in una lista pubblica di collocamento va pagato.
Se chiamato per un posto e rifiuta non va ovviamente pagato; ma finché la sua disponibilità permane va pagato.
Ma intanto non esistono liste di collocamento pubbliche, sono state cancellate dai precedenti governi.
Ma questo “bene” flessibilità come ogni bene va misurato, pesato e pagato e non può essere solo un costo umano a carico del lavoratore. E’ necessario un welfare che copra i periodi di disoccupazione e sono necessarie le liste di collocamento pubbliche.
In quanto ai fondi per il welfare possono contribuire imprese e lavoratori occupati e lo Stato. Lei ricorderà, presidente, che quando arrivò al Governo tutti parlavano di possibile patrimoniale, perfino Montezemolo e Marcegaglia si erano sbilanciati in proposito, poi il suo governo no ne fece nulla, disse che doveva operare con urgenza; ora visto che l’urgenza è superata può benissimo operare almeno con celerità.
Riguardo alle liste di collocamento pubblico il suo ministro Fornero deve convincere gli imprenditori che possono comandare nelle assunzioni dirette ma solo all’interno di percentuali di sicurezza, almeno il 70% dei lavoratori vanno assunti a chiamata dalle liste pubbliche, non si può accettare che ci siano lavoratori che restano in disoccupazione per anni.
Poi se in questo paese alcuni imprenditori rinunciano a fare impresa, gli enti pubblici possono assumersi l’onere di fare impresa; e se ci sono imprenditori che vogliono andare all’estero, ci vadano pure e non tornino più in Italia; si dia un vantaggio a tutti quelli che producono a Km 0 penalizzando tutte le produzioni soggette ad essere trasportate.
Questa crisi, presidente, lei sa bene che è un po’ diversa dalle altre, è stata prodotta dal capitale finanziario e non dall’assenza di denaro.
04/02/2012 francesco zaffuto
Immagine – Totò nel film “miseria e nobiltà” addenta voracemente gli spaghetti

5 commenti:

  1. Mi piacciono le tue proposte serie, motivate e coerenti.
    Sono andata su FB, non sono riuscita a trovarti in mezzo ai 2000 e più commenti, ma ho trovato, al fianco di critiche costruttive come la tua, una serie di insulti gratuiti e volgari, irripetibili, che mi fanno arrossire al pensiero di parlare la stessa lingua da loro usata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ad Ambra,
      le parolacce servono solo a dimostrare l'impossibilità di operare. Non so cosa legge Monti nel mare dei messaggi, il mio è soprattutto indirizzato a noi tutti, fare memoria di ciò che si vuole, e che non è impossibile.

      Elimina
  2. Se dovessi scrivergli, lo farei al modo tuo ed inserirei le stesse richieste che sarebbero, se concretizzate, molto efficaci ed utili..
    Su iniziative come la Patrimoniale o la tassa sulle transazioni finanziarie se ne parlo' minacciosamente all'inizio, poi il tiro fu abbassato verso il solito bersaglio..
    Un caro saluto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. a mr. Hyde
      Occorre riparlare di patrimoniale, di tassa sulle transazioni, di limiti alla stessa ricchezza, parlarne anche nel dettaglio. Ripeteranno che è di difficile applicazione, ma noi dobbiamo dimostrare a noi stessi che è possibile.
      ciao

      Elimina
  3. Meno male che poi hai parlato di "fare memoria", e, quindi, mi hai ricordato il valore delle prese di posizione, perché invero vedo sempre più difficile l'accettazione di proposte sensate come le tue.

    RispondiElimina

SI POSSONO INSERIRE RETTIFICHE E COMMENTI A QUESTO POST IMMEDIATAMENTE ED AUTOMATICAMENTE. CHI INSERISCE RETTIFICHE E COMMENTI LO FA SOTTO LA PROPRIA RESPONSABILITA’ – Il curatore di questo blog si riserva di cancellare rettifiche e commenti che possano contenere offese a terzi o appelli alla violenza. Grazie per ogni rettifica o commento che andate ad inserire. Quando posso e quando trovo qualche parola rispondo.

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.