mercoledì 24 aprile 2013

Il 25 aprile 2013 dei disoccupati


Domani è il 25 aprile anniversario della liberazione

la liberazione fu possibile per la Resistenza

Domani è il 25 aprile

ma non c’è la liberazione

siamo occupati da un sistema finanziario

che ci soffoca.

Siamo occupati dall’ipocrisia

che ci soffoca.

Siamo occupati

da tutti quelli che pur stando bene

si lamentano.

Siamo resi sterili nel dolerci

del nostro dolore.

Dobbiamo addirittura resistere

al lamento dei nostri medici

resistere alle loro cure.

Siamo occupati

nel nostro essere disoccupati.

Ci hanno fatto credere che il lavoro

era tutto

per farci sentire inutili

abbattuti

mentre ci rubavano il pane.

Resistere

resistere

resistere

cercare la verità

rovistando

tra le macerie delle menzogne.

5 commenti:

  1. Siamo in guerra e non sappiamo che armi imbracciare per difendere "chi da chi". Dovremo inventarci una nuova resistenza.
    La poesia è drammaticamente vera e bella, la riporterò nel mio blog.
    Buon 25 aprile.

    RispondiElimina
  2. Quel 25 aprile che mi è rimasto a me nel cuore!!!
    è quello del 1945 è stato veramente la fine di un incubo!!! oggi va sicuramente male ma spero che qualcosa cambi e che questa strana polica finisca in fretta!!!
    Tomaso

    RispondiElimina
  3. io non c'ero quel 25 aprile, ma come me in molti ci chiediamo cosa è successo dopo quel giorno, per vivere come la tua bella poesia? e quanti hanno insegnato ai figli e nipoti cosa significa quel giorno? con me lo hanno fatto (eccome) e mia volta l'ho insegnato a mio figlio, ma anche tra i miei coetanei sono troppi coloro che dimenticano o addirittura non sanno.
    ciao, beccamose sto letta mo ;) laura

    RispondiElimina
  4. Una stringente poesia che delinea gran parte della nostra realtà!

    RispondiElimina
  5. Sì, mi piace, si racconta da sé
    E quanti, io dico, i falsi Savonarola puritani

    RispondiElimina

SI POSSONO INSERIRE RETTIFICHE E COMMENTI A QUESTO POST IMMEDIATAMENTE ED AUTOMATICAMENTE. CHI INSERISCE RETTIFICHE E COMMENTI LO FA SOTTO LA PROPRIA RESPONSABILITA’ – Il curatore di questo blog si riserva di cancellare rettifiche e commenti che possano contenere offese a terzi o appelli alla violenza. Grazie per ogni rettifica o commento che andate ad inserire. Quando posso e quando trovo qualche parola rispondo.