domenica 14 aprile 2013

Ma esistono i sindacati in Italia?


Ma esistono i sindacati in Italia?

Me lo chiedo da tempo e sono stato per tanti anni un sindacalista.

Se osservo il livello di disoccupazione e lo stato del welfare in Italia posso dire che i sindacati in Italia non esistono.

Non esistono liste di collocamento pubbliche.

Non esiste la possibilità di trovare un lavoro se non conosci un datore di lavoro direttamente.

Sei iscritto a Centri di impiego regionali che non servono a nulla.

Sei selezionato da Centri privati che si divertono a fare selezione ed accumulare curriculum.

Se aspetti da un anno puoi ancora restare ad aspettare per un altro anno e nessuno ti chiama.

Le liste di collocamento pubbliche sono state cancellate da governi di sinistra e il sindacato è stato in silenzio.

Non esiste una indennità di disoccupazione per chi non ha mai trovato lavoro.

Viene tollerato il lavoro nero più in nero della notte.

La disoccupazione c’era anche prima della crisi e non faceva tanto paura al sindacato e solo ora si pone un qualche problema timidamente, aspettando il Parlamento, aspettando il Governo, aspettando i Grilli, passando da qualche trasmissione di Santoro.

Si è spazzata via ogni regola pubblica che regolasse il collocamento, accettando il liberismo più sfrenato e senza un minimo di welfare.

Mi vergogno di essere stato un sindacalista.

Ho fatto per 20 anni il sindacalista nella scuola e il precariato è stato sempre quello meno tenuto in considerazione; per un pelo non sono state spazzate via le graduatorie provinciali per far luogo alle chiamate dirette fatte dai dirigenti scolastici.

Mi vergogno di essere stato un sindacalista, essere sindacalista significa cominciare da quelli che non hanno un lavoro.

Vorrei ricominciare da capo

Gridando

Lavorare tutti lavorare meno

14/04/13 francesco zaffuto