lunedì 5 settembre 2011

6 settembre, al diavolo sciopero anch’io



Dialogo
Pinco - Il 6 settembre, al diavolo sciopero anch’io
Panco – Ma come fai? Sei pensionato, non hai un lavoro e te ne stai da bravo zuzzurellone appresso al tuo blog per buona parte della giornata.
Pinco – Attacco un cartello sul mio blog e dico che sono in sciopero.
Panco – Ma è un po’ come te scioperare contro te stesso, sei tu il tuo datore di lavoro tra l’altro non pagato.
Pinco – Sì domani voglio scioperare anche contro me stesso. VOGLIO UN GIORNO DI RIFLESSIONE IN PIU’ e VOGLIO DIRE CHE QUESTA MANOVRA MI HA FATTO GIRARE LA TESTA E LE PALLE.

05/06/11 (Pinco – francesco zaffuto )

Ecco l’ultima notizia sulla manovra che in particolare mi ha fatto girare le palle
- una maggioranza in azienda può determinare accordi che prevedono il licenziamento anche senza giusta causa, annullando lo Statuto dei lavoratori -


9 commenti:

  1. Ogni giorno contro i nostri diritti e mentre la casta aumenta i propri privilegi .Saluti a presto

    RispondiElimina
  2. Anch'io aderisco allo sciopero pur pensionata e contro tutti gli espropri agli scioperi fatti da lavoratrice per ottenere i diritti di cui ora stanno spogliando i lavoratori.

    ...Forse non mi sono espressa tanto bene, posso chiarire che sono molto: ARRABBIATA!

    RispondiElimina
  3. Sostengo anch'io lo sciopero e ribadisco ,ci vuole un presidio permanente in tutte le piazze.

    RispondiElimina
  4. E' uno sciopero per il nostro futuro!

    RispondiElimina
  5. Sì, speriamo che lo sciopero serva a fargli capire che non ce n'è più!!!

    RispondiElimina
  6. Uno sciopero di braccia, di gambe, di capelli,
    uno sciopero che nasca in ogni corpo.
    Voglio uno sciopero
    di operai, di colombe
    di autisti, di fiori
    di tecnici, di bambini
    di medici, di donne.

    Voglio un grande sciopero,
    che arrivi sino all'amore.
    Uno sciopero dove si fermi tutto,
    l'orologio, le fabbriche
    lo stabilimento, le scuole
    l'autobus, gli ospedali
    la strada, i porti.

    Uno sciopero di occhi, di mani, di baci.
    Un grande sciopero dove non sia permesso respirare,
    uno sciopero dove nasca il silenzio
    per ascoltare i passi
    del tiranno che si allontana.
    (Gioconda Belli)

    RispondiElimina
  7. a Farfallalegger
    questa bella poesia era proprio quello che ci voleva
    ciao

    RispondiElimina
  8. ...Caro Francesco, da lavoratore atipico (partita iva) da blogger, da altermondialista, da no global ma per la globalizzazione dei diritti.... domani sarò in piazza, con la CGIL, con i sindacati di base, con tutti coloro che la crisi la vogliono far pagare a chi la crisi l'ha generata. No alla dittatura delle banche!!!!

    RispondiElimina
  9. Spero che domani sia una grande giornata di lotta!

    RispondiElimina

SI POSSONO INSERIRE RETTIFICHE E COMMENTI A QUESTO POST IMMEDIATAMENTE ED AUTOMATICAMENTE. CHI INSERISCE RETTIFICHE E COMMENTI LO FA SOTTO LA PROPRIA RESPONSABILITA’ – Il curatore di questo blog si riserva di cancellare rettifiche e commenti che possano contenere offese a terzi o appelli alla violenza. Grazie per ogni rettifica o commento che andate ad inserire. Quando posso e quando trovo qualche parola rispondo.