venerdì 2 settembre 2011

La galera? A chi?



La nuova trovata della “manovra” finanziaria è quella della minaccia della galera agli evasori. Se si pensa che nonostante la prevista galera continuano ad essere esercitati: malversazione, corruzione, abuso d’ufficio, corruzione di giudici e pubblici ufficiali ecc. … la minaccia della galera agli evasori può servire a ben poco. Se si pensa poi che la stessa classe politica che minaccia la galera agli evasori ha, in un passato non tanto lontano, depenalizzato il falso in bilancio, eliminato le multe sugli scontrini fiscali che erano un piccolo quotidiano deterrente, e tenta oggi di varare nuovi dispositivi per aumentare i benefici della prescrizione per gravi reati; allora pare di vivere una commedia dell’assurdo.
Ancora una volta siamo di fronte alla favola americana, quella che ci racconta la solita manfrina su Al Capone che negli USA venne messo in galera per problemi con il fisco; non abbiamo bisogno per niente di imitare l’America, la crisi viene da lì e i responsabili della crisi sono stati addirittura salvati e beneficiati.
La galera agli evasori, ammesso che qualcuno dei grandi evasori venga colpito, ci regalerà lo spettacolo del piagnisteo e un qualche migliaio di articoli sui quotidiani.
Gli evasori vanno colpiti facendoli PAGARE ECONOMICAMENTE NEI FATTI. Alle grandi pene minacciate sono da preferire le piccole pene immediate e veramente eseguite.
02/09/11 francesco zaffuto

.
Immagine – sbarre di una prigione

10 commenti:

  1. ma perchè, ci credi davvero alle misure antievasione?

    RispondiElimina
  2. ad Antonio
    non credo che possa prenderle questo governo. Penso accademicamente che diversificate misure antievasione possano limitare l'evasione. Non credo alla minaccia delle massime pene.
    ciao

    RispondiElimina
  3. praticamente Silvio si è auto minacciato!

    RispondiElimina
  4. a Ernest
    hai toccato proprio il paradosso

    RispondiElimina
  5. La minaccia della galera per somme altisseme serve a poco, chi evade milioni di € sa evadere anche dal carcere. A vedere gli spot che vanno in onda vogliono colpire i piccoli, vogliono rendere gli italioti spie e/o vendicatori. Litigo e/o mi è antipatico un esercente e faccio in modo che commetta un errore e lo denuncio. Il ministero delle entrate negli ultimi anni olpisce i cittadini con piccole ammende dai 50,00 ai 100,00 €. per viste o errori nelle dichiarazioni, in tali casi il cittadino pur avendo raggione non ha la convenza a fare ricorso e paga. Credo che la stretta all'evasione colpirà solo i piccoli quelli che fanno lavoretti in nero per raggranellare il pranzo.

    RispondiElimina
  6. è vero la mia domanda era troppo generica, provo a metterla in termini affermativi e più chiari. Questo governo non ha alcuna volontà di colpire l'evasione fiscale, non ce l'ha mr b. che ha fatto e fa l'apoteosi dell'evasione, non ce l'ha alcuno dei suoi cortigiani. Si tratta di una messa in scena propagandistica per tirare a campare ancora un po'.

    RispondiElimina
  7. L'attuale governo con la sua maggioranza parlamentare non farà mai queste cose, che nelle sue parole sono solo fumo negli occhi per gli sprovveduti.

    RispondiElimina
  8. Le massime pene sono poi quelle che colpirebbero i soliti impuniti.....
    so per certo, operando nella piccola imprenditoria,che i grossi evasori sono i grossi industriali( naturalmente non tutti, almeno spero) i piccoli vengono vessati e spaventati oltre misura

    RispondiElimina
  9. Ovviamente sono d'accordo con quanto dici.
    L'Italia si è "tenuta" grazie alle tasse pagate "esclusivamente" dai lavoratori dipendenti.
    Il resto si affida ai propri commercialisti per studiare come evadere le tasse.
    Ed in tanti anni di evasione hanno comprato case e castelli, ville al mare ed in montagna, e campano di rendita riscuotendo gli affitti e riempendo i centri commerciali con i propri SUV che ti spernacchiano al sorpasso in autostrada.
    Oltre ad "acchiapparli" bisognerebbe accertare come hanno conseguito le loro ricchezze negli ultimi 40 anni di evasione ed operare un esproprio dei loro beni.
    La categoria dei gioiellieri dichiara mediamente 14.000 euro l'anno.
    Se li volessero andare a prendere e schiaffare in galera requisendo a loro ed alle loro famiglie ogni bene mobile ed immobile basterebbe un attimo!
    Purtroppo sai benissimo che colpire "veramente" gli evasori equivarebbe a colpire i propri "elettori". Quindi ... quello che si dice in questi giorni è solo fumo negli occhi!

    RispondiElimina
  10. Tutto questo giro,per non far pagare ai soliti noti.Questo Governo è un controsenso continuo,basta ricordare il condono per il rientro dei capitali tassati al 5%;mentre tutte le persone oneste pagano un aliquota ben più alta.Saluti a presto

    RispondiElimina

SI POSSONO INSERIRE RETTIFICHE E COMMENTI A QUESTO POST IMMEDIATAMENTE ED AUTOMATICAMENTE. CHI INSERISCE RETTIFICHE E COMMENTI LO FA SOTTO LA PROPRIA RESPONSABILITA’ – Il curatore di questo blog si riserva di cancellare rettifiche e commenti che possano contenere offese a terzi o appelli alla violenza. Grazie per ogni rettifica o commento che andate ad inserire. Quando posso e quando trovo qualche parola rispondo.