domenica 11 settembre 2011

Febbre e coscienza del Grande Moloch


Dopo una ripresa (di mercoledì 7) che è stata attribuita alla approvazione della “manovra” in Senato, un nuovo venerdì nero attribuito alle dimissioni del consigliere tedesco Stark dalla Bce (eppure si è apprestato adire che andava via per motivi personali). Ogni scusa è buona per far salire la febbre e far ripartire un’ondata di speculazione al ribasso in Borsa.
Riporto un disegno che cerca di sintetizzare, in modo molto abbozzato, più di due anni di febbre del Grande Moloch (quella grande divinità a cui tutti i governi dicono di guardare e di attendere il suo giudizio, divinità che dovrebbe avere una strana coscienza e saggezza).
La crisi economica comincia nel 2008 e subito si sentono le ripercussioni alla salute del grande Moloch. Qui per esigenze grafiche ho posto a 0 la situazione della Borsa al Gennaio 2009.
Dal gennaio 2009 al marzo 2009 c’è una continua discesa del mercato borsistico e nel marzo del 2009 si registrano i dati più gravi della caduta .
C’è incertezza sulle misure che prenderanno i governi, panico generale, crisi di nervi; eppure dal marzo 2009 all’ottobre 2009 c’è una certa ripresa del mercato borsistico, nei mesi di ottobre e novembre 2009 non si è certo recuperato tutto ma le quotazioni sono abbastanza sostenute.
La fase successiva alla crisi è quella dei governi che prendono misure a sostegno dell’economia in USA e in Europa, sono stati scongiurati i fallimenti iniziali, i governanti si premurano con assicurazioni rassicuranti, prendono misure di sostegno nei confronti del debito. Eppure dal gennaio 2010 a oggi assistiamo a un procedere a dente di sega ma tutto in flessione. La meccanica si ripete con costanza: una ondata speculativa al ribasso, poi un recupero per acquisti ma non tale da riportare alla precedente posizione; poi una nuova ondata speculativa al ribasso, un nuovo recupero per acquisti ma non tale da riportare alla precedente posizione, e così via fino ad oggi.
Ogni volta che si innesta l’ondata speculativa al ribasso, c’è da presumere che gli speculatori riescano a trascinare nelle vendite diversi malcapitati impauriti che non ritornano più agli acquisti, e gli acquisti sono fatti solo da chi si era rivolto alle vendite con l’intento di riacquistare a buon prezzo; mentre gli scottati non ritornano più.
La divinità BORSA non ha nessuna coscienza e saggezza, e nelle sue febbri è dominata da chi scommette e da due anni si scommette sullo sfacelo
I popoli e i governi non debbono dipendere dal Moloch, né dalla sua febbre e né dalla sua strana coscienza, debbono governare il Moloch.
11/09/11 francesco zaffuto

Post collegati all’argomento
Un’altra botta e …
IL GRANDE MOLOCH
BISCAZZIERI DI TUTTO IL MONDO UNITI

8 commenti:

  1. Si parla di recessione,alcuni la considerano fisiologica del ciclo economica, ma altri ne intravvedono una portata storica.

    RispondiElimina
  2. Penso che sia di portata storica. Non voglio fare quello che prevede, il mio arco di vita e le mie facoltà sono molto limitate. Credo che non si possa imboccare la crescita con le stesse dinamiche del passato. E' necessaria una crescita ragionata che non distrugga il pianeta, che per certi aspetti può essere perfino decrescita. E necessario produrre quello che veramente serve, a cominciare dal pane e saperlo dividere.

    RispondiElimina
  3. Esatto. E' ora che si cominci a comprendere che un sistema finito non può riprodurre le proprie risorse all'infinito. Dato che invece il nostro sistema di vita è basato sullo spreco, inorridisco quando sento i nostri "potenti" parlare di crescita.

    RispondiElimina
  4. Questa volta, invece dimun accenno di discorso generale, dico che mi hai fatto venire in mente che ognintanto occorre anche ricordarsindegli sprovveduti che intendono giocare in Borsa.

    RispondiElimina
  5. Sul frontone del tempio, a Delfi, c'era scritto: “Mai niente di troppo”. Anche se temo sia troppo tardi, penso che dovremmo provare a recuperare quel senso del limite che era già parso fondamentale ai popoli antichi.

    RispondiElimina
  6. Concordo con Bastian Contrario sull'ambiguità di chi parla di crescita - che non c'è.

    RispondiElimina
  7. Questi mascalzoni guadagnano al ribasso e riguadagnano al rialzo!
    Noi dobbiamo essere fuori dai loro sporchi giochi sperando che un giorno molto prossimo cadano nella trappola da loro stessi ordita!

    RispondiElimina
  8. Io non ci capisco niente di Borsa..mi sembra un abominio

    RispondiElimina

SI POSSONO INSERIRE RETTIFICHE E COMMENTI A QUESTO POST IMMEDIATAMENTE ED AUTOMATICAMENTE. CHI INSERISCE RETTIFICHE E COMMENTI LO FA SOTTO LA PROPRIA RESPONSABILITA’ – Il curatore di questo blog si riserva di cancellare rettifiche e commenti che possano contenere offese a terzi o appelli alla violenza. Grazie per ogni rettifica o commento che andate ad inserire. Quando posso e quando trovo qualche parola rispondo.