sabato 3 settembre 2011

Un’altra botta e …



… se vogliono, possono comprare tutto per pochi spiccioli.

Un’altra caduta in Borsa venerdì 03/09, e giunge quasi ingiustificata dopo le operazioni di sostegno della Banca europea. Gli analisti danno la colpa ai dati di disoccupazione in USA, ma cadono anche le Borse europee e la Borsa di Milano perde il -3,9%.
http://www.ilsole24ore.com/art/finanza-e-mercati/2011-09-03/venerdi-nero-milano-081609.shtml?uuid=AagBwB1D
Il comportamento degli investitori appare inspiegabile, sembrano giocare a rovinare se stessi. Ormai banche è società industriali sono quotate a molto meno del solo loro valore delle loro immobilizzazioni; e trattasi di un fenomeno con caratteristiche mondiali.
http://www.finanzaonline.com/forum/econometria-e-modelli-di-trading-operativo/1332985-banca-intesa-vale-borsa-meno-dei-suoi-quadri-de-chirico-boccia-balla-caravaggio.html
http://www.australiaitalia.it/news.asp?Action=Liv_2&Id=614
I piccoli investitori non possono avere alcun beneficio per quello che sta accadendo, gli stessi speculatori possono guadagnare solo sui ritagli delle variazioni al ribasso; vanno avanti tutti con gli occhi bendati rincorrendo la caduta. Chi può realmente guadagnare da questa colossale caduta che è andata avanti per due anni e che è stata rovinosa negli ultimi due mesi? Il gruppo dei grandi capitalisti che tengono in mano ricchezze spropositate (Soros, Murdoch, Bill Gates, … più una discreta lista che potete controllare con un po’ di pazienza su internet e potete metterci anche Berlusconi senza tema di errore) è in grado di comprare tutte le migliori Società industriali e Banche. Che questo possa essere stato un preordinato disegno, non lo penso proprio: troppa intelligenza e troppa capacità di prevedere il futuro, ma è lo stato dei fatti che si sta determinando. Lo faranno o non lo faranno? Non azzardo previsioni, ma sono in grado di farlo e se non lo fanno è solo perché è estremamente fastidioso poi dover controllare tutte quelle società; forse si limiteranno a limitati buoni affari. Intanto stati e statisti guardano al mercato e al giudizio del mercato per salvare le proprie economie come se il mercato di borsa potesse pensare e riflettere, come se fosse un grande saggio dalla lunga barba bianca. Gli Stati hanno la responsabilità pubblica di regolare e stimolare i mercati, altro che aspettare il giudizio di un Moloch schizoide.
03/09/11 francesco zaffuto

Post di questo blog sull’argomento
IL GRANDE MOLOCH
BISCAZZIERI DI TUTTO IL MONDO UNITI

immagine – “ultimo equilibrio” china © francesco zaffuto
nota descrittiva dell'immagine per disabili visivi
un uomo, che sembra un ragno, tenta di arrampicarsi su un grafico statistico, il suo volto continua a deformarsi.

8 commenti:

  1. E' verosimile quanto dici e cioè che quei pochi straricchi che hai elencato compreranno a prezzi più che stracciati tutte le società che vogliono.
    Sono lì che aspettano, come avvoltoi, il momento giusto per acquistare.
    Ancora un pò e compreranno tutto.
    A vendere il resto penseranno gli stati che, per fare cassa, saranno costretti a vendersi anche il colosseo.
    Questo è il progetto: privatizzare il pianeta e consegnarlo con tanto di nastrino da pacco regalo ai Soros, Murdoch, Bill Gates .... e Berlusconi.
    Doveva essere eliminato il mercato privato e nazionalizzato tutto.
    Invece è accaduto il contrario. Gli stati sono nelle mano di pochi banchieri agli ordini dei ricchi prima elencati.

    RispondiElimina
  2. In genere queste crisi provocano l'arricchimento di pochi e l'impoverimento di tanti aumentando l'ampiezza della forbice ormai già enorme fra ricchi e poveri togliendo di mezzo la media-borghesia.

    RispondiElimina
  3. Questa non è una crisi ciclica del sistema, tipo quella del 2008.
    Questa pare essere una crisi che coinvolge le fondamenta stesse del sistema capitalistico.
    I tonfi della nostra borsa sono chiaramente preordinati da qualche potere sovranazionale.
    Il dramma è che la colpa non è degli speculatori: quelli i guadagni li hanno già fatti.
    Gli ultimi tonfi sono dovuti al fatto che sono gli investitori stessi che stanno abbandonando in fretta la nostra barchetta.

    RispondiElimina
  4. In ogni caso, prospettive tremende per le masse popolari del nostro Paese.

    RispondiElimina
  5. Terrificante che le nostre vite siano come sabbia tra le dita di questi "personaggi".

    RispondiElimina
  6. Piano,piano stiamo tornando al medioevo,spero finalmente che il popolo,anche quello più rincoglionito si stia svegliando.

    Ok per l'inserimento dell'intervista di Vendola,una delle ultime speranze.

    RispondiElimina
  7. E' ormai troppo tardi per il tanto desiderato risveglio della gente che si è vista sfilare dalle mani il futuro (e anche la dignità, per le offese ripetute).
    Ogni atto, richiesta, rivendicazione sarà pagato a caro prezzo e ci troverà ancora più divisi e arroccati a difendere il proprio piccolo e breve territorio.
    Scusate l'amarezza.

    RispondiElimina
  8. a Sari,
    condivido la tua amarezza, ma ancora spero.
    ciao

    RispondiElimina

SI POSSONO INSERIRE RETTIFICHE E COMMENTI A QUESTO POST IMMEDIATAMENTE ED AUTOMATICAMENTE. CHI INSERISCE RETTIFICHE E COMMENTI LO FA SOTTO LA PROPRIA RESPONSABILITA’ – Il curatore di questo blog si riserva di cancellare rettifiche e commenti che possano contenere offese a terzi o appelli alla violenza. Grazie per ogni rettifica o commento che andate ad inserire. Quando posso e quando trovo qualche parola rispondo.