sabato 24 settembre 2011

Gli effetti dello sconto limitato sui libri


Da settembre sui libri si applica la nuova legge sugli sconti limitati
Massimi sconti del 15%; tranne le promozioni che possono portare gli sconti al 25%, promosse da editori, previa informazione a tutte le librerie (esclusi da questa normativa generale: il mese di dicembre proibito alle promozioni e gli sconti più elevati sui libri fuori catalogo e sui costosi libri d’arte).
Lo scopo di questa legge dovrebbe essere proteggere le piccole librerie. Nei fatti vengono colpiti i lettori acquirenti dei libri e le grandi aziende (tipo Amazon e IBS) che avevano cominciato a operare sulle vendite via internet con sconti elevati. In quanto alle piccole librerie si mettono a riparo dalla concorrenza via internet ma continueranno a subire la concorrenza delle grandi librerie (che nelle grandi città fanno capo a grandi gruppi editoriali), gruppi editoriali che potranno lanciare campagne promozionali che i piccoli dovranno accettare o subire.
Non avendo il mito del libero mercato, questa misura non mi scandalizza. Ma nel nostro paese dove spesso si parla a sbafo di libero mercato veder passare una legge che stabilisce gli sconti sui libri è quantomeno contraddittorio.
24/09/11 francesco zaffuto
.
Immagine libri aperti – da internet