domenica 28 ottobre 2012

Addio Ponte


 Oggi i siciliani vanno al voto, molti non ci andranno, molti ci andranno un po’ confusi;  solo chi vive nella nebbia delle appartenenze  andrà a posare con sicurezza la sua croce.
 Sarebbe opportuno che tutti i siciliani, prima di esercitare o non esercitare il diritto di voto,  si ricordassero  del Ponte sullo stretto di Messina.  Di quella grande opera che veniva descritta come irrinunciabile, già pronta, assegnata, appaltata, nonostante manifestazioni di dissenso, e pareri  contrari di sismologi ed ecologisti.
 Per dimostrare che si trattava di una scelta definitiva si arrivò a dare l’appalto prima di avere raccolto tutti i pareri tecnici e, soprattutto,  prima di vedere se si avevano risorse le finanziarie per realizzarlo;  si sapeva che eravamo sull’orlo del disastro finanziario e si andava avanti con il ponte.
 Il governo dei Tecnici ha dovuto precisare che si trattava di una impresa abbastanza folle e l’ha abbandonata .
 Ora il ponte non c’è più  ma, visto che la firma sull’appalto il governo Berlusconi l’aveva messa, ci stanno le penali da pagare.
 La penale potrebbe pagarla Berlusconi, che tanto voleva quella faraonica impresa,  in fin dei conti i soldi non gli mancano,  ma non è previsto: quel ponte si stava realizzando per il “nostro bene” e saremo noi italiani (compresi tutti i siciliani) a pagare. Addio ponte.
28/10/12 francesco zaffuto
Immagine virtuale del possibile ponte sullo stretto riportata su internet
Questo blog si è occupato del Ponte nei post   ponte sullo stretto (5)

3 commenti:

  1. pazzesche queste cose: mi auguro che i siciliani (quelli che voteranno) pensino soprattutto a queste cose! tra l'altro i siciliani sono stati i più attivi contro il ponte, a differenza dei calabresi..
    comunque del ponte irrealizzabile, visto che unirebbe solo vulcani attivi, disperazione e fame, non rimangono solo le multe da pagare, purtroppo.
    ciao, laura

    RispondiElimina
  2. A parte il chi pagherà questo ponte virtuale (Pantalone è sempre pronto; maldisposto, ma pronto), che tra l'altro ha avuto un'ulteriore conferma della sua inutilità, visto che all'isola si può arrivare benissimo a nuoto, è la lista di chi si propone alla guida che fa cadere le braccia e altre parti anatomiche. Parli di voto convinto solo da parte degli "appartenenti" a ciascuna di queste liste: dei "leaders" locali testa di serie non ce n'è uno che possa definirsi "pulito". Le condanne o le pendenze sembrano altrettante medaglie al (de)merito, eppure questo è il menu che spudoratamente viene offerto ai siciliani non "appartenenti". In teoria, a governare l'isola dovrebbe andare il meglio della società e, se questo è il meglio, per la Sicilia prevedo un futuro ancora più nebuloso di quello da cui vorrebbe uscire.
    Ciao, buona settimana.

    RispondiElimina
  3. Meglio tardi che mai, stop all'inutile e pericoloso ponte...

    RispondiElimina

SI POSSONO INSERIRE RETTIFICHE E COMMENTI A QUESTO POST IMMEDIATAMENTE ED AUTOMATICAMENTE. CHI INSERISCE RETTIFICHE E COMMENTI LO FA SOTTO LA PROPRIA RESPONSABILITA’ – Il curatore di questo blog si riserva di cancellare rettifiche e commenti che possano contenere offese a terzi o appelli alla violenza. Grazie per ogni rettifica o commento che andate ad inserire. Quando posso e quando trovo qualche parola rispondo.