sabato 6 ottobre 2012

Un Marchionne per la scuola? Non è il caso



 Il 5 ottobre 2012 (giornata mondiale dell’insegnate) è stato un  momento di riflessione sul governo della scuola nel convegno organizzato dalla Gilda degli insegnanti  nel centro congressi di via Cavour di Roma.
 Si può riassumere così il messaggio lanciato dalla Gilda degli Insegnanti nel corso del convegno:
 “Il modello dell´autonomia scolastica, così come è stato impostato in Italia, spinge il dirigente a comportarsi da padrone e a sfruttare gli insegnanti, definiti ‘risorse umane´, e a cercare di trarre il massimo per ottenere risultati di chissà quale tipo, visto che la scuola non ha una produttività che si misura in denaro”. 
 Il video allegato presenta, spezzoni di interventi e  interviste a insegnanti e ad esponenti politici che hanno partecipato al convegno.  Mi ha colpito principalmente l’intervento dell’On. Coscia che si può riassumere con il detto “indietro non si torna”; cosa importa se la strada imbroccata non era quella giusta.  Il dirigente designato dall’alto per concorso in qualche modo contrasta con la tanto propugnata autonomia scolastica; dopo tanti anni di riforme la scuola si presenta con organi contraddittori e monchi, basta pensare allo stesso organismo CNPI (consiglio nazionale pubblica istruzione) che sopravvive grazie all’ossigeno del mancato rinnovo.
 “Non è mai troppo tardi”, in materia di scuola, basta studiare e rimediare a qualche sbaglio.
06/10/12 francesco zaffuto

1 commento:

  1. Mi piace la fine del tuo post! Aggiungo io! tutti possono sbagliare ma bisogna riconoscerlo e poi dimostrare che si vuol imparare!!!
    Tomaso

    RispondiElimina

SI POSSONO INSERIRE RETTIFICHE E COMMENTI A QUESTO POST IMMEDIATAMENTE ED AUTOMATICAMENTE. CHI INSERISCE RETTIFICHE E COMMENTI LO FA SOTTO LA PROPRIA RESPONSABILITA’ – Il curatore di questo blog si riserva di cancellare rettifiche e commenti che possano contenere offese a terzi o appelli alla violenza. Grazie per ogni rettifica o commento che andate ad inserire. Quando posso e quando trovo qualche parola rispondo.