venerdì 26 ottobre 2012

ignorantia legis non excusat



AVVISO
proprio oggi è stata riportata una notizia sul Sole 24 ore - il Governo intende porre rimedio a questa stortura dal 1 gennaio 2013 - Gazzetta e Archivi diventeranno gratuiti
la notizia è stata riportata sul sito della Gazzetta ufficiale
si parla di gratuità di tutto il servizio.
Sono ben lieto di questa notizia e penso che chi ha lavorato prima di me in questa direzione ha ottenuto un buon risultato. Lamentarsi serve, ma se c'è qualche ragione per essere lieti è meglio.
26/10/12 - ore 19,18 -  

L'articolo che segue pubblicato in prima mattinata, prima della notizia,  viene lasciato di seguito non modificato -


Provate ad andare sul sito della Gazzetta Ufficiale, che istituzionalmente raccoglie tutte le leggi dello Stato
trovate che l’accesso all’archivio di tutte le leggi non è gratuito,  richiede la sottoscrizione di un abbonamento telematico – Per l’abbonamento annuo alla versione completa  (con lo sconto 10%, bontà loro) € 495,00.
Eppure
«L'ignoranza della legge non scusa nessuno».
Non lo sapevate: pagate la multa lo stesso.
Non lo sapevate: andate in galera lo stesso.
 Il Codice penale così recita all’art. 5
Articolo 5. Ignoranza della legge penale. Nessuno può invocare a propria scusa l’ignoranza della legge penale.
La Corte costituzionale, con sentenza del 24 marzo 1988,  n. 364/88, ha dichiarato l'articolo in questione parzialmente illegittimo per il fatto che non prevede l’ignoranza inevitabile della legge penale.
 Ma provare l'"ignoranza inevitabile" non sarà facile in giudizio;  e se avevate un diritto e non ve ne siete avvalsi entro i termini previsti, l’avete perso per sempre.
 Il legislatore produce sempre nuove leggi e spesso le nuove leggi richiamano vecchie leggi che restano in vigore, la consultazione degli archivi normativi è essenziale. 
 La gratuità nell’epoca della sola carta era, ed è ancora oggi, assicurata accedendo alle raccolte della Gazzetta presso le biblioteche comunali.
 Da quando esiste la rete internet  l'informazione sulle leggi è più semplice e meno oneroso.
 Pagare un abbonamento on line  per informarsi sulle leggi dello Stato sta in contrasto con le stesse leggi dello Stato.
“Vogliamo che la Gazzetta ufficiale sia  integralmente, gratuitamente e a tempo indeterminato accessibile on line.”  Ho trovato in rete questa richiesta, mi associo e la ripeto per far sentire a chi dovrebbe sentire.
26/10/12 francesco zaffuto
Immagine – una prima pagina cartacea della Gazzetta ufficiale