venerdì 12 ottobre 2012

Scuola, un cervello da bere …


Eminentissimo Ministro Profumo, qui rischiamo di berci il cervello. Lei dovrebbe sapere che a fronte di un’ora di lezione ci sta un lavoro di preparazione della lezione; dovrebbe anche sapere che ne derivano tempi per la correzione dei compiti; dovrebbe anche sapere che avere una classe in più fa derivare un aumento di tempi per scrutini, consigli di classe, rapporti con le famiglie. Allora l’ipotesi di aumento di sei ore di cattedra significa nei fatti un aumento di circa 10 ore la settimana. Visto che non ci si può bere il cervello,  nei fatti la sua idea di 24 ore di cattedra,  si verrebbe a tradurre in una secca diminuzione della qualità dell’insegnamento. I docenti si arrangeranno con il si salvi chi può, cercheranno di diminuire l’impegno nella ricerca, nell’organizzazione delle proprie lezione; cercheranno un qualche intervallo e nei fatti lo troveranno.
 Per non parlare poi di tutte le cattedre che si verrebbero a perdere con un nuovo grande numero di laureati disoccupati;  ma certo questo è un particolare che a lei non interessa, lo può delegare al ministro Fornero esperta nel campo del lavoro.
12/10/12 francesco zaffuto
PS – intanto studenti e insegnanti manifestano
Immagine – cervello e sue ipotetiche sezioni

4 commenti:

  1. io sono esterefatta, sembra che i nostri ministri cerchino tutte le occasioni per scatenare le rivolte, forse si divertono a vedere fino a che punto possono tirare la corda.
    Le ore di lezione, quelle a disposizione, gli aggiornamenti, le correzioni dei compiti,le riunioni,gli incontri con i genitori,gli scrutini.le gite scolastiche vengono considerati una sine cura .
    Forse misurano con il loro metro da fancazzisti, ma questa volta hanno superato ogni limite.


    RispondiElimina
  2. Non si capisce come i ministri non si rendano conto delle conseguenze delle loro brillanti idee. C'è un distacco completo dalla realtà, da quelli che sono gli impegni e le esigenze di una classe che forma i nostri giovani anche se giorno dopo giorno le speranze di un futuro per loro ,non dico di grande benessere, ma di normale sopravvivenza, si riducono sempre più.

    RispondiElimina
  3. E' evidente: questo governo aveva molti obiettivi, non certo lo sviluppo dell'Italia o il benessere dei cittadini..Finora ci hanno stroncati come mai era successo prima e non hanno ancora varato una manovra decente per sviluppo e l'occupazione: Tagli e Tasse senno' il fallimento, si esce dall'Europa etc.. Una bella formula di ricatto che pero' mi ha stancato.

    RispondiElimina
  4. Una visione classista della scuola!

    RispondiElimina

SI POSSONO INSERIRE RETTIFICHE E COMMENTI A QUESTO POST IMMEDIATAMENTE ED AUTOMATICAMENTE. CHI INSERISCE RETTIFICHE E COMMENTI LO FA SOTTO LA PROPRIA RESPONSABILITA’ – Il curatore di questo blog si riserva di cancellare rettifiche e commenti che possano contenere offese a terzi o appelli alla violenza. Grazie per ogni rettifica o commento che andate ad inserire. Quando posso e quando trovo qualche parola rispondo.

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.