domenica 21 ottobre 2012

L’ora di lezione, da Einaudi a Profumo


Qui di seguito due citazioni, quella di Einaudi e quella di Profumo.
Einaudi
«Gli insegnanti, il cui orario settimanale è andato via via aumentando, sono diventati delle “macchine per vendere fiato”. Ma “la merce fiato” perde in qualità tutto ciò che guadagna in quantità. Chi ha vissuto nella scuola sa che non si può vendere impunemente fiato per 20 ore alla…settimana. La scuola a volerla fare sul serio logora. E se si supera una certa soglia nasce una “complicità dolorosa ma fatale tra insegnanti e studenti a far passare il tempo”. La scuola si trasforma in un ufficio, o in una caserma, col fine di tenere a bada per un certo numero di ore i giovani; perde ogni fine formativo». (Luigi Einaudi, Il Corriere della Sera, 21 aprile 1913).
Profumo
  “nel patto della scuola che andremo a stipulare dovremo avere maggiore flessibilità, e prevedere ad esempio i part time. O l’opposto: lavorare di più, per chi lo voglia fare”. Quindi l’idea  innovativa sarebbe quella di dare “la possibilità agli insegnanti di adattare i tempi di lavoro con quelli della vita: ora lavoro di più perché sto in una fase familiare in cui lo posso e lo voglio fare, ora lavoro di meno perché ho figli piccoli o altre necessità”.
 Certo, Einaudi, non era persona da sottovalutare l’entità della spesa pubblica,  eppure quando parla di ore di lezione fa riferimento alla fatica del docente e  al bagaglio culturale che deve essere trasferito agli allievi. Profumo ha un approccio ben diverso: cerca di ammaliare i docenti con novità e con aria furba parla di grandi possibilità per docenti e studenti, ma in concreto vuole far passare un aumento dell’orario cattedra. Non può certo ignorare il ministro Profumo che il part-time già esiste nella scuola e il docente può optare tra la cattedra a 18 e la cattedra a 9/10 ore (a seconda della materia insegnata). Quindi quando parla di tempo flessibile nella sua mente si intende qualcosa di ben diverso, intende considerare la cattedra di 18 ore (come è attualmente nelle medie inferiori e superiori)  come una tipologia di part-time. Di conseguenza il 24 e più, diventa una cattedra piena. Quello che potrà arrivare come trasferimento di cultura agli studenti è secondario. Diciamola tutta, signor Ministro, cerchi di immaginarsi la cattedra di matematica delle scuole superiori, cerchi di immaginarsi che l’insegnante supera le 4 ore di lezione nell’ambito di un giorno, cerchi di immaginarsi il fiato di questo docente alla quinta ora. Aggiunga, signor Ministro, che nella scuola c’è il particolare carico di mantenere la disciplina (non si tratta di lezioni all’università), di tenere svegli e costantemente interessati allievi che stanno sulle sedie pronti a scattare via …
 Intanto i docenti stanno manifestando, raccolgono firme e petizioni.
E’ giusto preoccuparsi di un prossimo contratto scuola che potrà contenere le nuove “meravigliose” idee di Profumo.
21/10/12 francesco zaffuto
L’argomento 24 ore è già stato affrontato in questo blog sul post
immagine – Luigi Einaudi legge un libro insieme a dei ragazzi
Note
oggi, domenica 21,  è arrivato un Comunicato Stampa di Bersani - (che sia un impegno chiaro!)
riporto il comunicato e il link
"In particolare, voglio dirlo con chiarezza, noi non saremo in grado di votare così come sono le norme sulla scuola
Sono norme al di fuori di ogni contesto di riflessione sull'organizzazione scolastica e che finirebbero semplicemente per dare un colpo ulteriore alla qualità dell’offerta formativa. Voglio credere che ciò sarà ben compreso dal governo. Diversamente, saremmo di fronte a un problema davvero serio."

2 commenti:

  1. Più che di Einaudi e di Profumo, due modi diversi di valutare, in due mondi lontani anni luce tra loro, mi soffermo su Bersani. Le sue dichiarazioni, stavolta riferite alla scuola, provocano articoli e commenti ed entusiasmi. Sul momento.
    Domani ci sarà un'altra dichiarazione verso qualche altro settore, ma questa non si affiancherà a quelle precedenti, si sovrapporrà ad esse, di fatto dimenticandole.
    Se non ci saranno cambiamenti consistenti nei piani presentati dal governo, sono curioso di vedere come andranno le relative votazioni.
    Può 'sembrare' un'opinione di sfiducia nel suo far seguire alle parole i fatti, invece lo è.
    Un caro saluto e un abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. chissà se sposterà parole o virgole e se il contenuto cambierà nella sostanza? noi dobbiamo conservare la bilancia della nostra mente sveglia ... ciao carissimo

      Elimina

SI POSSONO INSERIRE RETTIFICHE E COMMENTI A QUESTO POST IMMEDIATAMENTE ED AUTOMATICAMENTE. CHI INSERISCE RETTIFICHE E COMMENTI LO FA SOTTO LA PROPRIA RESPONSABILITA’ – Il curatore di questo blog si riserva di cancellare rettifiche e commenti che possano contenere offese a terzi o appelli alla violenza. Grazie per ogni rettifica o commento che andate ad inserire. Quando posso e quando trovo qualche parola rispondo.

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.