venerdì 21 dicembre 2012

Buon auspicio una condanna, se si tratta di Banche


Nel maggio 2010 era iniziato il processo, ne avevo parlato nel post
 Le quattro banche (JPMorgan Chase, Ubs, Deutsche Bank e Depfa), a detta del sindaco Moratti, avrebbero inviato al Comune «una lettera ingannevole nella quale veniva assicurato che i derivati erano per noi economicamente vantaggiosi». 
 Finalmente con la notizia del 19 dicembre 2012 apprendiamo che le quattro banche sono state condannate
 Mancanza di trasparenza, notizie date ad arte in modo ingannevole, in parole più semplici: truffa, e la condanna contiene misure detentive per funzionari solerti negli affari in derivati.
 Si attendono i motivi della condanna, sicuramente le banche si appelleranno e arriveranno fino in Cassazione; la condanna definitiva, se ci sarà, la vedremo tra qualche anno. Ma questa notizia di condanna è di buon auspicio;  una buona novella  “anche le banche possono essere condannate”.
 Alle notizie di casa se ne aggiunge una a livello internazionale: alla UBS (colosso bancario svizzero) è stata inflitta una maxi multa di 1,5 miliardi di dollari
 Mentre i solerti funzionari di banca Milanesi ingannavano il comune di Milano, i solerti funzionari bancari svizzeri, con manovre sul Tasso Libor,  ingannavano chi chiedeva un mutuo.
 Certo queste condanne non portano a quel cambiamento necessario nel sistema bancario, ma la debole luce di una candela può servire ad indicare il cammino.
21/12/12 francesco zaffuto
immagine - candela accesa

4 commenti:

  1. Mi domando come si fa a credere più a quello che fanno e che dicono!!!
    Tomaso

    RispondiElimina
  2. l'importante è cominciare anche a piccoli passi......
    Buon Natale

    RispondiElimina
  3. Secondo questi strozzini legalizzati si rifaranno abbondantemente!

    RispondiElimina
  4. Notizie che dovrebbero far meditare a fondo sulle cause della crisi mondiale, anche!

    RispondiElimina

SI POSSONO INSERIRE RETTIFICHE E COMMENTI A QUESTO POST IMMEDIATAMENTE ED AUTOMATICAMENTE. CHI INSERISCE RETTIFICHE E COMMENTI LO FA SOTTO LA PROPRIA RESPONSABILITA’ – Il curatore di questo blog si riserva di cancellare rettifiche e commenti che possano contenere offese a terzi o appelli alla violenza. Grazie per ogni rettifica o commento che andate ad inserire. Quando posso e quando trovo qualche parola rispondo.

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.