mercoledì 19 dicembre 2012

L’Italia nuova Las Vegas, mille nuove sale poker


Vi tolgo IMU sulla prima casa. Il conduttore televisivo Vespa chiede a Berlusconi come troverà i soldi per compensare la mancata entrata fiscale ed arriva la risposta: 1,8 miliardi con una tassa sui giochi pubblici  e poi ecc …ecc...
 Perfetto, intanto il partito di Berlusconi (PdL), in linea con il suo leader,  ha presentato un emendamento in Parlamento  per avviare con urgenza l’apertura di mille sale poker in Italia fin dal primo gennaio 2013.
Qui la sconcertante notizia
La diffusione dell’azzardo in Italia non è solo opera di Berlusconi, lo stesso Monti avrebbe fatto partire le nuove sale gioco nel giugno 2013, e in passato altri governi hanno fatto leva finanziaria con il gioco d'azzardo.
 Lo Stato ci guadagna.  Ci guadagnasse solo lo Stato, ancora sarebbe comprensibile; ma ci guadagnano un una “banda” di imprese che si occupano di tale “caritatevole” attività che nulla ha a che fare con la produzione o i servizi.
  Già ogni tabaccheria gronda di biglietti di lotterie, di propaganda del lotto e di macchinette mangia euro; dal 2013 potremo avere sotto casa un piccolo casinò, e se vogliamo restare in casa c’è l’azzardo online. Mentre in USA esiste una città chiamata Las Vegas, in Italia il gioco d’azzardo si diffonderà per tutto lo stivale.
 Certo,  il cittadino per risolvere i suoi problemi finanziari si potrà rivolgere  al gioco d’azzardo e in questo modo un paio vinceranno e per altri cento aumenterà la disperazione più buia, alcuni resteranno addirittura prigionieri del gioco al punto che saranno necessari interventi sanitari per curarli.
19/12/12 francesco zaffuto
immagine - un poker d'assi

6 commenti:

  1. Notizie che si affastellano, l'una più insensata dell'altra e intanto i problemi diventano per noi sempre più pesanti.

    RispondiElimina
  2. Dimenticavo di lasciarti i miei auguri, anche se questo mi ricorda che il Natale è la Festa del consumismo per eccellenza.
    Ma insomma Buon Natale e Buon Anno.

    RispondiElimina
  3. Caro Francesco qui ci vorrebbe proprio un miracolo di Natale, ma se anche avvenisse sicuramente i soliti imbroglieranno.
    Intanto ti lascio gli auguri di buone feste caro amico.
    Tomaso

    RispondiElimina
  4. E il cosiddetto mercato anticipa le eventuali decisioni "politiche" relative ai giochi: negli ultimi tempi ho notato l'aumento degli spot televisivi invitanti alla partecipazione a svariati 'giochi', soprattutto on-line.
    Sono spot che troverebbero il giusto paragone con un ipotetico invito a bere alcolici prima di mettersi alla guida di un mezzo semovente.
    Il fondo del barile, ormai grattato allo sfinimento, non c'è più: sotto c'è il vuoto, un vuoto senza fine.
    Ciao.

    RispondiElimina
  5. Le jeux surtout...
    Mio caro amico I tuoi auguri mi sono particolarmente graditi. Anche a te ed i tuoi ti raggiungano, efficaci e forieri di ogni bene.
    La tua 'produzione', particolarmente aumentata, di recente, mi suggeriscono di pensare ad una tua riconquistata forma. Mi piace pensare che sia così.
    Buona fortuna anche a te ... i casinò ovviamente non c'entrano.

    RispondiElimina
  6. Cosa mai potrebbe proporre uno come Berlusconi? Tutto quanto non fa altro che rattristare e imbestialire!

    RispondiElimina

SI POSSONO INSERIRE RETTIFICHE E COMMENTI A QUESTO POST IMMEDIATAMENTE ED AUTOMATICAMENTE. CHI INSERISCE RETTIFICHE E COMMENTI LO FA SOTTO LA PROPRIA RESPONSABILITA’ – Il curatore di questo blog si riserva di cancellare rettifiche e commenti che possano contenere offese a terzi o appelli alla violenza. Grazie per ogni rettifica o commento che andate ad inserire. Quando posso e quando trovo qualche parola rispondo.

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.