sabato 8 dicembre 2012

Per il Cardinale Scola è forse meglio uno Stato integralista?



Nel tradizionale “Discorso alla città” in occasione delle festività di Sant’Ambrogio il Cardinale Scola ha sostenuto questa tesi:
il «modello francese di laicité che è parso ai più una risposta adeguata a garantire una piena libertà religiosa, specie per i gruppi minoritari, si presenta a prima vista idoneo a costruire un ambito favorevole alla libertà religiosa di tutti». Ma, sostiene il cardinale, la laicità «ha finito per diventare un modello maldisposto verso il fenomeno religioso». E «la giusta e necessaria aconfessionalità dello Stato ha finito per dissimulare, sotto l'idea di neutralità, il sostegno a una visione del mondo che poggia sull'idea secolare e senza Dio». Ha rimarcato tutto il suo scetticismo sul modello di Stato «neutro» rispetto alle religioni e non confessionale perché alla fine «lo Stato cosiddetto "neutrale", lungi dall’essere tale, fa propria una specifica cultura, quella secolarista, che attraverso la legislazione diviene cultura dominante e finisce per esercitare un potere negativo nei confronti delle altre identità, soprattutto quelle religiose, presenti nelle società civili tendendo a emarginarle, se non espellendole dall’ambito pubblico».
   Che dire Cardinale, la laicità è un metodo e non una confessione. Lo Stato non è un uomo e neanche un insieme di uomini che stanno uniti per uno scopo. Lo Stato è un organismo fatto da più uomini che vivono in un territorio insieme per storia, natura e caso; oggi in Italia ci stanno cattolici, protestanti, maomettani, induisti, agnostici, atei; ed è necessario che vivano liberi e con il dovere di rispettarsi reciprocamente. La laicità permette un qualche equilibrio di libertà, e in Italia i cattolici non possono dirsi oppressi. Forse sua eminenza, pur di star lontano da un Pisapia e dal suo registro delle coppie di fatto,  preferisce una ipotesi di Stato come in Arabia Saudita o un ritorno a prima del Risorgimento?
08/12/12 francesco zaffuto

Immagine – foto del Duomo di Milano e dell’arcobaleno dal blog di Alberto Cane

3 commenti:

  1. Caro Francesco, come sai vivo all'estero! sono curioso di vedere come andrà a finire...
    Temo che saremo sempre in Italia!!!
    I miei oltre 80 anni ne ho le prove.
    Tomaso

    RispondiElimina
  2. Qui non perdono né pelo né vizio.


    p.s.
    Fu un pomeriggio memorabile quello degli arcobaleni.

    RispondiElimina

SI POSSONO INSERIRE RETTIFICHE E COMMENTI A QUESTO POST IMMEDIATAMENTE ED AUTOMATICAMENTE. CHI INSERISCE RETTIFICHE E COMMENTI LO FA SOTTO LA PROPRIA RESPONSABILITA’ – Il curatore di questo blog si riserva di cancellare rettifiche e commenti che possano contenere offese a terzi o appelli alla violenza. Grazie per ogni rettifica o commento che andate ad inserire. Quando posso e quando trovo qualche parola rispondo.

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.